Cultura Presentato il Calendario di Umbertide 2017

Riceviamo e pubblichiamo E' stato presentato ieri, presso il Museo Santa Croce, il Calendario di Umbertide 2017, dedicato quest'anno alla cucina tradizionale, ai prodotti a km zero e ad un approccio più sano e genuino alla vita. In una sala gremita di umbertidesi che non hanno voluto perdere questo importante appuntamento, sono intervenuti l'assessore alla Cultura Raffaela Violini, che ha curato personalmente la redazione del calendario, il sindaco Marco Locchi e Marino Marini, fiduciario di Slow Food Alta Umbria e docente presso l'Università degli studi di Perugia e l'Università dei Sapori che ha relazionato sulle eccellenze alimentari della tradizione nelle nuove visioni d'innovazione gastronomica. “Quest'anno il calendario è profondamente rinnovato, sia nella grafica che nei contenuti - ha affermato l'assessore Violini – Abbiamo scelto un tema che in un primo momento può apparire scontato ma non lo è, visto che lo scopo di questo calendario è quello di riscoprire le ricette di una volta, rivisitate in chiave moderna, omaggiando il mangiar sano e genuino tipico delle nostre nonne. Quella di quest'anno è quindi un'edizione tutta da gustare, con una carrellata di ricette dolci e salate, tradizionali ed innovative insieme, che si potranno anche staccare e conservare all'interno di un apposito ricettario”. “Siamo giunti alla 26esima edizione del Calendario di Umbertide – ha aggiunto il sindaco Locchi - che quest'anno si presenta completamente rinnovato senza però tralasciare la tradizione, quella di accompagnare gli umbertidesi nel nuovo anno, giorno dopo giorno, riscoprendo le bellezze e le eccellenze del nostro territorio”. Al termine della presentazione è stata inaugurata l'esposizione “Le Tavole delle Feste” che sarà visitabile per tutto il periodo delle festività natalizie nei giorni e negli orari di apertura del museo. In mostra tavole natalizie allestite con il contributo delle attività commerciali umbertidesi Busatti, Tirilego, Tree Events, Zumar, Gioielleria Castelletti Mariano, Nuova Cer, Brescia, Ceramiche Rometti, “che hanno colto l'occasione – ha aggiunto l'assessore Violini - per proporre originali allestimenti da cui gli umbertidesi potranno certo prendere spunto in vista delle imminenti festività e alle quali va il mio sentito ringraziamento per aver aderito all'iniziativa”. La giornata si è conclusa con una ricca degustazione di cioccolata calda, caffè, tè e tisane, accompagnati da pasticcini, a cura di Lucaffè.   

20/12/2016 08:49:20

Cultura Domenica 18 dicembre presentazione del Calendario di Umbertide 2017

Riceviamo e pubblichiamo Verrà presentato domenica 18 dicembre alle ore 17, presso il Museo Santa Croce, il Calendario di Umbertide 2017, dedicato quest'anno alla cucina tradizionale, ai prodotti a km zero ed un approccio più sano e genuino alla vita, un'edizione tutta da gustare, con una carrellata di ricette dolci e salate della tradizione rivisitate in chiave moderna, che si potranno anche staccare e conservare all'interno di un apposito ricettario. Alla presentazione del Calendario interverranno l'assessore alla Cultura Raffaela Violini, che ha curato personalmente la redazione del calendario, il sindaco Marco Locchi e Marino Marini, fiduciario di Slow Food Alta Umbria e docente presso l'Università degli studi di Perugia e l'Università dei Sapori che relazionerà sulle eccellenze alimentari della tradizione nelle nuove visioni d'innovazione gastronomica. Al termine della presentazione verrà inaugurata l'esposizione “Le Tavole delle Feste” che sarà visitabile per tutto il periodo delle festività natalizie nei giorni e negli orari di apertura del museo. In mostra tavole natalizie allestite con il contributo delle attività commerciali umbertidesi Busatti, Tirilego, Tree Events, Zumar, Gioielleria Castelletti Mariano, Nuova Cer, Brescia, Ceramiche Rometti, alle quali vanno i ringraziamenti dell'Amministrazione Comunale. Il pomeriggio si concluderà con una degustazione di cioccolata calda e tè con i pasticcini per augurarsi tutti insieme buone feste.     

16/12/2016 16:54:54

Cultura Umbertide: riduzione rifiuti, alla ''Di Vittorio'' buone pratiche con Plastic Food Project

Riceviamo e pubblichiamo  Didattica ambientale ma anche educazione all'alimentazione si legano nel percorso che la scuola Primaria "Giuseppe di Vittorio" di Umbertide ha intrapreso con la collaborazione dell'artista Pierluigi Monsignori e il suo Plastic Food Project UUD Erasmus + (Utilità, Usabilità, Disponibilità), in partnership con diversi paesi della Comunità Europea come Lituania, Bulgaria, Romania e Spagna. Dopo l'iniziativa "La merenda di una volta" in cui i bambini hanno riscoperto il piacere di consumare  il "pane e pomodoro", semplice, buono, ma soprattutto ecologico, il percorso verso un'alimentazione più sana ha condotto ad un'effettiva riduzione dei rifiuti, in questo caso degli involucri delle merendine preconfezionate, che nella partecipazione alla SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) ha trovato il momento di massima espressione. I bambini infatti hanno avuto modo di riflettere, sperimentando in prima persona l'impatto con un mondo in cui la presenza sempre più preponderante degli imballaggi è diventata ingestibile: involucri di merendine e confezioni di plastica disseminate per l'aula magna della Di Vittorio hanno perfettamente reso l'idea di quello che potremmo arrivare a vedere in un futuro non molto lontano, qualora la produzione dei rifiuti mantenesse lo stesso ritmo. Un messaggio importante dunque scaturito da un'azione d'effetto nata dalla consapevolezza che, se si educano i bambini, dall’altro, indirettamente, lo si fa anche con i genitori grazie alla straordinaria capacità dei più piccoli di veicolare ciò che hanno appreso alle proprie famiglie, diventando in questo modo loro stessi “educatori ambientali”. "La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti - ha ricordato Monsignori - sottolinea l'importanza di far crescere nei bambini una coscienza ambientale che si sviluppa man mano fino all’adolescenza. Solo così si potrà contare, nel futuro, su uomini e donne maggiormente attenti alla tutela del mondo in cui viviamo. Un ringraziamento va alla Commissione Europea che promuove da sempre progetti a salvaguardia del nostro pianeta.” Plastic Food Project da anni collabora con enti pubblici e privati, ma soprattutto con scuole ed università per comunicare attraverso l'arte la riduzione dei rifiuti all'origine, diventando un punto di riferimento nella diffusione dei valori sociali e dei messaggi ecologici in tutta Europa. "Oggi è fondamentale offrire ai bambini esperienze didattiche e ludiche come queste per introdurli nel complicato mondo dei rifiuti - ha aggiunto Angela Monaldi, dirigente scolastica del II Circolo didattico -mostrando loro quanto possono contribuire al miglioramento dell’impatto ambientale con piccole azioni quotidiane.  La nostra scuola continuerà a muoversi in questa direzione promuovendo diverse iniziative nel corso dell'anno scolastico".

29/11/2016 09:48:00

Cultura ''La historia me absolverà'' il pensiero di una nostra lettrice alla morte di Fidel Castro

Il pensiero della nostra lettrice Dafne Malvasi, condiviso dal nostro editore Enzo Lepri, dopo la morte del lider maximo Fidel Castro.  "La Historia me absolverá". No Fidel, la Storia non ti assolverà. Sei già stato giudicato e condannato. La Storia non perdona un giovane avvocato bianco che con un manipolo di giovani idealisti cercano di trasformare un'idea di giustizia in realtà. Cuba era il cortile di casa degli Stati Uniti, e come tale doveva restare sotto il loro controllo. La Storia non ti assolverà perché hai riso di lei stessa, beffandola. Senza alcuna minima possibilità di farcela, ce l'hai fatta. Solo un pazzo avrebbe potuto credere a quanto stava accadendo. Giovani rivoluzionari che mostrano concretamente che i poveri cubani non dovevano accettare di vivere di stenti, di quella polvere delle briciole che Batista e gli Usa lasciavano loro. La Storia non può assolverti, perché i poveri non la fanno la storia. Sono mero numero freddo e brutale della macelleria umana di cui vive la Storia. L'hai fatta nuovamente la Storia. Con la Rivoluzione finalmente il pane era di tutti e per tutti. Così come l'istruzione e la sanità. Ma la Storia non può assolverti. Sarai tu il de tiranno padre padrone di cui ci si ricorderà. Non un cenno all'embargo che per più di 50 anni gli Usa faranno pagare a Cuba per l'onta subita. Verranno ricordati solo i tuoi errori politici, che anche ci sono stati. Ora la Storia farà il suo corso. Finalmente. La democrazia verrà esportata a Cuba a suon di nuovi resort, privatizzazioni selvagge e ordine ristabilito. Finalmente le crociere potranno approdare qui e dare a tutti i democratici del mondo la possibilità di poter dire che hanno bevuto il mojito o fumato ill sigaro o aver goduto di cubane calde e sensuali. Ecco sta arrivando la democrazia. Accoglietela a braccia aperte. Vi ha atteso per decenni, standosene lì in attesa del suo momento. Eccolo. Ora o mai più."Patria o Muerte". Lunga morte a Fidel. Non c'è più Patria da difendere o Rivoluzione da compiere. La Storia divorerà tutto. Tranne la democrazia. Fidel... "Hasta la Victoria La Historia me absolverá". No Fidel, la Storia non ti assolverà. Sei già stato giudicato e condannato. La Storia non perdona un giovane avvocato bianco che con un manipolo di giovani idealisti cercano di trasformare un'idea di giustizia in realtà. Cuba era il cortile di casa degli stati uniti, e come tale doveva restare sotto il loro controllo. La Storia non ti assolverà perché hai riso di lei stessa, beffandola. Senza alcuna minima possibilità di farcela, ce l'hai fatta. Solo un pazzo avrebbe potuto credere a quanto stava accadendo. Giovani rivoluzionari che mostrano concretamente che i poveri cubani non dovevano accettare di vivere di stenti, di quella polvere delle briciole che Batista e gli Usa lasciavano loro. La Storia non può assolverti, perché i poveri non la fanno la storia. Sono mero numero freddo e brutale della macelleria umana di cui vive la Storia. L'hai fatta nuovamente la Storia. Con la Rivoluzione finalmente il pane era di tutti e per tutti. Così come l'istruzione e la sanità. Ma la Storia non può assolverti. Sarai tu il de tiranno padre padrone di cui ci si ricorderà. Non un cenno all'embargo che per più di 50 anni gli Usa faranno pagare a Cuba per l'onta subita. Verranno ricordati solo i tuoi errori politici, che anche ci sono stati. Ora la Storia farà il suo corso. Finalmente. La democrazia verrà esportata a Cuba a suon di nuovi resort, privatizzazioni selvagge e ordine ristabilito. Finalmente le crociere potranno approdare qui e dare a tutti i democratici del mondo la possibilità di poter dire che hanno bevuto il mojito o fumato ill sigaro o aver goduto di cubane calde e sensuali. Ecco sta arrivando la democrazia. Accoglietela a braccia aperte. Vi ha atteso per decenni, standosene lì in attesa del suo momento. Eccolo. Ora o mai più."Patria o Muerte". Lunga morte a Fidel. Non c'è più Patria da difendere o Rivoluzione da compiere. La Storia divorerà tutto. Tranne la democrazia. Fidel... "Hasta la Victoria Siempre  

26/11/2016 22:58:11

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy