Attualità » Primo piano Appicca un incendio e fugge, rintracciato e arrestato un 57enne

I Carabinieri della Stazione di Trevi unitamente ai Carabinieri Forestali, hanno arrestato in flagranza di reato un 57enne, accusato di incendio doloso. I fatti sono accaduti giovedì 20 luglio intorno alle 16, quando in località San Martino di Trevi, all’interno di un terreno di proprietà privata, si è sviluppato un incendio che ha interessato circa 350 piante di ulivo per un'estensione pari a quasi un ettaro. L’intervento immediato dei vigili del fuoco di Spoleto ha permesso, dopo circa un'ora,  di circoscrivere l’area interessata e domare definitivamente le fiamme. I Carabinieri si sono subito messi sulle tracce di una persona sospetta, avvistata in prossimità del punto d’innesco, poco prima della propagazione delle fiamme, allontanatasi rapidamente a bordo di un motorino. Individuato dai militari in un luogo poco distante dalla zona interessata dall’incendio, l’uomo, un 57enne di Trevi già noto alle forze dell’ordine, è stato condotto in caserma ed al termine degli accertamenti è stato dichiarato in stato di arresto con l’accusa di incendio doloso. Nel corso della perquisizione personale, nascondeva addosso materiale utile all’innesco dell’incendio, dello stesso tipo repertato nell’area interessata dalle fiamme, in particolare lo stesso tipo di carta igienica, già appallottolata  ed accendini . Al termine delle formalità di rito, è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida. Le ulteriori indagini dei Carabinieri, che hanno operato in perfetta sinergia con i colleghi forestali, permetteranno di accertare l’eventuale coinvolgimento dell’arrestato in episodi analoghi avvenuti  nei giorni precedenti nella zona.

22/07/2017 12:05:47 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Umbertide Cambia porta in Regione la situazione di Calzolaro

Riceviamo e pubblichiamo 21 LUGLIO 2017 - SALA DELLA PARTECIPAZIONE CONSIGLIO REGIONALE I diversi soggetti che oggi presentano un’analisi sul sistema regionale dei rifiuti, a partire però dalla situazione locale, in particolare dell’Alta Umbria e Alto Tevere, rappresentano le istanze del civismo di quei territori, radicato soprattutto nella cultura della sostenibilità ambientale e nella valorizzazione dei beni comuni. Per questi diversi movimenti - che si sono organizzati in una rete territoriale e regionale -  vale il principio di una gestione integrata del ciclo dei rifiuti in ambito ottimale da parte di una azienda pubblica, la quale disponga di un efficace sistema di impianti di prossimità che ne garantiscano l'autosufficienza. Le vicende giudiziarie e le controversie ambientali, di lunga durata ma anche recenti, spingono ulteriormente verso questa strategia. Ciò offre altresì l’occasione politica per recuperate un’etica pubblica, la cui mancanza è stata la causa del degrado ambientale e di episodi di corruttela.  Il fallimento e i ritardi storici del Piano regionale dei rifiuti con il mancato raggiungimento degli obiettivi della raccolta differenziata, con la chiusura degli impianti di Pietramelina (sequestro dell’impianto di compostaggio e prima ancora l’interdittiva antimafia), il sequestro di Borgo Giglione, con l’esaurimento della discarica di Foligno e Spoleto, le difficoltà della discarica Le Crete di Orvieto e di Belladanza a Città di Castello impongono una nuovo approccio alla gestione dei rifiuti. Tale nuovo approccio non è certamente quello che si sta verificando oggi in Alta Umbria e in Alto Tevere. Anzi, si perpetuano in modo diabolico gli stessi errori di malapolitica e gestionali che hanno condotto alla situazione attuale. I casi della Frazione di Calzolaro, nel Comune di Umbertide, e la questione di Belladanza sono la cartina tornasole delle scelte ambientali scellerate delle Amministrazioni comunali, coperte e legittimate dalla Regione e dalla Provincia, che hanno portato a insediare nel centro abitato di Calzolaro un’azienda che tratta 50.000 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi, con effetti insostenibili per la qualità della vita e della salute per i cittadini della frazione. Tali politiche ambientali sono una palese violazione dell’art. 182 bis del Testo Unico ambientale, in quanto fanno saltare il principio della prossimità (voluto proprio dalla Regione) e conducono al “de profundis” della sostenibilità del sistema Alto Tevere.     Osservatorio Beni comuni; Umbertide cambia. Città di Castello cambia.  

21/07/2017 17:20:10 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Festival della solidarietà, numeri in crescita per la settima edizione

Riceviamo e pubblichiamo Mostre, conferenze, musica, animazione e tanto altro: l’evento si consolida nel panorama del Centro Italia Numeri in crescita per il “Festival della solidarietà”: è stato un anno di grande soddisfazione per gli organizzatori dell’associazione Altotevere senza frontiere Onlus, che giunge alla settima edizione e si consolida come evento unico nel suo genere a livello regionale e non solo. Volontari da ogni parte d’Italia e da diversi Paesi del mondo (fra i quali un rappresentante della ong egiziana “Have a dream”) hanno preso parte alla realizzazione della manifestazione che per tre giornate ha animato il parco Alexander Langer – Ansa del Tevere di Città di Castello con un grande riscontro di pubblico. Con un importante obiettivo: il ricavato sarà infatti destinato ai progetti di beneficienza di Altotevere senza frontiere Onlus in favore delle famiglie bisognose del nostro territorio e per la casa famiglia per bambini di Leskoc, dove un gruppo di oltre 20 volontari sarà presente dalla fine di luglio. Tre giornate intense di pace, musica e solidarietà all’insegna delle tematiche sociali e del volontariato, con un programma denso di di iniziative ed eventi rivolti alle varie fasce di pubblico con un filo conduttore ben definito, il tema “Abitare i confini”. Gradita conferma rispetto alla sesta edizione sono state le installazioni artistiche di fumetto con l’esposizione delle tavole illustrate del libro “Di qui non si passa!” (Topipittori editore) allestite in uno spazio dedicato ai bambini. Pepita Onlus, Barabas Clown e Officina della Arti hanno curato animazione e laboratori per bambini.   La manifestazione si è aperta con l’inaugurazione della mostra fotografica “Non più muri” alla presenza dell’autore, Ruggero Da Ros, che ha illustrato il suo reportage sulla barriera che divide Israele e Palestina, costruita nel 2004. L’impegno e il coraggio di Leonardo Cenci (il maratoneta perugino fondatore dell’associazione “Avanti tutta onlus”) sono stati al centro della prima conferenza, dal titolo “Avanti tutta! Quando il limite diventa orizzonte”. Una riflessione di ampio respiro è stata quella condotta da Tonio Dell’Olio, rappresentante dell’associazione “Libera” Internazionale e presidente della Pro Civitate Christiana di Assisi, nella seconda conferenza “Confine. Lo spazio dell’incontro”. Grande spazio è stato riservato, come ogni anno, agli stand delle associazioni di volontariato: fra le associazioni presenti Medici senza frontiere, Caritas, Amnesty international, Croce Rossa italiana, Zuki, Laafi Bala, Oratorio San Giovanni Bosco. Ad aprire le tre grandi serate musicali sono stati i Meganoidi, storica band ska-punk genovese; seconda serata con un concerto speciale a 20 anni dalla scomparsa di Ivan Graziani: sul palco del parco Langer “Pigro in tour”, il tributo ufficiale all’indimenticato cantautore guidato dal figlio Tommy Graziani e da alcuni storici musicisti; chiusura con il Tributo a Lucio Dalla di un gruppo di giovani e talentuosi musicisti altotiberini. Ad animare le serate sono stati anche la performance di live painting del giovane fumettista tifernate Alessandro Bacchetta con il coinvolgimento del pubblico, live acustici e spettacoli di giocoleria. Per tutte le informazioni: www.festivaldellasolidarieta.org, pagina Facebook “Festival della solidarietà”.  

21/07/2017 16:49:50 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy