Notizie » Società Civile Torre Certalta: centro fauna selvatica

  Il Centro di Produzione Fauna Selvatica di Torre Certalta di Umbertide (di proprietà della Provincia di Perugia), intitolato a Lino Volpi, dipendente della Provincia di Perugia e zoologo che ha contribuito a costruirlo, è un centro di grande importanza per l’allevamento di specie autoctone e per la qualificazione della selvaggina. Nasce su iniziativa della Provincia di Perugia nel 1978 con lo scopo di allevare la Starne (Perdix perdix), e successivamente agli inizi degli anni novanta del secolo scorso il centro incrementa la propria attività introducendo l’allevamento della Lepre (Lepus europaeus). Starna e Lepre sono politipiche e lo scopo del centro di produzione di Torre Certalta è quello di allevare le specie autoctone che sono a rischio di estinzione e/o erosione genetica al fine di preservare la biodiversità del nostro territorio. Allo scopo i soggetti prodotti sono destinati alla riproduzione ed immessi nel territorio protetto dove è vietata l’attività venatoria. Il centro ha una potenzialità produttiva annua di 10.000 – 12.000 starne e 320 – 400 lepri. Negli anni la selezione attuata ha permesso di avere in ambedue le specie soggetti sani e rustici, con forte attitudine all’adattamento e alla riproduzione allo stato libero. Risultati ottenuti grazie alla collaborazione con l’ Università di Perugia, l’Istituto Zooprofilattico e all’alta professionalità degli operatori faunistici impiegati nel lavoro. Oltre alla sperimentazione di nuove metodologie di allevamento, ambientamento e studio della capacita' riproduttiva delle specie selvatiche, il Centro di Torre Certalta si occupa anche del recupero della fauna selvatica ferita in caso di incidenti, per lo piu' ungulati, piccoli mammiferi ed uccelli.

23/01/2014 22:32:41

Notizie » Società Civile A Montone il nuovo sportello A.I.Met.

Anche Montone ha il suo sportello dell'Azienda Intercomunale per l'erogazione del metano. Con l'apertura dello Sportello Accoglienza Clienti nel borgo arietano, si amplia l'offerta dei servizi al cittadino dell'A.I.Met. che vanta già strutture ad Umbertide, San Giustino e Città di Castello. Lo sportello montonese sarà subito opertativo da martedì 28 febbraio e sarà aperto due volte al mese: il lunedì mattina della seconda settimana del mese dalle 9 alle 12.30 e il martedì pomeriggio della quarta settimana del mese dalle 15 alle 17.30.  La presentazione è avvenuta lunedì sera nella Sala Consiliare della Residenza comunale alla presenza del presidente A.I.Met. Matteo Baldelli, dell'amministratore delegato A.I.Met. ing. Patrizio Nonnato e del sindaco di Montone Mariano Tirimagni. “A.I.Met. è nata nel 2002 per volontà dei Comuni soci fondatori di Umbertide, San Giustino e Montone e da un anno ha fatto il suo ingresso nella compagine societaria uno dei maggiori player nazionali del mercato energetico, Italtrading SpA, che ci ha consentito di allargare i nostri confini di azione e di potenziare l'offerta – ha affermato il sindaco Mariano Tirimagni – In un mercato in cui spesso il cliente ha a che fare con call center con sede addirittura all'estero, A.I.Met. va in controtendenza e continua ad aprire sportelli sul territorio, come questo di Montone, che diventerà un importante punto di riferimento per la popolazione, specie per quella più anziana”. “A.I.Met. è un'azienda strettamente legata al territorio – ha proseguito il presidente Matteo Baldelli – e al centro della nostra idea imprenditoriale c’è l’utente con le sue necessità; oltre a tariffe concorrenziali e alla vicinanza ai clienti attraverso i nostri sportelli, possiamo anche vantare un contatto costante e continuo con la cittadinanza reinvestendo sul territorio, attraverso la sponsorizzazione di eventi e manifestazioni che sanno esprimere le eccellenze e le bellezze locali, come la Festa del Bosco di Montone”. “La vicinanza al cliente è da sempre un valore aggiunto di A.I.Met. - ha proseguito l'ing. Patrizio Nonnato – grazie all'apertura del nuovo sportello gli abitanti di Montone potranno ricevere in loco informazioni complete e puntuali in merito a fatturazioni, nuovi contratti, autoletture, sia per quanto riguarda la fornitura di gas metano sia per la nuova fornitura di energia elettrica, che da qualche mese A.I.Met. ha lanciato sul mercato offrendo uno sconto garantito rispetto alla tariffa del mercato di maggior tutela. Per andare incontro alle esigenze dei nostri clienti inoltre A.I.Met. ha provveduto a differenziare i mesi di scadenza per chi ha con noi un contratto di fornitura sia di gas che di energia elettrica e ha posticipato la scadenza della bolletta del metano alla prima settimana del mese successivo in risposta alle difficoltà segnalateci dai clienti pensionati”.

22/01/2014 14:27:00

Notizie » Economia Umbertide: tavola rotonda per la ripresa delle piccole e medie imprese

“Un aiuto concreto per la ripresa delle piccole e medie imprese” è il titolo della tavola rotonda che si terrà mercoledì 29 gennaio alle ore 17 presso il Museo di Santa Croce. L'iniziativa è stata promossa dal Comune di Umbertide con l'intento di aprire una riflessione sulle possibili misure da mettere in atto per favorire la ripresa economica delle tante piccole e medie imprese che caratterizzano il tessuto produttivo umbertidese. Per questo motivo l'Amministrazione Comunale ha inteso riunire intorno allo stesso tavolo la Regione Umbria, rappresentata dall'assessore allo Sviluppo economico e alle Attività produttive Vincenzo Riommi che illustrerà le possibilità di finanziamento messe a disposizione dall'Ente regionale, Sviluppumbria, la società regionale che promuove misure di sostegno allo sviluppo economico dell'Umbria, che sarà rappresentata dal direttore generale Mauro Agostini e gli istituti di credito del territorio che giocano un ruolo fondamentale nell'accesso al credito da parte delle imprese. Saranno quindi presenti Claudio Peraino, Direttore Territoriale Mercato Perugia Monte dei Paschi di Siena,Luciano Bacoccoli, Responsabile Area Commerciale Umbria Unicredit, Vittorio Fiorucci, Responsabile Territoriale Banca Popolare Spoleto, Pietro Buzzi, Coordinatore Mercato Imprese Casse di Risparmio dell'Umbria, Mauro Del Mecio, Direttore Territoriale Toscana Sud-Umbria Banca Etruria e Davide Fabbri, Direttore Filiale Umbertide Banca di Mantignana e di Perugia Per il Comune interverranno il sindaco Marco Locchi e l'assessore allo Sviluppo economico Simona Bellucci; la tavola rotonda sarà moderata dal direttore de Il Giornale dell'Umbria Giuseppe Castellini. Associazioni di categoria, imprese e la cittadinanza tutta sono invitate a partecipare.

22/01/2014 12:46:40

Notizie » Altotevere Lignani Marchesani:Sogepu il responsabile è Giulietti

'uscita immediata di GESENU dalla gestione dei rifiuti è una buona - ma tardiva - notizia per la Comunità di Umbertide. I recenti fatti dimostrano come l'ingresso di GESENU ad Umbertide non fosse altro che uno dei tanti tasselli attraverso cui si garantiscano, da un lato, carriere politiche e, dall'altro, si centralizzino sul Capoluogo regionale i vari servizi pubblici, con conseguente pesante aggravio per famiglie ed aziende. Le amministrazioni comunali di Umbertide – che si sono sin qui succedute - sono state collaboratrici consenzienti di questo progetto, che è però progressivamente deflagrato all'indomani della "promozione" dell'ex Sindaco in Parlamento. Non sappiamo se SOGEPU potrà nell'immediato abbassare le tariffe, considerato che i nodi legislativi sono venuti repentinamente al pettine, mentre gli amministratori sono stati inadempienti negli anni passati al fine di garantire popolarità "bulgare" all'ex Primo Cittadino. È però certo che la gestione di Umbertide e Lisciano Niccone può compensare la fuoriuscita dai Comuni toscani e rende dunque SOGEPU altrettanto competitiva per la futura ed imminente gara di ambito. GESENU deve invece rimanere fuori da Umbertide e dall'Alta Umbria, non solo per i recenti fatti romani, ma anche per il comportamento politicamente scorretto nei confronti dei cittadini. Gli amministratori dell'Alta Umbria, a loro volta, devono mettere a punto un progetto che permetta una gestione d'Ambito dei rifiuti attraverso le società del territorio, onde garantire competitività attraverso responsabilità dirette. Andrea Lignani Marchesani

21/01/2014 21:46:29

Notizie » Politica Conferenza di fine anno. L'Amministrazione comunale illustra il proprio 2013

"Il 2013 è stato un anno difficilissimo per l'Amministrazione Comunale, per le imprese e per le famiglie, ma, nonostante i continui tagli, siamo riusciti a mantenere i servizi ai cittadini e per questi mesi di fine legislatura, rafforzata anche dal rinnovato patto tra le forze di maggioranza, porteremo a compimento ulteriori interventi importanti per la nostra città". E' quanto affermato dal sindaco Marco Locchi durante la conferenza stampa di fine anno alla quale hanno partecipato tutti i componenti della Giunta Comunale. La relazione del primo cittadino ha preso le mosse da un'analisi dell'anno appena conclusosi, caratterizzato dalle difficoltà dettate dalla crisi economica - che ha avuto ripercussioni sul tessuto produttivo locale, che però è riuscito a contenerne i colpi grazie alla buona tenuta del settore metalmeccanico - e dai continui tagli ai trasferimenti statali che per il 2013 sono ammontati a circa 800.000 euro, per un totale di quasi 2 milioni di euro in meno negli ultimi tre anni. In questo difficile contesto, il Comune è stato costretto ad inserire nuovi obblighi di legge, tra tutti la Tares con la quale l'intero costo del servizio deve essere coperto dai contribuenti; a questo proposito il primo cittadino ha affermato che forse si sarebbe potuta gestire meglio e con più tempestività la comunicazione, ma la sostanza sarebbe rimasta invariata. Il sindaco Locchi ha poi fatto un passaggio anche sulla mini Imu, ribadendo che l'Amministrazione Comunale manterrà l'impegno preso in Consiglio comunale, facendo recuperare ai contribuenti la somma versata al momento del pagamento della nuova Iuc, sottolineando inoltre come il Governo fosse venuto meno all'impegno preso, decidendo di coprire solo il 60% della differenza tra aliquota base e aliquota applicata, senza concedere ai Comuni nessun tipo di flessibilità. Il sindaco ha inoltre aggiunto che tutto questo si inserisce in un contesto in cui i Comuni devono adempiere anche alla nuova normativa sulla trasparenza della Pubblica Amministrazione, che sta comportando un significativo aggravio di lavoro per il personale degli uffici comunali al quale ha rivolto un sentito ringraziamento per il lavoro che svolge quotidianamente. Dopo aver ripercorso in sintesi il 2013, il sindaco Locchi ha passato in rassegna le opere che verranno avviate o portate a compimento nelle prossime settimane: l'intervento di manutenzione straordinaria della viabilità con il rifacimento degli asfalti, l'inaugurazione del Puc 2 che ha permesso di riqualificare una zona importante della città, il via ai lavori di riqualificazione delle piazze di Preggio per i quali è stato ottenuto un finanziamento di 125.000 euro, la conclusione dell'intervento di sistemazione dell'ex archivio e dell'ex biblioteca presso il Centro San Francesco dove verranno realizzate sale prove e di registrazione. Quindi il primo cittadino ha fatto riferimento alla nuova sfida della sanità umbra che, con l'accorpamento delle Asl, è chiamata a razionalizzare i costi mantenendo al contempo l'alto livello qualitativo dei servizi, e ha sottolineato l'importanza del polo riabilitativo dell'Istituto Prosperius che, con il suo moderno esocheletro, ha contribuito a portare il nome di Umbertide oltre i confini nazionali. Infine il sindaco Locchi ha ricordato che, a pochi mesi dal termine della legislatura, l'Amministrazione Comunale ha riconfermato l'impegno assunto con i cittadini cinque anni fa, attraverso la sottoscrizione di un patto di fine legislatura tra le forze politiche di maggioranza che il primo cittadino ha ringraziato per il grande senso di responsabilità dimostrato; a questo proposito nelle prossime settimane verranno organizzate delle iniziative pubbliche su alcune tematiche di assoluto interesse per Umbertide, individuate di concerto dalle forze di maggioranza, come il sostegno alle piccole e medie imprese, i trasporti e le infrasttrutture, il regolamento di igiene e salute pubblica, il Quadro Strategico di Valorizzazione, per le quali verrà avviata una fase partecipativa che coinvolgerà le varie componenti della società.

21/01/2014 15:57:08

Notizie » Politica Forza Italia Umbertide: il caso Sogepu

Il coordinatore di Forza Italia ad Umbertide, Vittorio Galmacci, interviene sulla sentenza del Consiglio di Stato la quale in tema di raccolta rifiuti ha imposto l'immediato ritorno alla Sogepu. "Non va dimenticato- afferma Galmacci- che il nostro Comune figurava tra i soci della stessa Sogepu, possedendo infatti 4823 azioni. Umbertide a quel tempo era sotto il comando del filosofo in carriera Giulietti il quale stranamente non accettò l'offerta vantaggiosa fatta dalla Sogepu ma preferì bandire una gara alla quale partecipò anche la Gesenu; paradossalmente il Comune, già socio di Sogepu, inserì una clausola che escluse a priori Sogepu stessa, favorendo di fatto Gesenu. A novembre del 2010 Giulietti bandisce una nuova gara che vede vincitrice Sogepu ma il Comune, decidendo d'ufficio, affida invece il lavoro a Gesenu nonostante i prezzi più elevati e meno vantaggiosi. Il paradosso più grosso di questa storia è che a ricorrere al TAR non fu la Gesenu, arrivata seconda, ma fu lo stesso Comune di Umbertide che aveva bandito la gara e che invece sarebbe dovuto restare fuori dalla vicenda. Ovvio che alla fine Umbertide uscì da Sogepu. Il resto della storia è cosa nota: Gesenu, vero carrozzone con ben oltre 1500 dipendenti e una ventina di società da mantenere, ha applicato costi fissi di gestione molto elevati, con un costo finale per noi utenti ben maggiore di quello proposto invece da Sogepu. Ed è qui il vero nocciolo della questione: con Sogepu, avremmo pagato molto meno di quanto invece poi si sia effettivamente pagato con Gesenu, circa il 25% in meno. Questo "passaggio" ci è costato circa 900mila euro in più, una gran bella somma pagata da tutti noi e un altrettanto gran bel guadagno per Gesenu; ora è evidente che il fattore "costo finale per l'utente", chissà perchè, non venne mai tenuto in considerazione. E' così- conclude il coordinatore di Forza Italia- che siamo stati amministrati negli ultimi 10 anni: tanto grandi quanto inutili opere pubbliche e un continuo aumento delle spese e delle tasse. Ricordiamoci di tutto ciò quando dovremo votare alle prossime amministrative o politiche: il nostro impegno è meno spesa pubblica e meno tasse".

21/01/2014 15:41:46

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy