Notizie » Politica Trasporto pubblico locale, l'Amministrazione Comunale fa il punto

Riceviamo e pubblichiamo la risposta dell'Amministrazione comunale al consigliere Giovanni Codovini   Quella sul trasporto pubblico locale è stata l'ennesima inesattezza dal consigliere comunale Giovanni Codovini. Bisogna partire da tre dati di fatto che smontano definitivamente le posizioni del capogruppo di Umbertide Cambia qualche giorno fa. Il trasporto su gomma da diverso tempo versa in condizioni pietose, tanto che l'attuale giunta regionale si è trovata 15 milioni di euro di buco causati dall'arrivo di decreti ingiuntivi dimostrando così, in maniera cristallina, la superficialità con cui la sinistra, che ha governato la Regione fino a ottobre dello scorso anno, ha trattato il tema dei trasporti pubblici.   Lo scenario trovato dall'attuale Giunta regionale non è per niente roseo, anzi, verrebbe da dire che a essere ereditati sono stati solo e unicamente problemi. Pur essendo una situazione difficile, la nuova Giunta regionale si è interfacciata più volte con i vari territori umbri, cercando di coinvolgerli unicamente sul taglio di sprechi legati al trasporto pubblico locale su gomma, invece che usare la mannaia come è accaduto con la passata Giunta regionale.   Ricordiamo che l'estate scorsa, il Comune di Umbertide, quando la Regione governata allora dal centrosinistra ha deciso di usare la scure sul trasporto pubblico locale, si è preso in carico il problema e ha usato risorse provenienti dal proprio bilancio per garantire un servizio di collegamento delle frazioni al capoluogo. Per quanto riguarda la ex-Fcu, una infrastruttura preziosa e importante per tutto il nostro territorio, lasciata al proprio destino, Codovini e Umbertide Cambia, nell'ultimo periodo non hanno mai puntato l'indice contro chi, ovvero il centrosinistra, ha ridotto la ferrovia nello stato che tutti conosciamo. Nelle occasioni sopra citate, il capogruppo di Umbertide Cambia si guardò bene di polemizzare con quelli che, alla fotografia attuale, sembrano i suoi nuovi alleati.

24/02/2020 15:09:52 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “no al taglio dei trasporti pubblici locali”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa  a firma di Umbertide cambia La Giunta regionale della leghista Tesei taglia 3,5 milioni di euro al trasporto pubblico locale. Il Comune di Umbertide in silenzio accetta il diktat regionale. Umbertide isolato e caduta della qualità dei servizi. Necessario un Consiglio Comunale sul tema, anche per fare il punto sulla ferrovia «Oltre all’immobilismo amministrativo e a tartassare i cittadini con le imposte comunali - visto il nuovo accanimento al massimo dell’addizionale Irpef e dell’Imu - l’Amministrazione del Sindaco Carizia nasconde anche il taglio delle corse degli autobus da tagliare. Infatti la Regione leghista della Tesei ha deciso di  tagliare 3,5 milioni di euro sul trasporto pubblico locale; entro una settimana gli enti locali dovranno stabilire quali corse dovranno essere tagliate come “corse inutili” o accorpate a tratte urbane già esistenti. La Giunta leghista di Umbertide, amica della presidente leghista Tesei, - sostiene Gianni Codovini consigliere di Umbertide cambia - sta zitta, non convoca il Consiglio né le parti e né, ancor peggio, i portatori di interessi come studenti, pendolari e lavoratori. Tutto è nascosto, ma in gioco c’è la vita dei cittadini, di scuole, fabbriche e servizi. Da qui la nostra richiesta di convocare con urgenza un Consiglio Comunale sul tema dei trasporti, anche per fare il punto sulla drammatica situazione della ferrovia, che deve essere assolutamente riportata in una condizione di efficienza». Il direttivo di Umbertide cambia, per tale ragione, afferma che «il silenzio dell’Amministrazione umbertidese è un atto di autoaccusa. Mentre il presidente dell’Anci, il sindaco di Perugia Romizi, il sindaco di Terni, i sindaci dell’eugubino-galdese e Valnerina, insieme all’Unione dei Comuni del Trasimeno protestano e pongono dei limiti ai tagli, difendendo il proprio territorio, ad Umbertide ci si piega ai diktat della Regione. Visto che non è possibile compensare nemmeno con la tratta ferroviaria, in condizioni pietose, l’ulteriore taglio alle corse di Busitalia nel nostro territorio significa il definitivo affossamento e isolamento di Umbertide. Questo il risultato della Giunta regionale e della Giunta locale leghista: noi ci opporremo con una battaglia senza quartiere per la qualità dei servizi, per la tutela dei diritti delle persone e per la centralità di Umbertide».                                           

22/02/2020 18:15:58 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica LiberaIlFuturo: “sì a due odg, la direzione presa è quella giusta”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma di LiberaIlFuturo   Una giornata di sensibilizzazione nei confronti dell'abbattimento delle barriere architettoniche e della accessibilità. La proposta arriva dall'associazione civica LiberaIlFuturo, a margine dell'approvazione in maniera unanime da parte del Consiglio comunale di Umbertide di due ordini del giorno che vanno nella stessa direzione: uno sull'avanzamento del progetto "Zero Barriere" e un altro con il quale si impegnano il sindaco e la giunta a destinare 90mila euro del Ministero dell'Interno per terminare il percorso a che collega l'ospedale cittadino e l'Istituto Prosperius al centro storico di Umbertide. Si tratta di un passaggio di vitale importanza che ha visto unite maggioranza e opposizione in un progetto fondamentale per tutta la comunità. Un altro importante passaggio verso questa direzione è stato fatto anche con l'adesione del Comune di Umbertide, sempre votata in maniera unanime dal Consiglio, alla Carta dei Diritti delle persone con sclerosi multipla. Su questi temi è doveroso andare oltre le appartenenze politiche e lavorare insieme in maniera costruttiva. Come associazione daremo sempre il nostro apporto, perché oltre le bandiere c'è il bene della nostra città e di chi la vive ogni giorno. Vedere le mani di tutti i consiglieri comunali alzate per dare il loro convinto sì a entrambi gli atti rappresenta un segnale forte di collaborazione e di impegno. La strada verso l'accessibilità e verso il sostegno alle persone con disabilità è quella giusta.    

20/02/2020 19:11:04 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia «completare subito il progetto 'Zerobarriere'»

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma di Umbertide cambia Con uno specifico ordine del giorno da approvare in Consiglio Comunale Umbertide cambia impegna l’Amministrazione a completare la prima “isola” del progetto “Zerobarriere” che prevede l’eliminazione di ogni barriera architettonica nell’area Ospedale- Prosperius-Centro storico, chiedendo inoltre la certificazione «Zerobarriere» del Palazzo comunale in fase di ristrutturazione. “Più in generale – sottolinea il capogruppo di Umbertide cambia Gianni Codovini – sarebbe necessaria la presentazione e approvazione da parte della Giunta del «Piano di accessibilità agli spazi urbani» (Pau) e del «Piano di eliminazione delle barriere architettoniche» (Peba) riguardante gli edifici pubblici o aperti al pubblico, nonché la modifica del Piano triennale delle opere pubbliche inserendo appunto il Progetto «Zerobarriere» con relativa presentazione del Piano finanziario, visto che del progetto, promosso e sostenuto da importanti associazioni del volontariato cittadino, non vi è traccia nel Bilancio comunale nel Piano triennale dei lavori pubblici, nel DUP e nel PEG”. L’Istituto del Marchio di qualità «Zerobarriere» (IMZ) è stato costituito ad Umbertide nel 2010 ed è operante grazie ad un’associazione del volontariato umbertidese. Uno degli obiettivi di «Zerobariere» è l’accessibilità della città, a cominciare dall’eliminazione delle barriere architettoniche. L’originario progetto «Zerobarriere» prevedeva il collegamento tra loro delle strutture pubbliche (scuole, Comune, Distretto sanitario) e aree verdi della città, per un totale di quattro Km di marciapiedi accessibili a tutti. Il 22 maggio 2016 venne inaugurato il primo stralcio dell'intervento di eliminazione delle barriere architettoniche nella città, che ha interessato il percorso Ospedale-Prosperius-Centro storico, secondo quanto appunto definito dal Progetto «Zerobarriere». Tale primo stralcio, che non è stato poi compiutamente realizzato coinvolgendo, come da progetto, il Centro storico, ha permesso di realizzare un percorso accessibile ai disabili nel parco adiacente il parcheggio dell'ospedale con tanto di pavimentazione drenante ed illuminazione a terra, e di eliminare le barriere architettoniche lungo via Forlanini, azzerando ogni dislivello specie all'altezza degli attraversamenti pedonali adottando sistemi Loges per l'orientamento e la riconoscibilità degli ostacoli per non vedenti ed ipovedenti, che oggi non sono in efficienza.

16/02/2020 11:00:02 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Galmacci (Lega Umbertide) commenta la cerimonia in memoria dei Martiri delle Foibe

L'Amministrazione di Umbertide il 9 febbraio scorso ha celebrato la Giornata del Ricordo in memoria dei Martiri delle Foibe intitolando loro una via. Durante la breve ma toccante cerimonia è stata anche deposta una corona di alloro. Vittorio Galmacci, segretario cittadino Lega commenta cosi l'evento che ha visto una numerosa partecipazione dei cittadini umbertidesi:   "Si ricorda come migliaia e migliaia, tra Istriani e Italiani, siano stati uccisi alla fine del II conflitto mondiale in modo assolutamente barbaro; molti furono gettati nelle cavità carsiche ancora vivi o feriti, catene umane legate ai polsi con filo di ferro dove bastava spingere il primo che poi si trascinava dietro tutti gli altri. Martiri della barbarie comunista, dell’Armata Rossa per la liberazione della Iugoslavia che esattamente come le gerarchie naziste si è macchiata di questi eccidi.   Tra i tanti partecipanti assolutamente ingiustificata è stata l'assenza dei rappresentanti del Partito Democratico e di Umbertide Cambia: in tal modo hanno dimostrato di continuare a negare una ricostruzione veritiera dei fatti sottraendosi alla responsabilità che le istituzioni hanno di contribuire a quella revisione storica negata negli ultimi settanta anni e che vorrebbe destinare le vittime del comunismo all’oblio e alla dimenticanza, a volerne fare in tal modo delle vittime di seconda classe"

12/02/2020 16:51:03 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “la nostra una opposizione educata, rigorosa, propositiva per il bene della città”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma di Umbertide cambia   Gli attacchi personali e scomposti che il Capogruppo della Lega Lorenzo Cavedon scaglia reiteratamente verso Gianni Codovini, Capogruppo di Umbertide cambia, dimostrano solo maleducazione istituzionale e debolezza politica. Da valutare, ma non spetta a noi, i profili penali delle dichiarazioni diffamatorie. Gianni Codovini non rappresenta affatto se stesso, ma tutta la struttura del movimento civico e soprattutto i 1.650 elettori che il nostro consigliere sta rispettando con dignità, impegno, competenza, capacità di proposta. Nel suo elenco della spesa Cavedon cita atti votati anche da Umbertide cambia, come, ad esempio l’armamento della polizia locale e il regolamento per il controllo di vicinato, contenuti nel nostro programma elettorale. Stiamo però aspettando che si traducano in fatti concreti utili a garantire maggiore sicurezza per la città. Quelli ancora non li abbiamo visti. Sulla realizzazione della nuova serra per persone con disabilità, costruzione con molte criticità,  Umbertide cambia si è addirittura a suo tempo impegnata in una raccolta di firme: non ci risulta l’appoggio di alcun attuale consigliere della Lega. Mentre sulla Moschea vorremmo capire se Cavedon sta con il suo Sindaco, che ha pagato con soldi pubblici un avvocato privato per farsi dire che tutti gli atti sono legittimi dopo aver centrato la campagna elettorale contro, oppure con il suo Consigliere Regionale, autore della denuncia di illegittimità. Cavedon ricorderà certamente che fu proprio Umbertide cambia a portare per prima in una iniziativa pubblica la questione Moschea, evidenziando gli errori compiuti dalle precedenti amministrazioni, ma proponendo un nuovo patto di cittadinanza con le comunità straniere, contro la cultura dell’odio, per una cultura del rispetto e della responsabilità. La scuola, per l’infanzia o primaria, non è solo costruzione di edifici. Questo è piuttosto un dovere di ogni pubblica amministrazione. Il valore aggiunto è il progetto educativo che sta dentro gli edifici. Quando abbiamo chiesto quale fosse il progetto educativo di questa Amministrazione e della sua maggioranza leghista abbiamo ricevuto in risposta un silenzio assordante. Noi, e tanto meno Gianni Codovini, non abbiamo alcuna frustrazione da sfogare. Non abbiamo fin dall’inizio accettato di partecipare a questa Amministrazione, e Cavedon lo sa, perché priva di un progetto politico-amministrativo, fondata su un incomprensibile compromesso con ex assessori del centro sinistra che tradisce l’alternativa votata dagli elettori, sostenuta da una schiacciante maggioranza leghista che però non incide sulle scelte amministrative. Svolgiamo con onestà e rigore il ruolo di opposizione. Forse è proprio questo che preoccupa e innervosisce la maggioranza! Sentiamo, oggi più di ieri, il dovere civico di impegnarci per il futuro di Umbertide con una nuova e diversa proposta amministrativa che stiamo costruendo sulle cose da fare, su una diversa cultura istituzionale, su un progetto politico chiaro e coerente. Non abbiamo fretta. Avremmo piuttosto bisogno di un confronto serio, per Umbertide.  

11/02/2020 11:13:52 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: «realizzare un polo di servizi alle persone»

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma di Umbertide cambia     Umbertide cambia torna a proporre la realizzazione di un polo per i servizi alla persona, che sostanzialmente tenga insieme Sportello del lavoro, Agenzia delle Entrate, Digipass, Informagiovani e possibilmente Servizi Sociali, garantendo spazi anche ad associazioni che tutelano i diritti dei cittadini e dei consumatori.   “Questa – sottolinea Gianni Codovini, capogruppo del movimento civico – è l’unica soluzione che consente di ottimizzare efficacia, spazi, costi, attivando una sinergia interistituzionale in grado di mantenere sul territorio servizi che altrimenti verrebbero persi”.   Lo Sportello dell’Agenzia delle Entrate, aperto al pubblico solamente nel giorno di Lunedì, svolge infatti una importantissima funzione che coinvolge direttamente cittadini, società commerciali, professionisti, enti e associazioni, servendo un vasto territorio. Non da meno il ruolo dello Sportello del Lavoro, con la sua proposta di servizi e politiche attive rivolte a giovani e adulti, alle quali in questi mesi si è aggiunta la gestione del reddito di cittadinanza, misura nazionale che prevede una forte integrazione tra i servizi per l’impiego ed i servizi sociali, appunto altro cardine del polo. Digipass può essere allora un servizio di supporto informatico utile ai diversi utenti, quindi perfettamente integrato.   “Peraltro – aggiunge Umbertide cambia – la Giunta comunale ha ribadito ad ARPAL Umbria, l’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, l’impegno dell’Amministrazione a ricercare tempestivamente una sede adeguata per l’ufficio di Umbertide, anche in una prospettiva di potenziamento dei servizi erogati”.   Tutto ciò premesso, Umbertide cambia chiede al Sindaco di illustrare in Consiglio Comunale le criticità che attengono al potenziamento di orari e di apertura degli Uffici territoriali dello Sportello dell’Agenzia delle Entrate e Digipass. Di spiegare in Consiglio comunale se rilevano ostacoli di natura tecnico/giuridica, finanziaria  e/o urbanistica alla predisposizione di un luogo specifico che funga da Polo dei servizi territoriali e faciliti l’accesso dei cittadini ad essi. Di indicare, nel caso della difficoltà di addivenire ad un Polo dei servizi integrato che mette in relazione Sportello del Lavoro, Sportello delle Entrate, Digipass, Servizi sociali, Informagiovani, quali misure concrete di potenziamento dei servizi territoriali siano previste e quali risorse si intende impegnare”.              

09/02/2020 18:29:35 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Cavedon (Lega):“Codovini sfoghi pure le sue frustrazioni sui social: noi governiamo con i fatti”

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa a firma del Capogruppo Lega Umbertide Lorenzo Cavedon “Apprendiamo che il capogruppo di se stesso, Giovanni Codovini, dispone di tutte le soluzioni necessarie per risolvere le problematiche legate alla nostra città”, ha esordito il Capogruppo della Lega nel Consiglio Comunale di Umbertide, Lorenzo Cavedon. “Ci domandiamo pertanto - ha proseguito - come mai non sia considerato uno statista politico di fama internazionale e soprattutto perché non abbia vinto le elezioni. Sarebbe interessante anche che spiegasse cosa lo ha portato a trasformarsi dal più accanito detrattore a fervente sostenitore del Partito Democratico nel giro di una manciata di mesi. L’unica certezza è che non è altro che il comandante di un movimento civico ormai naufragato. Di certo ne apprezziamo l’audacia - ha incalzato il leghista - davvero lui, il Solone della politica frattigiana, ha il coraggio di parlare di etica pubblica? Proprio lui che, nella sua pagina facebook, laboratorio ormai collaudato di fake news, nel rispondere a un cittadino che chiedeva come mai non si fosse recato a Calzolaro, ha dichiarato che la latitanza era dovuta alla scelta dei calzolaresi di lasciare che governasse la Lega. Grande espressione del suo senso delle istituzioni e attestazione dell’enorme rispetto che il bardo del PDUC porta alla più nobile forma di democrazia: il voto popolare. Un atteggiamento infantile, che testimonia l'incapacità del consigliere Codovini di rispettare le fondamenta di un regime democratico. Codovini non risparmia accuse alla Lega, colpevole, a detta sua, di non essere promotrice di idee concrete per la città di Umbertide. Le sue dichiarazioni - ha commentato Cavedon - generano ilarità se si considera che lui è sì un promulgatore di idee, ma tutte dannose per il Comune e per gli abitanti, in particolare per quelli delle fasce più deboli. Sicuramente tutti ricorderanno l’emendamento della vergogna che portava la firma di Codovini e dei suoi fedeli sodali del PD. Lui che dispone delle soluzioni ai mali del mondo, ha avuto la grande idea, condivisa dai suoi compagni ma osteggiata e rigettata con convinzione dalla maggioranza, di gravare sulle fasce meno abbienti con tasse più onerose. Chi si trova nell’assoluta povertà di contenuti, purtroppo si piega sempre alla mistificazione della realtà. Che l’amministrazione Carizia si stia adoperando per risollevare la situazione della nostra città è sotto gli occhi di tutti - ha sottolineato il Capogruppo - Sono i fatti a raccontare il duro lavoro e l’impegno che ognuno di noi profonde quotidianamente per il bene di Umbertide. Abbiamo modificato il regolamento per l’assegnazione delle case popolari, dando priorità ai residenti nel nostro comune, alle donne vittime di violenza e alle famiglie bisognose. Abbiamo dato battaglia per ottenere l’armamento della Polizia Locale e approvato in Consiglio il regolamento per il Controllo del vicinato. Ci siamo adoperati per mettere in sicurezza un’area fondamentale come quella di Piazza Marx e in primavera inaugureremo la nuova serra disabili, a suo tempo eliminata dalla sinistra per consentire la costruzione della moschea. A metà del mese di febbraio inizieranno i lavori per la demolizione della scuola dell’infanzia Monini che sarà ricostruita nel capoluogo, come da accordi con la ditta esecutrice, entro un anno dalla data di inizio delle operazioni e parallelamente prosegue senza sosta anche l’impegno per i lavori di ristrutturazione che interesseranno la scuola primaria di Niccone. A Codovini lasciamo la discutibile gioia di sfogare su Facebook le sue frustrazioni - ha concluso Cavedon - noi abbiamo il dovere di governare tenendo fede al mandando che ci è stato affidato dagli elettori per dare un futuro nuovo alla nostra città”.

06/02/2020 16:49:42 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy