Notizie » SLIDER Ospedale di Umbertide: quale futuro

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra l’Amministrazione Comunale di Umbertide e la direzione della Usl Umbria 1 con i dipendenti dell’ospedale cittadino. Per l’azienda sanitaria erano presenti il direttore generale Giuseppe Legato, il direttore del Distretto sanitario dell’Alto Tevere Daniela Felicioni e il direttore del presidio ospedaliero Città di Castello – Umbertide Silvio Pasqui. Nel corso dell’incontro il direttore Legato ha ribadito che l’ospedale di Umbertide non subirà né tagli né razionalizzazioni; il nosocomio cittadino, anzi, sarà oggetto di una serie di interventi atti a migliorare i servizi al cittadino, ed in particolare si procederà con il potenziamento delle tecnologie e la sistemazione dei locali del reparto di Radiologia e inoltre, entro il mese di giugno, con l’attivazione di alcuni posti di Residenza Sanitaria Assistita, servizio di livello e intensità assistenziale intermedi, capaci di garantire l’integrazione e la continuità delle cure tra il livello ospedaliero, territoriale e domiciliare. I posti letto di Residenza Sanitaria Assistita consentiranno infatti di gestire in modo più appropriato il ricovero ospedaliero, di liberare risorse e di rendere più efficiente l’offerta assistenziale integrata ed intermedia. Nonostante quindi le voci, infondate, di un depotenziamento dei servizi offerti, è stata riconfermata la centralità dell’ospedale di Umbertide nell’ambito del presidio ospedaliero dell’Alto Tevere, che registra performance di tutto rispetto anche in termini di mobilità attiva, con un saldo positivo e un significativo numero di pazienti provenienti da fuori ASL.  In generale, con un fatturato che anche nel 2013 supera i 6milioni  di euro, il presidio lo scorso anno ha registrato circa 2.300 ricoveri di cui il 43% circa in regime di Day Hospital e Day Surgery. In particolare, con riferimento alla degenza ordinaria nelle unità operative di chirurgia plastica ricostruttiva, chirurgia, otorinolaringoiatria e medicina si è registrato un tasso di utilizzo della struttura superiore all’81%. Tendenzialmente stabile, l’attività chirurgica si attesta sopra le 2.000 prestazioni, di cui 1.295 in regime di ricovero e oltre 800 in regime ambulatoriale, mentre l’attività specialistica ambulatoriale conta più di 38.200 prestazioni per un fatturato che da solo vale oltre un milione e duecentomila euro.

17/05/2014 07:13:29

Notizie » SLIDER Umbria Acque: bilancio e servizi

L’Assemblea dei Soci di Umbra Acque S.p.A., società mista costituita al 60% dai 38 Comuni degli ATI 1 e 2 dell’Umbria ed al 40% dal socio operativo ACEA S.p.A., ha approvato il Bilancio consuntivo 2013 predisposto dal Consiglio di Amministrazione. Nel 2013, la puntuale opera di efficientamento dei costi operativi, senza intaccare la qualità del servizio idrico erogato, ha consentito di chiudere il Bilancio con un utile pari ad Euro 3.102.489,71 che i Soci hanno deciso di destinare, integralmente, a riserva per alimentare i necessari investimenti infrastrutturali nei territori serviti. Dal 2008 a oggi Umbra Acque ha reinvestito sul territorio circa il 90% degli utili conseguiti, per un valore superiore a 8 milioni di Euro. Sul versante costi, in particolare, è da segnalare la riduzione di circa un milione di Euro (6%) del costo del personale, frutto della riduzione dell’organico (dai 351 dipendenti al 31/12/2010 si è passati ai 336 del 31/12/2013) e della nuova organizzazione interna che ha consentito, a parità di efficacia del servizio all’utenza, l’abbattimento delle ore di straordinario, più che dimezzate rispetto agli anni precedenti. Anche la scelta strategica di reinternalizzare diverse attività operative (es. manutenzione ordinaria e straordinaria, contatoristi, call center), ha consentito di impiegare al meglio le risorse umane in organico abbattendo il costo degli appalti per i lavori esterni (risparmi per oltre 3 milioni di Euro). Il costante monitoraggio e presidio di tutti i centri di costo sono palesati anche dalla flessione dei costi di gestione relativi allo smaltimento fanghi ed autospurghi (dagli oltre 3 milioni del 2011, ai 2.340 ca. del 2013) ed ai materiali di consumo (inerti, reattivi, ossigeno, materiale tecnico, ridotta dal 2012 al 2013 di quasi mezzo milione di Euro). E’ inoltre da evidenziare un’attenta politica di recupero delle morosità pregresse (dal 2010 al 2013 incassati circa 3,3 milioni di Euro), volta a tutelare i numerosi utenti che pagano regolarmente il servizio idrico fornito e che distingua le morosità tra quelle dei “furbi” e quelle delle famiglie in difficoltà. All’opera di ottimizzazione dei costi e di aumento della produttività, si è affiancata quella di rimozione delle cause e di contenimento dell’indebitamento, che nell’ultimo triennio è passato da 53 milioni a 32 milioni di Euro, garantendo il recupero di credibilità economico/finanziaria alla Società ed un nuovo accesso al credito a medio/lungo termine per finanziare gli investimenti necessari. Nell’ultimo decennio, Umbra Acque ha realizzato investimenti per 130 milioni di Euro, di cui circa 100 a carico del sistema tariffario e 30 con finanziamenti pubblici comunitari; rispetto agli anni 2003 e 2004, la capacità di investimento è più che raddoppiata (da 4,5 a 10 milioni di Euro/anno), consentendo la realizzazione di infrastrutture “invisibili beni comuni” volte al miglioramento della qualità del servizio e dell’ambiente, per i cittadini di oggi e per le generazioni future. Efficacia del servizio (apprezzata in tutte le indagini di customer satisfaction), ingenti investimenti infrastrutturali, utilizzo di tecnologia all’avanguardia consentono un’efficienza nei costi, con una tariffa media, per gli utenti domestici per l’anno 2013, deliberata dall’Assemblea degli ATI 1 e 2 dell’Umbria pari a 1,67 Euro al metro cubo (un litro d’acqua costa in media 0,167 centesimi). Questa tariffa è nettamente la più bassa dell’Umbria e in piena media nazionale, come rilevato anche dall’Osservatorio Tariffe e Tributi Locali promosso dalla Regione Umbria, Associazioni dei Consumatori e Agenzia Umbria Ricerche. Il dato risulta confermato anche se si misura il costo medio annuo per una famiglia-tipo di tre persone, il cui consumo è di 120 metri cubi pari ad un pagamento circa 200 Euro annui. Tale pagamento assicura la continuità di avere a casa acqua potabile di qualità e “supercontrollata” (la Società svolge annualmente oltre 10.000 controlli/analisi) e per il servizio di fognatura e depurazione dei reflui. La società guarda con fiducia al futuro, auspicando per il settore idrico un assetto definitivo, industriale ed imprenditoriale, che può essere perseguito solo con lungimiranti politiche strategiche e chiare programmazioni da parte della Regione, degli ATI e, in prospettiva, dell’Autorità Umbra per i Rifiuti e le Risorse idriche (AURI). Un quadro regolatorio incentivante, infatti, consentirà di far fronte al fabbisogno di investimenti in tutte le fasi del SII, Sistema Idrico Integrato (acquedotto, fognatura, depurazione), a favore dell’intero territorio servito; potrà inoltre favorire il progressivo superamento della frammentazione gestionale su scala regionale (e non solo), poiché è proprio un serio percorso di integrazione, senza presunte egemonie territoriali e supportato da rigorosi studi di fattibilità tecnico/operativi, la chiave per garantire la capacità di investimento e per abbattere i costi, creando rilevanti economie di scala e positive ricadute per l’utenza, sia nella qualità del servizio che nel contenimento tariffario.

17/05/2014 07:06:15

Notizie » SLIDER Le scuole di Umbertide insieme per l'Unicef

Torna martedì 20, mercoledì 21 e giovedì 22 maggio l’iniziativa “Le scuole di Umbertide insieme…per l’Unicef”, che si terrà alle ore 20,30 presso la sala conferenze del ristorante “La Ripa”. L’iniziativa è a cura delle direzioni didattiche  1° Circolo e 2° Circolo, della scuola secondaria di 1° grado “Mavarelli-Pascoli”, dell’Istituto di Istruzione Superiore Campus “Leonardo da Vinci”, del Centro attività Lucignolo, dello Spazio Giovani “You Spa”, dell’Associazione Culturale Musicale “Novo Prometeo” e di ArtistAcademy, ed ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e contribuire alla raccolta fondi a favore dell'organizzazione internazionale a tutela dell’infanzia. Il programma prevede per martedì 20 maggio, dopo il saluto dell’Amministrazione Comunale, dei rappresentanti dell’Unicef e dei dirigenti scolastici, l’esibizione del coro dei bambini della sezione 5 anni della scuola dell’infanzia “M. Monini” con “E’ Lei” e “Basta poco”, seguita dalla performance corale “We are the world” del Centro per la formazione dell’artista “ArtistAcademy” per proseguire con l’esecuzione strumentale e corale, accompagnata da video, “Voci dal silenzio. No alla violenza” delle classi terze della scuola “Mavarelli-Pascoli”, il coro dei bambini delle classi IV A, B e C della scuola primaria “Garibaldi” che presenteranno “Inno alla gioia” e “Destinazione Paradiso”, l’esibizione della band “As soon as” con “Sei” e “Fix you” e il ballo “I’m busy” ambedue a cura degli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Leonardo Da Vinci”. Martedì 21 maggio si esibiranno i bambini della sezione 5 anni della scuola dell’infanzia Garibaldi con il coro “Un pizzico di pace”; le classi I, II e III G di Pierantonio della scuola “Mavarelli-Pascoli” con l’esibizione strumentale “Suonare Mozart”, “Suonare Beethoven” e “Suonare i Beatles e il coro “A te”; gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Leonardo Da Vinci” con il ballo “I’m busy”; il Centro per la formazione dell’artista “ArtistAcademy” con “Where is love?”, “Semplicemente te” e “All’alba sorgerò”; i bambini del Centro Lucignolo con la performance “Cocco e drilli”. Per l’ultima serata sono previsti “Il mondo è una casa”, coro presentato dai bambini della sezione 5 anni della scuola d’infanzia di Pierantonio; “Hall of fame”, ballo presentato dal gruppo “Always” dell’Istituto “Leonardo Da Vinci”; il coro dei bambini delle classi V A, B e C della scuola primaria “Giuseppe di Vittorio” con “Noi vorremmo tutti un’opportunità” e “Citizens of the world”; il video “Alla ricerca di un mondo colorato. Tra storia e fantasia per uno sviluppo sostenibile” realizzato dalle classi prime della scuola “Mavarelli-Pascoli”; il coro del Centro per la formazione dell’artista “ArtistAcademy” con “Se bastasse una canzone”, “Ci sono anch’io”, “Blowing in the wind” e “Firework”; il ballo “I’m busy” a cura dell’Istituto “Leonardo Da Vinci”. 

16/05/2014 19:06:34

Notizie » SLIDER Inizia la partecipazione per ex tabacchi

Martedì 13 maggio si è tenuto il primo workshop con la cittadinanza fnalizzato a valutare le prestazioni dell'edificio ex tabacchi secondo la metodica del Poe – Pre Occupancy Evaluation. Sotto la guida di Aldo Manuali e dell'architetto Raymond Lorenzo, circa 35 persone in rappresentanza di associazioni culturali, associazioni sportive e consigli di quartiere, hanno partecipato attivamente al workshop, durante il quale sono stati definiti gli interessi dei soggetti presenti, è stata osservata, e quindi valutata, la struttura e con essa le potenzialità e i limiti, e sono state ascoltate le testimonianze di chi ha già avuto occasione di utilizzare l’edificio. Tutto quello che è emerso, comprese le schede di valutazione compilate dai vari soggetti che dall’inaugurazione dell’ex tabacchi ad oggi hanno chiesto informazioni in merito alla struttura ed avanzato proposte, confluirà in un report che verrà poi consegnato a tutti i soggetti presenti al primo workshop e che costituirà il punto da cui ripartire al secondo workshop previsto per i primi giorni di giugno. La metodica del POE, nata negli anni Sessanta negli Stati Uniti ma quasi sconosciuta in Italia, tanto che l’esperienza Umbertidese risulta tra le prime nel nostro Paese, consente infatti di analizzare aspetti molteplici, favorendo una valutazione partecipata dello spazio al fine di arrivare ad una destinazione di utilizzo il più condivisa possibile e più rispondente alle esigenze della cittadinanza, in vista della pubblicazione del bando per l’affidamento in gestione della struttura.

15/05/2014 15:38:13

Notizie » SLIDER Molini Popolari: nuovo impianto e investimento record

lI progetto di delocalizzazione aziendale dei Molini popolari riuniti, un investimento pari a 18 milioni di euro, ha messo a segno il primo traguardo con l’inaugurazione dei nuovi impianti a Pierantonio di Umbertide, sabato 10 maggio. Un evento a cui hanno preso parte, con il presidente della cooperativa, Dino Ricci, il deputato Giampiero Giulietti e la senatrice Nadia Ginetti, Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria, Marco Locchi e Cristian Betti, sindaci rispettivamente di Umbertide e di Corciano, oltre a un consistente numero di abitanti del territorio. “Inauguriamo un investimento iniziato nel 2011 che si era reso necessario per crescere sul mercato di riferimento – ha spiegato Ricci –. Le strutture avevano una capacità produttiva esaurita e per competere, come facciamo a livello nazionale, avevamo bisogno di impianti moderni, tecnologicamente avanzati, in grado di produrre a costi competitivi e valorizzare al meglio le produzioni dei nostri soci. Arriviamo a questo appuntamento con un assetto societario solido e con un’azienda in buona salute economica, finanziaria e patrimoniale tale da poter continuare a puntare su crescita e sviluppo”. “Conosco bene l’importanza di questa realtà aziendale che offre occupazione e rappresenta il volto migliore dell’Umbria che produce – ha aggiunto Marini –. Questo impianto industriale è frutto di un investimento che vede anche la partecipazione del Programma di sviluppo rurale, quindi dei Fondi comunitari per l’agricoltura, e lo sforzo economico importante dei soci. È una luce importante che ci fa guardare con più fiducia al futuro di questa regione”. L’investimento, complessivamente, metterà in campo un impianto mangimistico con una capacità produttiva di un milione di quintali di prodotto l’anno, impianti di stoccaggio e silos con materie prime e prodotti finiti per 52mila quintali, due linee di confezionamento e pallettizzazione della capacità, rispettivamente, di 900 e 700 sacchi all’ora e 5mila metri quadrati di magazzini. Il tutto per produzioni cerealicole con processi di prima e seconda trasformazione (mangime, farina, prodotti da forno) nella logica della filiera e senza ogm. “È un traguardo che perseguiamo da 10 anni, quando nacque la necessità per i Molini popolari riuniti di spostarsi in una zona più consona all’attività produttiva e più adatta alle politiche di sviluppo e ampliamento – ha detto Locchi –. Questo, fra l’altro, permetterà una sistemazione urbanistica di Umbertide, una bonifica che comporterà vantaggio per tutta la comunità”. “È una storia di successo, un pezzo di Umbria e di Italia che ce la fa – ha concluso Betti –. Il made in Italy, del resto, non è solo riferito alla moda o al design, ma è anche la cooperazione agricola, un nostro modello di sviluppo che funziona, per fatturato e per occupazione”.  

13/05/2014 16:55:55

Notizie » SLIDER Umbertide: voti on line su Energy Door

Sono online, pronti per essere votati, i sei spot sul risparmio energetico realizzati dagli studenti degli istituti superiori dell’Alta Valle del Tevere nell'ambito di “Energy Door”, progetto biennale ideato e promosso dal Centro per l'educazione ambientale Mola Casanova e finanziato dalla Regione Umbria Servizio Energia con fondi della Comunità Europea Por Fesr. Tale progetto prevede una serie di azioni mirate ed estese su tutto il territorio dell’Alto Tevere con l’obiettivo di disseminare consapevolezza in materia di risparmio ed efficienza energetica. Nell'iniziativa sono stati coinvolti tutti i Comuni dell’Alto Tevere attraverso incontri nelle scuole superiori, visite guidate al centro e realizzazione di spot sul tema del risparmio energetico. Fino al 25 maggio sarà quindi possibile votare gli spot che vedono protagonisti gli alunni degli istituti superiori: basta andare su Youtube e cliccare “mi piace” sullo spot che più si preferisce. Il voto degli utenti internet, insieme alla valutazione della commissione, decreterà gli spot vincitori; al primo classificato verrà assegnato un premio per l'acquisto di materiale scolastico del valore di mille euro, al secondo un premio da 800 euro e al terzo un premio da 500 euro. Queste le scuole partecipanti con i relativi link ai video caricati su Youtube: Agraria di Città di Castello “Patrizi-Baldelli-Cavallotti” ( https://www.youtube.com/watch?v=JdFU8WiR2mc ), Geometri di Città di Castello “Franchetti Salviani” (https://www.youtube.com/watch?v=P0epiJtDEBk ), Ipsia di Città di Castello “Patrizi-Baldelli-Cavallotti” ( https://www.youtube.com/watch?v=maGJWi1hivY ), Itis di Umbertide “Campus Leonardo Da Vinci” ( https://www.youtube.com/watch?v=aSkjJFxEvmA ), Liceo classico “Plinio il Giovane” di Città di Castello ( https://www.youtube.com/watch?v=pRiGKL1Nweg ) e Liceo -Campus Leonardo Da Vinci di Umbertide ( http://youtu.be/HoyLTdukNnE). Video che parlano di efficienza energetica, di buone abitudini a casa e a scuola, di energie alternative e che vogliono diffondere una nuova cultura più sostenibile e rispettosa dell'ambiente.

13/05/2014 16:51:02

Notizie » SLIDER Umbertide: successo per il Trofeo Francesco Corbucci

Cresce di anno in anno ed è sempre più grande la partecipazione di appassionati di caccia e cani: anche domenica centinaia di persone hanno raggiunto la località Migianella di Umbertide, in occasione della VII edizione del «Trofeo Francesco Corbucci», gara di caccia pratica senza abbattimento su selvaggina liberata. La manifestazione è organizzata dal comitato di gestione del campo insieme alla Federcaccia di Umbertide in ricordo di Francesco, il ragazzo scomparso a 28 anni in un incidente stradale il cui ricordo rivive ogni anno in questo trofeo. Numeri e partecipanti: Al VII trofeo si sono sfidati 62 appassionati di cani davanti ai giudici Orietta Agostini Girelli e Cristian Finocchi. Due le categorie: una per soli cacciatori e una per semi-cinofili. I vincitori: La classifica ha visto nella sezione cinofili al primo posto il cane Pedro di Filippetti, al secondo «Diana» del conduttore Barboni, al terzo «Orma» di Quadrati. Per la categoria Cacciatori invece ha vinto Riccardini con Brio, secondo Pennoni con Guty e terzo Bussotti con Ares. I premi erano messi a disposizione dai genitori di Francesco, Sergio e Pia. La manifestazione è resa possibile anche grazie al coinvolgimento di alcuni sponsor. Autorità _ All’evento hanno partecipato anche le autorità istituzionali, il presidente della Provincia Marco Vinicio Guasticchi ed il sindaco di Umbertide Marco Locchi hanno portato i loro saluti durante le premiazioni, rimarcando «il senso di aggregazione che muove questa iniziativa dove la caccia e la cinofilia sono il valido pretesto per ricordare il ragazzo, ma soprattutto per rinnovare la volontà di condividere una giornata in mezzo al verde, ai cani, in uno degli scorci più belli delle nostre campagne».

13/05/2014 13:07:21

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy