Notizie » Politica Presentato stamattina il logo della lista civica ''Umbertide Partecipa per Marco Locchi''

Riceviamo e pubblichiamo Presentato stamattina il logo della lista civica “Umbertide Partecipa per Marco Locchi”. Un simbolo che richiama la nostra città con la Rocca stilizzata che si specchia sull’acqua a significare la trasparenza dell’operato dell’amministrazione passata e futura. Lo slogan ‘’Umbertide Partecipa’’ utilizzato già da oltre un anno per incontri ed assemblee con la cittadinanza, al quale è stato aggiunto il nome del candidato a sindaco per la lista. Un simbolo che racchiude quindi le parole chiave del programma della lista: Trasparenza, partecipazione. Il nome del candidato Sindaco racchiude inoltre altri valori quali onestà, dialogo, coerenza e risultati certi. Infatti le cose dette sono state fatte o sono in corso, ma comunque tutte programmate dalla precedente amministrazione che ha messo in cantiere numerosi progetti che si stanno tutti realizzando (anche se nei programmi di altre liste vengono riportati sotto la voce “faremo”!!!): parco/serra disabili, area ex fornace con interventi manutentivi a carico di ditte umbertidesi, costruzione nuova scuola Monini, manutenzione straordinaria di tutti gli edifici scolastici, interventi ex tabacchi, interventi sulle frazioni ed altri. Una amministrazione che ha saputo interpretare, come un buon padre di famiglia, le priorità della propria città e che si ripropone in modo nuovo per completare i progetti avviati e per lanciare la sfida per Umbertide 2030. Lista Civica “Umbertide partecipa per Marco Locchi”

14/04/2018 20:40:24

Notizie » Politica Amministrative Umbertide 2018, il Partito Democratico punta su Paola Avorio (VIDEO)

Riceviamo e pubblichiamo "Voglio risolvere i problemi che ci sono e promuove la crescita della nostra città" - In tantissimi ieri sera a San Francesco per Paola Avorio Sindaco #percambiaredavvero   "Chi mi conosce sa che non sono brava a dire quello che non penso. Quindi non mi sentirete promettere cose impossibili da realizzare per un amministrazione comunale, anche se questo dovesse costare consenso elettorale in un periodo in cui a volte si vuole credere a tutto invece di guardare alla realtà e lavorare insieme per migliorarla. Un' Amministrazione comunale può  lavorare  per ridurre la pressione fiscale e può farlo a cominciare dalla TARI dove il relativo servizio di igiene urbana dovrà subire modifiche e miglioramenti. Un' Amministrazione comunale DEVE E PUÒ PRETENDERE IL RISPETTO DELLE REGOLE DI TUTTI COLORO CHE VIVONO AD UMBERTIDE.   Sul centro islamico, del quale molto si è parlato, certamente va ridiscusso e ridefinito l'utilizzo degli spazi nel rispetto della legge. Ad Umbertide NON  può esistere una moschea e i locali del centro islamico devono servire solo per chi vive ad Umbertide. Va ridefinito il protocollo sottoscritto tra le istituzioni, i cittadini devono essere protagonisti, devono conoscere ed essere consapevoli: laddove non c'è chiarezza si alimenta la paura e la confusione. Un' Amministrazione comunale deve e può aiutare le forze dell'ordine e di polizia locale a pattugliare meglio tutto il suo territorio e CACCIARE DALLE SUE PIAZZE CHI SPACCIA E CHI RUBA.   Un'Amministrazione può mettere in campo e deve potenziare servizi sociali efficaci ed efficienti per sostenere i suoi cittadini in ogni età e necessità della vita, ad Umbertide abbiamo un CENTRO ALZHEIMER tanto efficace quanto ormai poco capiente, opereremo per renderlo più idoneo alle necessità crescenti della popolazione anziana. Un' Amministrazione comunale deve essere in grado di intercettare tutte le future occasioni di finanziamento nazionale a favore dell'istruzione, può fornire a tutte le scuole del territorio comunale un supporto rinnovato sia in termini di investimento, e  mi impegno a METTERE UN MILIONE DI EURO ALL'ANNO PER METTERE IN SICUREZZA E MIGLIORARE LE NOSTRE SCUOLE, sia di attenzione alla manutenzione dell'esistente.   Sarò sempre pronta a confrontarmi con tutti per risolvere i problemi che abbiamo: sulla vicenda dell'azienda di Calzolaro, ad esempio, non mi interessa dare colpe ma eliminare i disagi dei cittadini che hanno diritto a vivere in un ambiente salubre. E mi impegno a mettere in campo tutte le azione per DELOCALIZZARE  l'azienda in altre zone lontane dai centri abitati. E farò di tutto per promuovere tutte le azioni possibili per far crescere la nostra città, e nei prox gg. presenterò un programma dettagliato per la nostra Umbertide.   Mi metto a disposizione della mia città con la mia storia personale e la mia esperienza professionale: ci metto la mia faccia, la mia passione e il mio impegno"   Paola Avorio      

13/04/2018 15:39:05

Notizie » Politica Umbertide Cambia:''Una lista civica per governare il cambiamento''

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: UNA LISTA CIVICA PER GOVERNARE IL CAMBIAMENTO Né di destra, né di sinistra, con le idee, per Umbertide. Umbertide cambia si presenta, sottolineando le proprie caratteristiche: il “civismo” ed i valori della città. “Presentiamo i candidati consiglieri prima ancora del candidato Sindaco perché sono loro il nostro valore aggiunto”, sottolinea Giovanni Codovini, appunto candidato Sindaco del movimento. “Mettiamo in campo una squadra coesa, aperta alla società civile, competitiva e credibile per sostituire un sistema ormai al collasso e per governare con competenza e senza avventurismi. È una lista di cambiamento e di governo – aggiunge Codovini - composta da persone libere che vogliono contribuire con il loro impegno e la loro professionalità al risveglio di Umbertide”. Questi i 16 candidati. Claudio Faloci, capolista (Vice Prefetto), Raffaello Agea (Avvocato), Roberto Alunni Tullini (Agente in attività finanziaria), Walter Bonotto (Dirigente d’azienda, in pensione), Beatrice Cardinali (Commercialista), Spartaco Ceccagnoli (Ferroviere), Claudia Chiesi (Farmacista), Stefano Conti (Operatore Servizi per l’Impiego), Enrico Cristofani (Impiegato), Chiara De Chirico (Ristoratrice), Claudia Dominici (Avvocato), Diletta Mariotti (Dirigente d’azienda), Luigino Orazi (Coordinatore di radiologia), Girolamo Ponte (Parrucchiere), Susanna Susta (Educatrice), Tardocchi Alessio (Operaio magazziniere). “La lista - illustra Codovini - è lo specchio perfetto del progetto di Umbertide cambia: presenza del civismo, delle professioni, di gente che lavora e si impegna da sempre nel sociale. Lontana dai partiti, in essa sono rappresentati i valori della città: altruismo, onestà, laboriosità e senso della libertà, valori sui quali costruiremo il nostro modello di amministrazione. Rappresenta ugualmente il settore privato e pubblico e realizza quel patto generazionale e quell’apertura della città che mancano da tempo. I candidati, con i loro profili, abilità e competenze, sono in grado di realizzare quelle soluzioni strategiche e quel buon governo del quotidiano che sono i pilastri della nostra azione. Rispetto alla scorsa tornata elettorale il rinnovamento dei candidati è di oltre la metà. La componente femminile è giovane e di altissimo profilo. Vengono debitamente rappresentate le frazioni perché uno dei principali obiettivi del nostro programma è proprio la valorizzazione dei territori e delle loro peculiarità: Beatrice Cardinali per Calzolaro, Verna, Montecastelli; Susanna Susta per Pierantonio; Chiara De Chirico per la Valle del Niccone”. Intanto il candidato sindaco Giovanni Codovini ha aperto in facebook una sua pagina personale. 12.04.2018 Umbertide cambia    

13/04/2018 15:25:30

Notizie » Politica M5S:''Umbertide cambia si diverte a pensare a noi anziché redigere un proprio programma''

Riceviamo e pubblichiamo UNA POLITICA DA BAR Quando non si hanno idee né progetti concreti si preferisce screditare. Una tattica della vecchia politica che fa fatica a scomparire. Evidentemente anziché pensare ai contenuti si consumano energie per vedere cosa fanno gli altri e il più delle volte gli riesce pure male. Umbertide cambia si diverte a pensare a noi anziché redigere un proprio programma, facendo oltretutto anche una gran confusione (voluta?) su determinati argomenti. Ora essere accusati di non avere posizioni su certi atti discussi in consiglio comunale per noi significa distorcere la realtà e gettare il classico fumo negli occhi ai cittadini. Alla faccia della tanta conclamata trasparenza! Il famoso ordine del giorno presentato da Umbertide cambia non era relativo al solo centro culturale e al progetto della stesso. L'ordine del giorno discusso in consiglio riguarda il loro famoso percorso di integrazione. Cosa prevedeva questo patto nello specifico? Una mescolanza di argomenti dalla questione specifica del centro culturale islamico al potenziamento dei diritti della comunità musulmana come la possibilità di istituire un cimitero islamico, di distribuire nelle mense scolastiche “carne e cibo halal” e di istituire un consigliere comunale aggiunto nel consiglio comunale di Umbertide in rappresentanza della popolazione straniera. Se si riferiscono a questo ordine del giorno, affrontato in consiglio comunale il 22 settembre 2016, allora punti di convergenza nella sua interezza non ce ne sono. È stato respinto ogni nostro tentativo di emendarlo e di scindere i due aspetti, progetto centro culturale e potenziamento dei diritti dei cittadini musulmani. Forse, a questo punto, a non avere le idee chiare sono proprio gli stessi che preferiscono fare un'accozzaglia di argomenti piuttosto che affrontare seriamente e con discernimento certi temi delicati. Un nostro consiglio, anziché darsi pena per i propri avversari politici si facciano un'idea di come operare per il bene della città, con idee che non siano né di destra né di sinistra, ma le loro.

12/04/2018 08:16:28

Notizie » Politica Giovedì 12 aprile Umbertide Cambia presenta la lista dei candidati alle elezioni amministrative

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: GIOVEDI’ IL MOVIMENTO CIVICO PRESENTA LA LISTA PER LE COMUNALI DEL 12 APRILE Giovedì 12 aprile alle ore 19.15 presso la sede del comitato elettorale di Viale Unità d’Italia (ex Bar Italia) Umbertide cambia presenterà pubblicamente la lista dei candidati per le prossime elezioni comunali del 10 giugno. Dopo la candidatura a Sindaco di Gianni Codovini e l’indicazione di Claudio Faloci capolista il movimento civico schiera la sua squadra, “persone libere, lontane dai partiti – assicura Faloci – che vogliono contribuire con il loro impegno e le loro professionalità al risveglio ed al cambiamento della nostra città”. Il capolista di Umbertide cambia coglie l’occasione per una riflessione sull’attuale quadro politico, anche sulla base di alcune notizie apparse sugli organi di stampa. “A Liberi e uguali – precisa - non abbiamo offerto uno strapuntino, ma di condividere il nostro progetto di cambiamento del governo della città anziché rinchiudersi in una logica identitaria. Quel cambiamento che il PD non ha saputo proporre nemmeno al suo interno, nonostante la sconfitta elettorale, presentando quale candidato Sindaco il Presidente dell’Assemblea cittadina, Paola Avorio, la massima espressione dell’apparato gestito da Giulietti e Guasticchi, che qualche mese fa hanno utilizzato Locchi e l’Amministrazione comunale per i loro giochi di potere interni ed ora si ripresentano beatamente insieme con la pretesa di riabilitare se stessi anziché lasciare spazio ad una classe dirigente veramente nuova e credibile”. Sui 5 Stelle: “Non può che farci piacere vedere che per quanto riguarda il Centro Islamico il partito di Casaleggio si stia avvicinando alle nostre posizioni, resta il fatto – ricorda Claudio Faloci - che in Consiglio Comunale non hanno mai condiviso i nostri ordini del giorno in materia e non hanno approvato il Patto di cittadinanza da noi proposto. Quindi non riesco a capire quale in realtà sia la loro posizione in merito alla costruenda Moschea. Ce la spiegheranno”. “Se consideriamo la difficoltà del centro destra di avanzare una proposta politica unitaria – conclude Faloci - mi sembra che al momento il progetto di rinnovamento di Umbertide cambia sia quello più concreto, responsabile, utile per dare alla città un periodo di buon governo di garanzia ed un nuovo sviluppo”. 09.04.2018 Umbertide cambia

09/04/2018 11:57:52

Notizie » Politica Cgil, Cisl e Uil approvano scelte amministrazione Città di Castello su lavori in piazza dell’Archeologia

Riceviamo e pubblichiamo   Città di Castello: Cgil, Cisl e Uil, unitamente alle organizzazioni di categoria FILLEA CGIL FENEAL UIL FILCA CISL bene scelta amministrazione su piazza dell’Archeologia. Va alzata una barriera contro le infiltrazioni criminali   “Vanno adottate tutte le azioni necessarie per preservare il tessuto produttivo e la realizzazione di opere pubbliche da infiltrazioni e fenomeni di criminalità organizzata. Per questo, Cgil, Cisl e Uil dell’Alto Tevere approvano le scelte dell’amministrazione comunale di Città di Castello in merito ai lavori di ristrutturazione di piazza dell’Archeologia. “È necessario che il territorio alzi le necessarie barriere affinché ogni tentativo di contaminazione sia respinto - affermano Alessandro Piergentili (Cgil), Antonello Pacciani (Cisl) e Pier Giovanni Egidi (Uil) con i rispettivi responsabili territoriali del settore costruzioni - Le organizzazioni criminali non debbono trovare nel territorio dell'alto Tevere le condizioni e gli spazi per le loro azioni, anche indirette, di penetrazione. È in gioco, infatti, la qualità della vita civile di un territorio. Il movimento sindacale unitario - concludono i tre sindacalisti - si attiverà con tutte le forze per garantire una convivenza civile sana e democratica”.   Città di Castello, 6 aprile 2018 CGIL CISL UIL A. Piergentili A. Paccavia P.Egidi  

09/04/2018 10:15:37

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy