Attualità » Primo piano Protezione Civile Umbria su volontariato: '' Istituzioni e Politica come potrebbero migliorarlo?''

Riceviamo e pubblichiamo   Determinante contributo del Volontariato di Protezione Civile Umbro: ma le Istituzioni e la Politica come potrebbero migliorarlo? Il nuovo sisma di 6.5 gradi Richter che ha colpito Norcia lo scorso 30 Ottobre costituisce il movimento tellurico più forte che ha colpito il nostro paese da più di trenta anni a questa parte. Sul sito istituzionale della Regione Umbria, l’informazione che a supportare l’emergenza nel territorio regionale sono impiegati oggi (il 6 Novembre, ndr) “solo” 180 volontari, non rende giustizia fino in fondo a tutti quei ragazzi, pensionati, disoccupati, professionisti, operai ed imprenditori che si sono avvicendati come volontari di Protezione Civile, in servizio a turnazione dalla prima scossa del 24 Agosto, in questo prezioso contributo sociale senza il quale forse gli sforzi se pur ingenti delle Istituzioni, non potrebbero essere finalizzati fino in fondo.   Verificando meglio i numeri, si capisce subito l’entità di questo contributo: i volontari di Protezione Civile di gruppi umbri intervenuti dal 24 Agosto al 5 Novembre nella sola Umbria sono stati 983, di 77 diversi aggregazioni regionali, per un totale di 6.221 giornate/uomo, con quasi un migliaio solo nell’ultima settimana. Risorsa insostituibile, la vera spina dorsale è rappresentata dal volontariato. Tuttavia, nel bilancio regionale non troviamo nemmeno una voce specifica indirizzata verso questa tipologia di supporto, nessun impegno di spesa sul capitolo Volontariato di Protezione Civile, al fine di intraprendere un percorso di potenziamento strutturato e mirato, promesso da tempo ma non ancora attuato. Degli stanziamenti regionali rivolti alla Protezione Civile, solo poche migliaia di Euro vengono dirottate verso il Volontariato, prevalentemente (e giustamente) per attività di formazione, che rendono sicuramente più preparati e meno improvvisatori i volontari impegnati nella gestione delle varie emergenze.   Ma fatti salvi solo alcuni gruppi comunali supportati da Sindaci lungimiranti, ed altre Associazioni che con forte spirito di iniziativa e forse anche qualche supporto politico sono riusciti ad attingere a qualche finanziamento nazionale, per il resto siamo di fronte ad un popolo di volontari con pochi mezzi, di fatto nessun strumento tecnologico a supporto, e difficoltà di sostentamento per la normale gestione di quanto faticosamente acquistato nel tempo, gravato anche spesso dalle rate derivanti dalla sottoscrizione di onerosi mutui finanziari, a volte per fortuna ma solo in parte supportati dall’ente benefico privato di turno.   Forse sarebbe ora che le Istituzioni e la Politica, anche nell’ambito del complesso processo di ristrutturazione organizzativa che sta interessando il Servizio Regionale di Protezione Civile, possa recepire queste esigenze, manifestate da tempo ma che non hanno quasi mai trovato riscontri. Sarebbe un bel segno di svolta per riportare l’Umbria dove merita, anche per tali questioni. E’ arrivato il momento di un confronto vero con la Presidente Catiuscia Marini.

08/11/2016 12:10:03

Notizie » Politica Furto all’ospedale, Lega Nord Città di Castello annuncia mozione su ripristino vigilanza

Riceviamo e pubblichiamo Furto all’ospedale tifernate, la Lega Nord di Città di Castello annuncia una mozione sul ripristino del servizio di vigilanza. “Non c’è pace per il nostro nosocomio tifernate che paga una politica dell’abbandono funzionale e gestionale – spiegano i consigliere comunali Lega Nord Marchetti e Mancini - Non è un caso, infatti, che nel fine settimana, la struttura sia stato oggetto di un furto importante, dove sono stati rubati strumenti dal reparto di endoscopia dal valore complessivo di circa 100 mila euro. Ancora una volta la sicurezza dei cittadini e in questo caso dei pazienti e degli operatori sanitari, non rientra tra le priorità dell’ amministrazione. Chiederemo – annunciano i due esponenti leghisti - il ripristino del servizio di vigilanza interno all’ospedale con personale dedicato, specialmente nelle ore notturne. Fondamentale sarebbe l’azione dei vigilantes nel prevenire furti e danneggiamenti al nosocomio stesso e alla strumentazione, ci chiediamo, infatti, cosa sarebbe accaduto se le apparecchiature rubate fossero servite per un’operazione urgente o se quelle rimaste fossero state danneggiate. Dalla sicurezza alla viabilità, fino alla sanità, in ogni ambito subiamo costantemente l’incapacità politica della sinistra che rinuncia ad un valore fondamentale come quello della sicurezza. Un valore negato – precisano Marchetti e Mancini - nella concessione della residenza, nella videosorveglianza dei territori contro i furti, nell’accettare in modo incondizionato la presenza, sul nostro territorio, di decine e decine di persone senza un titolo legittimo di residenza o fonte di reddito, ma che non perdono mai occasione per recare danno a cose e persone. Abbiamo superato il livello di guardia e di sopportazione, si è perfino arrivati a violare, in modo ripetuto, un luogo “sacro” per la salute della persona così come accaduto anche in altri presidi ospedalieri. Cos’altro deve succedere – concludono i due consiglieri - affinchè i governi di sinistra si sveglino da questo “coma” politico? E’evidente che questi sono i risultati di una lotta politica tra le fila interne del PD che parte da Perugia e arriva fino ai nostri territori”    

07/11/2016 19:35:51

Notizie » Politica M5s Umbertide su chiusura scuola di via Morandi

Riceviamo e pubblichiamo A seguito degli eventi sismici che avevano colpito il centro Italia a fine agosto il Movimento 5 Stelle aveva presentato nell’ultimo consiglio comunale un'interrogazione urgente al Sindaco di Umbertide per conoscere lo stato generale, le condizioni statiche e gli adeguamenti sismici a norma di legge degli edifici pubblici e scolastici.  Si era chiesta una risposta puntuale e ben articolata così da poter informare la cittadinanza in maniera adeguata sullo stato delle strutture pubbliche, con particolare riguardo alle scuole e agli asili nido, luoghi nei quali la sicurezza deve essere garantita. Dal momento che la risposta fornitaci era piuttosto imprecisa, abbiamo immediatamente richiesto la convocazione di una commissione ad hoc, svoltasi il 18 ottobre scorso, durante la quale abbiamo appreso che gli interventi fatti sulle varie scuole nel corso degli anni sono arrivati a garantire una sicurezza pari al 60%. Ora apprendiamo di una ordinanza del sindaco che chiude la scuola materna e asilo nido di via Morandi “in via precauzionale dopo l'intensa e perdurante attività sismica degli ultimi giorni”. Premettendo che non si vuole far alcuna polemica, certe considerazioni sono d’obbligo per chi da tempo, come noi, sta dietro alla questione sicurezza delle scuole; nella stessa ordinanza del sindaco si afferma che “la struttura risulta agibile con prescrizioni di puntellamento del giunto tecnico in corrispondenza dell’ingresso alla cucina e dell’ingresso al chiostro interno; che è stato riscontrato un quadro fessurativo non importante ma diffuso in corrispondenza delle giunzioni fra telaio in c.a. e le murature riscontrabile sui paramenti esterni ma non presente all’interno” inoltre viene detto “che la struttura è stata realizzata prima dell’entrata in vigore delle normative sismiche e che non è stata oggetto di interventi di miglioramento/adeguamento sismico, e che attualmente la struttura ospita un elevato numero di bambini e personale docente e non docente.”  Viene da chiedersi se queste criticità non fossero a conoscenza della nostra amministrazione già da prima degli ultimi eventi sismici. Un fulmine a ciel sereno dunque? Sembra di no visto che non è mai stata adeguata ai criteri antisismici, come la stessa amministrazione afferma. E perché? Ricordiamo che nel 2010 venne intrapreso un ampliamento della struttura, che si sarebbe dovuto concludere nel 2012, e che è costato circa 130 mila euro (soldi nostri!). L'ampliamento dell'asilo nido avrebbe dovuto rispondere alle richieste che le famiglie annualmente avanzano per poter accedere al servizio. Se attualmente la struttura ospita un “numero elevato di bambini e personale docente” (300 persone) perché questa nuova area non è stata mai attivata? E se la si doveva lasciare così, perché quei 130 mila euro non sono stati impegnati per migliorare, anzi provare ad adeguare la struttura già esistente?

07/11/2016 19:24:36

Attualità » Primo piano Umbertide premiata con la ‘’Bandiera Verde Agricoltura 2016’’ della CIA

Riceviamo e pubblichiamo   La premiazione a Roma, venerdì 11 novembre   La CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) ha conferito al nostro comune il premio “Bandiera Verde Agricoltura” che è riservato agli enti pubblici che si distinguono per le loro capacità produttive e per la difesa del territorio e dell’ambiente. La premiazione si svolgerà a Roma, presso il Campidoglio, Sala Protomoteca, il giorno 11 novembre 2016, a partire dalle ore 10,30. Il sindaco Marco Locchi e l’assessore Paolo Lorenzi non nascondono la loro soddisfazione per questo riconoscimento. Si tratta, infatti, dell’ulteriore conferma dell’impegno costante che il Comune di Umbertide sta portando avanti da tempo nel settore della tutela ambientale del territorio e delle politiche di risparmio energetico e di utilizzo delle energie alternative. Questo premio stimola l’amministrazione a proseguire con forza sulla strada intrapresa, nella convinzione che il futuro, non solo di Umbertide ma dell’intera umanità, si gioca su questi temi.   "Bandiera Verde Agricoltura" è un riconoscimento attraverso il quale si premiano aziende agricole,  regioni, province, comuni, comunità montane e parchi che si sono particolarmente distinti nelle politiche di tutela dell’ambiente e del paesaggio anche a fini turistici, nell’uso razionale del suolo, nella valorizzazione dei prodotti tipici legati al territorio, nell’azione finalizzata a migliorare le condizioni di vita ed economiche degli operatori agricoli e più in generale dei cittadini. Il concorso-premio Bandiera Verde Agricoltura nasce nel 2003 su iniziativa di Marco Giardini, allora presidente della Cia della provincia di Ancona, assieme al prof. Franco Sotte dell'Associazione A. Bartola e al preside della Facoltà di agraria di Ancona, prof. Natale Frega e da premio regionale (Marche) nell'anno 2004-2005, diventa premio interregionale nell'anno 2006 e premio nazionale dal 2007.  Si tratta di un marchio di riconoscimento con il quale si premia la qualità e il rispetto dell’ambiente naturale. Il premio, che consiste nell’assegnazione di una bandiera verde con il marchio agricoltura, è suddiviso in varie sezioni: province, comuni, aziende agricole singole o associate, altri fuori concorso. I requisiti essenziali sono: la storia, le azioni svolte, i capitoli di spesa per gli enti locali e i piani di investimento per le imprese tesi a salvaguardia, a valorizzazione e promozione dell’agricoltura, dell’ambiente e della qualità e tipicità agricole ed enogastronomiche locali. Il marchio “Bandiera Verde Agricoltura” è costituito da uno stemma rettangolare di colore verde con al centro un logo di forma circolare raffigurante tre colline stilizzate sovrapposte, di cui la collina in alto di colore verde chiaro, la collina centrale di colore verde scuro, la collina in basso di colore marrone. Sovrastante il logo circolare è presente la dicitura “Bandiera Verde”, sottostante il logo la dicitura “Agricoltura”.

07/11/2016 14:59:57

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy