Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''ISTITUTO BALDUCCI, TRASFORMAZIONE IN ASP E POTENZIAMENTO''

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide cambia condivide l’ipotesi di trasformare l’IRBB, Istituto Balducci di via dei Patrioti, in Azienda pubblica di servizi alla persona (ASP), approvata dal Consiglio d’Amministrazione dell’Ente ed ora al vaglio della Regione. “L’Istituto Balducci – ha spiegato Stefano Conti in Consiglio Comunale – è una parte fondamentale del tessuto sociale della nostra città, da sostenere e valorizzare. Intanto occorre ringraziare coloro che, rinunciando ai compensi, lo stanno amministrando con impegno e responsabilità, pur nelle difficoltà quotidiane. Occorre poi costruire una prospettiva su fondamenta solide e nel contesto di un più ampio progetto che riguarda le politiche per gli anziani e le persone non autosufficienti. A tal fine - ha ribadito il consigliere di Umbertide cambia – abbiamo chiesto di attivare nella competente commissione consiliare un confronto istituzionale con l’Ente, utile anche a valutare un piano di sostenibilità finanziaria, ed abbiamo proposto di impegnare 30.000 euro del bilancio comunale, proprio a significarne il ruolo centrale nel contesto delle politiche sociali e la volontà della comunità umbertidese di sostenere concretamente un potenziamento dell’attività. Occorre naturalmente intervenire per migliorare costantemente il processo di qualità del servizio, investire sulla professionalità del personale ed appunto collocare le attuali attività nell’ambito di un più ampio progetto volto a dare risposte concrete alle attuali e future esigenze della popolazione anziana e delle persone non autosufficienti. Per tutto questo riteniamo necessario tenere alta l’attenzione rispetto al futuro dell’Istituto e sinceramente non comprendiamo il voto contrario del PD sul documento, che tra l’altro rispecchia anche la posizione dell’Amministrazione comunale”.                                                                                                                                                Umbertide cambia

14/06/2017 12:34:35 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Cittadino parlante: ''Nessun caso di inciviltà, ma un disservizio''

Un nostro concittadino ha contattato la redazione in merito al presunto caso di abbandono di un rifiuto ingombrante (divano). Il proprietario dell'oggetto ci ha contattati per riferirci che il ritiro del rifiuto era stato prenotato, ma poi non era stato eseguito dagli addetti. Il divano è stato poi ritirato con una settimana di ritardo. Questa la lettera alla nostra redazione. Riceviamo e pubblichiamo Salve, comunico alcune precisazioni riguardanti il presunto caso del divano abbandonato! Detta notizia è apparsa sulla pagina Facebook della Vostra rivista! Innanzitutto non siamo di fronte a nessun caso di abbandono ma il divano è stato appoggiato lì per essere normalmente ritirato e smaltito da Gesenu così come indicato sui propri volantini! A prova di ciò pubblicherò evidentemente adesso stesso la mail che ho inviato per quanto riguarda la comunicazione a Gesenu! Così recitava la mia mail datata 29 maggio 2017, ore 09:33! Salve, desidero conoscere la data per lo smaltimento di divano usato a due posti, quindi rifiuto ingombrante! Intestatario utenza: Ronconi Mirco Via Roma, 66 Umbertide. Per tutta risposta ricevo sempre via mail il 29/05/2017 ore 09:52! Buongiorno, è prenotato per martedì 6 Giugno da lasciare fuori la sera prima. Grazie Cordiali Saluti. Ovviamente Io ho provveduto a seguire le indicazioni che mi sono state date ma certamente non posso prevedere se detto ritiro sia stato poi effettuato! Mi sembra di essere stato anche abbastanza esaustivo e preciso in quanto ho saputo indicare anche gli orari delle mail di invio e di risposta, e che a tutt'oggi ancora conservo! Ciò detto ritengo che l'offesa di incivile e maleducato non mi tange minimamente, e che piuttosto dovremmo tutti interrogarci su alcuni servizi offerti alla nostra città di Umbertide, da parte di Gesenu. Grazie distinti saluti!  

14/06/2017 12:23:46 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Furto in gioielleria ad Umbertide, rimesso in libertà il 25enne arrestato in flagranza

E' stato rimesso in libertà il 25enne di Perugia, presunto autore di un furto ai danni della conosciutissima gioielleria Burzigotti di Umbertide. Intorno alle 20 di sabato 10 giugno, il giovane, dall'aspetto distinto,  era entrato nella gioielleria dove aveva chiesto alla titolare di visionare alcuni oggetti preziosi per "fare un regalo alla madre".  Approfittando di un momentaneo allontanamento della titolare per prendere altri prodotti sul retro del negozio, il 25enne avrebbe sottratto due preziosi in oro. La scena non è sfuggita al figlio dei titolari ed una volta allertate le forze dell'ordine, è subito giunta una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Città di Castello, coadiuvati dai colleghi della stazione di Umbertide. Il 25enne, incensurato e di buona famiglia, è stato arrestato in flagranza di reato, con sé aveva un bracciale ed un crocifisso per un valore complessivo di 6mila euro. Ieri mattina il ragazzo è comparso in aula a Perugia dove ha detto al giudice Marco Verola: ''Scusate, non so cosa mi sia preso, non l'ho mai fatto e non lo farò mai più".  E' stato così rimesso in libertà senza alcuna restrizione, come richiesto sia dal pm Fiorelli che dai suoi avvocati Gianni ed Eugenio Zaganelli. Il 25enne ha detto di essere entrato veramente per fare un regalo alla madre, ma avrebbe poi perso la testa sottraendo così i due oggetti. Il giudice, dopo aver convalidato l'arresto, ha fissato il processo per il prossimo 9 ottobre.  

13/06/2017 14:49:02 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica A Città di Castello: 62 richiedenti asilo costano circa 780 mila euro l’anno

Riceviamo e pubblichiamo MARCHETTI (Lega Nord): “Quei soldi impieghiamoli per i tifernati, per sussidi agli asili nido o sgravi fiscali alle aziende. Basta mantenere chi non scappa dalla guerra” Sono 62 gli stranieri richiedenti asilo ospitati nelle varie strutture di Città di Castello e costano  ai contribuenti circa 780 mila euro* l’anno. I dati ufficiali sono stati resi noti dall’assessore Luciana Bassini che ha risposto ad una interrogazione del capogruppo Lega Nord, Riccardo Augusto Marchetti, il quale chiedeva uno screening dettagliato sul fenomeno immigratorio nel comprensorio tifernate. “I numeri ufficiali comunicati durante l’ultima assise comunale delineano un quadro sociale complesso che necessita di intervento, non tanto a livello comunale, quanto nazionale – afferma Marchetti – Il dato preoccupante è che a nessuno dei 62 richiedenti asilo, presenti nel nostro comune, sia stato ancora riconosciuto lo status di profugo eppure, nonostante ciò, godono di vitto e alloggio gratuiti, per un costo complessivo di oltre 65 mila euro mensili. Con la Lega al Governo, le pratiche burocratiche verrebbero ampiamente velocizzate, come del resto succede in gran parte d’Europa e nel giro dei 60 giorni canonici avremmo chiaro il quadro: giusto accogliere chi scappa dalle guerre, rispedito immediatamente a casa quel 95% di clandestini, la cui presenza non apporta alcun valore aggiunto ai cittadini italiani e tifernati, ma serve solo ad allargare le pance, di cooperative ed associazioni che sulla pelle degli immigrati ci costruiscono business. Perché non ci limitiamo ad accogliere solo chi scappa dalla guerra che è appena il 5% come il Ministero degli Interni ha più volte ribadito – si chiede il capogruppo leghista - perché ci dobbiamo accollare costi superflui quando quei 780 mila euro annui, del solo comune di Città di Castello, potrebbero essere impiegati come sussidi per asili nidi, per sgravi a costi di imprese e partite iva e rilanciare così il lavoro o aiutando famiglie italiane in difficoltà, potrebbero essere insomma spesi per chi ha veramente diritto ad utilizzare quei soldi. Purtroppo la differenza tra la Lega e il Pd è proprio questa: migliaia di italiani sono senza casa e senza lavoro, il Pd smetta di spendere miliardi (oltre 4 nel 2016) per accogliere e mantenere le persone sbagliate che non scappano da nessuna guerra e ogni euro sia destinato alla nostra gente. Basta ledere i diritti dei cittadini italiani a scapito di marchette politiche come lo jus soli o le vergognose quote islamiche inserite dal PD nelle proprie liste elettorali" *facendo un conto della serva sui 35 euro giornalieri dei bandi

13/06/2017 14:11:14 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Domenica 18 giugno Passeggiata del donatore alla scoperta del borgo di Montemigiano

Riceviamo e pubblichiamo Torna domenica 18 giugno la tradizionale Passeggiata del Donatore, organizzata dalla sezione Avis di Umbertide. Quest'anno donatori e non potranno andare alla scoperta del borgo medioevale di Montemigiano. Il borgo di Montemigiano rappresenta un altro esempio di borgo medievale ed è collocato in posizione predominante sul versante destro della vallata del Niccone. Anticamente era circondato da una possente cinta muraria e da torrioni di cui oggi rimane visibile solo la parte rivolta verso nord dove è ubicata una delle antiche porte di accesso al borgo. La prima notizia del borgo risale al 1210, per una controversia tra il marchese Guido e i figli del marchese Uguccione. Nel 1226 Uberto di Armanno, podestà di Città di Castello e Bernardino di Bugiomonte sentenziarono che Montemigiano doveva riconoscere ogni anno l’autorità di Città di Castello. Negli anni dal 1332 al 1368 il borgo venne coinvolto nelle lotte tra le fazioni che si combattevano per la supremazia nel territorio. Dopo varie vicende, nel 1482 Montemigiano fu occupato ed incendiato dalle truppe papaline e divenne territorio dello Stato Pontificio. Dal 1960 ha avuto inizio il processo di spopolamento che ha portato il borgo in uno stato di semi abbandono e solo grazie ad un pregevole intervento restaurativo privato oggi è possibile ammirare i suoi resti. Per partecipare è possibile iscriversi presso la sede Avis, aperta tutti i giorni feriali dalle 15 alle 18. Per raggiungere il borgo è previsto il parcheggio delle auto presso il cimitero, per poi percorrere l’ultimo tratta di circa 450 metri a piedi, all’ombra delle piante. Solo le persone impossibilitate a camminare potranno raggiungere il borgo in auto, dietro autorizzazione dell’organizzazione. Al termine della visita, è previsto il tradizionale Pranzo del donatore che quest'anno si svolgerà presso il Chiostro e il parco della Chiesa di Santa Maria, per gentile concessione dei frati francescani (pranzo gratuito per i donatori, 10 euro per i non donatori).  

12/06/2017 18:35:10 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy