Sport Il Presidente Alunni dell'Asd Tiberis 1914 risponde ai giocatori

Dopo il duro comunicato stampa lanciato dai giocatori la società Asd Tiberis 1914 risponde con le parole del Presidente Mauro Alunni La Asd Tiberis 1914 con la presente intende chiarire la situazione alla luce del comunicato di alcuni giocatori. Quanto alle mancanze sollevate sulla presenza ci sentiamo di precisare che la Società ha messo a disposizione della squadra tutte le figure necessarie per garantire una preparazione efficace e qualificata, allenatore, preparatore atletico e preparatore dei portieri oltre ai dirigenti accompagnatori. Quanto al ritardo sulla consegna del materiale si è trattato di tempi tecnici intercorsi fra ordini e consegna. All’ inizio della stagione era tutto disponibile. Quanto alla situazione relativa all’incontro cui si fa riferimento, preliminarmente tengo a sottolineare che tra la fine della stagione ad oggi si sono verificati eventi che hanno cambiato profondamente la Società Tiberis. Dalla composizione del Consiglio Direttivo all’ ingresso di nuove figure fino alla fusione con la Soc. Castiglionese Macchie. Il tutto è stato fatto per garantire a questa Società la possibilità di costruire un futuro certo. In qualità di Presidente non ho problemi ad assumere le mie responsabilità. Io ho preso gli impegni con i ragazzi e questi impegni verranno mantenuti, come del resto specificato all’incontro. Tengo a precisare che l’incontro aveva l’obbiettivo di presentare ai ragazzi i progetti futuri proponendo la conferma dell’intero gruppo per la nuova stagione. Incontro che si è concluso con l’accordo di incontri individuali programmati a giorni per definire la nuova stagione e chiudere quella passata, anche per quanto riguarda i rimborsi, peraltro cifre piccole, spiegando le motivazioni dei rinvii, nonché l’attesa dell’approvazione della fusione. Il comunicato di alcuni giocatori mi sorprende, termini come minacce o promesse non mantenute mi lasciano perplesso, perché oggettivamente ci sono dei ritardi ma ne abbiamo parlato sempre con serenità, spiegando le ragioni e che sarebbe stato liquidato l’arretrato di ognuno complessivamente, cosa che verrà fatta. Serenità con la quale rispondo ai ragazzi rassicurandoli, come ho già fatto all’incontro, sul fatto che prenderanno quanto concordato con loro e con tutti quelli che abbiamo impegni. Questa Società, è una Società giovane. Quello che sta per iniziare sarà il mio quarto anno da Presidente. Qualche scossone può essere fisiologico. La nuova Società sono sicuro che avrà basi solide sulle quali costruire un progetto sano e duraturo. Sono arrivate nuove figure ed imprenditori che hanno sposato con entusiasmo il nuovo progetto, che garantiranno una crescita di tutta la Società. Per la gestione  passata il responsabile sono io e rassicuro tutti sul fatto che la Soc. Tiberis andrà avanti più forte di prima ed onorerà gli impegni assunti.  IL PRESIDENTE ASD TIBERIS 1914 Dott. Alunni Mauro

11/07/2019 15:26:22 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Calciatori Tiberis sul piede di guerra: “solo promesse e pesci in faccia”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato a firma dei giocatori della Tiberis stagione 2018/19 Scriviamo per lamentare quella che è la nostra situazione. La scorsa stagione abbiamo iniziato il campionato in condizioni a dir poco critiche ma, per amor di maglia, abbiamo deciso fin dai primi giorni di rimboccarci le maniche. Le mancanze sono state tutte della società: completa assenza al campo durante gli allenamenti, mancata presenza la domenica (alcune volte abbiamo dovuto aprire noi il campo, prendere le divise e andare a giocare) e mancanza di materiale. I primi periodi non abbiamo avuto a disposizione ne divisa di rappresentanza ne abbigliamento per l'allenamento. Con pochi elementi abbiamo cercato di fare tutto da soli, da allenatori e da dirigenti. Nonostante tutto ció, ed altro, siamo andati avanti ottendendo sul campo la salvezza! E dopo tutto questo come veniamo trattati dalla società? Con promesse e pesci in faccia! Il presidente, dopo aver pattuito le cifre (peraltro irrisorie) dei rimborsi, da ottobre ha cominciato a farci false promesse: ha promesso i rimborsi a tutti prima ad ottobre, poi a marzo e, successivamente, ad aprile, maggio e giugno.  In tutto ciò a stagione finita abbiamo invano aspettato notizie dalla società tantochè alcuni di noi pur di mantenere il contatto con la Tiberis sono stati costretti a declinare offerte di altre squadre. Il culmine è stato toccato di recente. Ad una riunione in presenza della nuova societá, siamo passati dalle promesse alle minacce. Di fronte alla legettima richiesta di avere quello che ci spetta (ripetiamo, più per principio che per la reale entità dei rimborsi) ci é stato detto che verranno pagati solamente coloro che rimarrano anche il prossimo anno. Siamo passati da promesse a minacce a umiliazioni. Dopo un anno travagliato il presidente e la nuova dirigenza hanno avuto il coraggio di ricattare un gruppo che, nonostante solitudine e difficoltà, lo scorso hanno ha provato in tutti i modi ad onorare una maglia storica come quella della Tiberis. Con la coscienza pulita e consapevoli di subire un torto abnorme, vi inviamo questo comunicato a nome del gruppo dei giocatori della tiberis 2018/19.   La redazione di Informazione Locale è a disposizione della Società per il diritto di replica in base all'art.8 della legge sulla stampa 47/1948  

11/07/2019 10:32:50 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Ad un anno dalla sua elezione il presidente del Consiglio comunale Marco Floridi traccia un bilancio

Il presidente Marco Floridi traccia un bilancio ad un anno dell’insediamento del nuovo Consiglio comunale di Umbertide: “Sono passati 12 mesi dal 9 luglio del 2018, giorno in cui si è insediato ufficialmente il Consiglio comunale. Ricordo con emozione ancora oggi quel giorno e l’elezione a presidente del Consiglio. Ad un anno esatto posso affermare che tutta l’assemblea che ho l’onore di presiedere lavora per il bene di tutta la collettività. E’ stato un anno di rodaggio se così si vuol dire, dove ogni singolo competente del Consiglio ha apportato il suo contributo. Un lavoro impegnativo e pieno di responsabilità, per non tradire le aspettative di tutti gli elettori dei 16 membri dell’assise. Ma il Consiglio comunale non vuol dire solamente ordini del giorno, interrogazioni o mozioni, ma anche commissioni e soprattutto conferenza dei capigruppo. Durante ogni conferenza dei capigruppo cerco sempre di instaurare un confronto costruttivo per portare all’attenzione delle commissioni e del Consiglio stesso le attività che vengono decise di comune accordo. A breve verranno istituiti i Consigli di Quartiere, otto per la precisione. Ogni consiglio di quartiere avrà il compito di riferire all’amministrazione (sindaco e giunta) e al sottoscritto, proposte, idee e bisogni di ogni singola zona o frazione di Umbertide per cercare di dare voce a tutti. A tal proposito tengo a precisare che ogni cittadino può (protocollando in segreteria), segnalare all’Amministrazione Comunale idee, proposte e bisogni, sempre nell’interesse di tutta la comunità umbertidese. Questo senza fare polemiche sterile attraverso i social che non servono a nulla se non veicolare informazioni talvolta forvianti ed inesatte”.    

09/07/2019 18:49:32 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy