Attualità » Primo piano Umbertide: la risposta del Sindaco Locchi ad Umbertide Cambia sulle unioni civili

Sdegnato, il sindaco Marco Locchi respinge le accuse avanzate dal presidente di “Umbertide Cambia” Gianni Codovini sulla mancata applicazione, da parte del Sindaco e della Giunta, della legge sulle Unioni Civili. Falsa e strumentale è l’affermazione che il Sindaco si sia chiuso in un silenzio eremitico, tanto da non far sapere se egli abbia dato la sua disponibilità a celebrare le unioni civili e se abbia, insieme alla Giunta, individuato gli ufficiali di stato civili preposti a questo atto, visto che la legge 76/2016 e il Regolamento attuativo parlano chiaro, non permettendo ritardi e omissioni da parte dei Comuni. Il Sindaco fa presente, anche se non ce ne era bisogno, che questo Comune ha attivato e proceduto tempestivamente ad organizzare il nuovo tipo di celebrazione non appena pubblicato il decreto del 23 luglio 2016 nella Gazzetta ufficiale n. 175 del 28 luglio. Gli uffici di Stato civile comunali sono quindi già pronti ed in grado di provvedere a tutto quanto previsto dalla legge e a fornire le necessarie informazioni ai cittadini interessati. Ovviamente, nessuno all’interno dell’Ente ha manifestato formalmente o informalmente il proprio dissenso ad officiare l’Unione Civile in quanto, si ricorda, la legge non prevede l’obiezione di coscienza e poi perché non se ne vede francamente il motivo. Anche questa volta assistiamo ad un’ulteriore strumentale offesa e denigrazione nei confronti del Sindaco, nella sua veste di Ufficiale di Governo, e dell’intera Amministrazione Comunale chiamata in causa. Per fortuna i cittadini hanno orecchie e occhi per intendere e capiscono certamente lo spirito polemico e per nulla costruttivo di Umbertide Cambia con questo articolo. Intanto, siamo pronti ad accogliere, senza alcuna riserva e senza alcuna bisogno di pubblicità, le coppie che si vorranno unire civilmente con il nuovo rito, tranquillizzandole del fatto che non ci sarà bisogno di far intervenire i Consiglieri comunali Conti, Faloci, Orazi per officiare le nuove unioni in quanto il Sindaco è sempre presente, nel pieno rispetto della legge, a disposizione dei cittadini, indipendentemente dal loro genere.

19/08/2016 17:56:31

Attualità » Primo piano Perugia: rapina in villa, presi i responsabili

Una rapina in villa con sequestro di persona, è stata compiuta la scorsa notte nei pressi di San Giovanni del Pantano, alla periferia di Perugia. Intorno alle 2.30 della scorsa notte, una pattuglia dell’aliquota radiomobile dei Carabinieri di Terni, con i colleghi di Amelia e da due volanti della Polstrada di Todi e Terni, ha fermato sull’E45, nei pressi di Terni, all’imbocco del Raccordo Terni-Orte, vicino un’area di servizio, l’autovettura a bordo della quale c’erano i due autori del crimine. Intorno alle 23.30 un 69enne di Ronciglione, insieme ad un suo amico pakistano 24enne residente nel suo stesso comune, era andato a Monte Tezio di Perugia presso la villa del fratello, un 75enne oncologo. I due, avuto accesso con una scusa in casa usando anche una chiave inglese, hanno aggredito violentemente il dottore e la moglie 70enne colpendoli al volto. Dopo essersi fatti consegnare con minaccia il denaro contante presente in casa, alcuni monili e i due cellulari delle vittime. Lasciate con le mani legate con degli stracci, i rapinatori sono fuggiti con l’autovettura dell’italiano. Poco dopo, grazie anche ad alcuni movimenti sospetti notati da una vicina, è stato dato l’allarme e diramate le ricerche dei fuggitivi. L’autovettura è stata  intercettata all’altezza di Terni e i due occupanti venivano prontamente bloccati. Alla coppia è stata sequestrata sia la chiave inglese utilizzata per l’aggressione, ancora sporca di sangue, che tutta la refurtiva, parte della quale era stata occultata dagli autori nei calzini. I due rapinatori sono stati associati al carcere di Terni. Le due vittime, portate dal 118 all’ospedale perugino, a seguito delle lesioni riportate sono state giudicate guaribili in 10 giorni per trauma cranico con ferite multiple.  

19/08/2016 12:46:14

Attualità » Primo piano Umbertide: il Sindaco Locchi denuncia il pessimo stato delle strade provinciali

Il sindaco di Umbertide Marco Locchi, in una lettera inviata alla Provincia di Perugia, all’Anas, alla Regione dell’Umbria e alla Prefettura di Perugia, ha voluto segnalare la pericolosità della circolazione stradale in alcuni tratti delle strade di competenza provinciale e statale presenti nel territorio del Comune di Umbertide. "Facendo seguito alle segnalazioni pervenute dai cittadini e agli accertamenti effettuati dallo stesso Ente, il sindaco Locchi ha portato all’attenzione delle Istituzioni competenti i tratti delle strade provinciali e statali ricadenti sul territorio che risultano danneggiati o privi di manutenzione tanto da pregiudicare la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale. In particolar modo è stata segnalata la gravità delle viabilità riguardante le vie di accesso a Preggio, situazione che ha spinto gli abitanti della frazione a presentare anche una petizione popolare in cui hanno denunciato la presenza di numerose buche e avvallamenti, l’assenza di regimentazione delle acque meteoriche e la mancanza di segnaletica. Stante la gravità delle situazioni riscontrate, il sindaco Locchi ha quindi invitato gli Enti competenti a provvedere al più presto all’eliminazione dei pericoli per la viabilità, ripristinando l’originario stato di manutenzione del manto stradale, delle vegetazione sulle banchine e della segnaletica.

18/08/2016 18:12:55

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy