Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: PROPOSTE CONCRETE PER L’INCLUSIONE SOCIALE

Riceviamo e pubblichiamo Come intervenire su povertà e sostegno alle famiglie. Umbertide cambia lancia proposte e buone pratiche, che però l’Amministrazione non vuole realizzare.   “Il rafforzamento dello Stato sociale è un pilastro della nostro progetto politico per la città. E quando vediamo la difficoltà dell’Amministrazione e di un partito, il PD, che si dichiara di sinistra ad introdurre proposte efficaci ed innovative di fronte alla povertà e al sostegno familiare ci interroghiamo se la missione di questa Giunta e maggioranza non sia arrivata al capolinea”. Con questa dichiarazione i rappresentanti di Umbertide cambia, Gianni Codovini e Stefano Conti, rilevano contraddizioni sulle politiche sociali e di sostegno alle fasce più deboli ad Umbertide. “Se la misura nazionale del Sia (Sostegno per l’inclusione attiva, che è un’azione del "Piano nazionale di lotta alla povertà e l'inclusione sociale") è certamente efficace e in via di applicazione anche ad Umbertide, ciò che stride è che queste buone pratiche nazionali e regionali non sono per niente integrate con specifici progetti da questa distratta Giunta, priva di una propria capacità di programmazione, totalmente affidata all’attività degli uffici”. Gli esponenti Conti e Codovini sottolineano la necessità di potenziale una azione in ambito intercomunale (zona sociale), ma evidenziano al tempo stesso come “riguardo alle politiche sociali riferibili alla fasce deboli e alla lotta alla povertà, le nostre proposte non vengono prese nemmeno in considerazione. Ne vogliamo ricordare alcune: un progetto mirato per l’occupazione di fasce svantaggiate che potenzi e sviluppi concretamente in ambito locale le politiche nazionali e regionali per il lavoro e l’inclusione sociale; il potenziamento della straordinaria azione condotta dall’AUCC per la cura domiciliare di persone malate di tumore, ma anche la realizzazione di uno spazio residenziale adeguato dedicato al fine vita, che non è solo una esigenza di natura sanitaria; un intervento specifico sulle famiglie monogenitoriali e quelle a basso reddito o senza reddito, prevedendo anche l’introduzione delle fasce di esenzione e la rimodulazione dell’addizionale Irpef; la possibilità di erogazione dell’assegno di cura ovvero un sussidio economico mensile per l’assistenza e la cura degli anziani non autosufficienti presso il proprio domicilio in modo da ridurre il ricorso ai ricoveri in strutture residenziali; la creazione, in collaborazione con il sistema sanitario regionale, la Zona sociale e le associazioni di volontariato, di gruppi di mutuo aiuto in grado di mettere in rete, a costo zero, risorse diverse ma vissuti comuni; una spinta all’edilizia sociale a basso consumo energetico nella forma del cohousing e dell’autocostruzione».   Gianni Codovini, Presidente Umbertide cambia. Conti Stefano, Consigliere comunale Umbertide cambia.  

13/12/2016 21:11:41

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy