Notizie » Società Civile Sabato 24 ottobre inaugurazione del Parco dell'area ex tabacchi In programma giochi per bambini, mostra d'arte e musica blues

Verrà inaugurato sabato 24 ottobre il parco realizzato presso l'area ex tabacchi nell'ambito del Puc 2 “Forum urbano nel parco”. L'area verde è stata oggetto di un importante intervento di riqualificazione che ha visto l'installazione di giochi per bambini, panchine ed elementi di arredo urbano, la realizzazione di una pista ciclabile, di un nuovo impianto di illuminazione a basso consumo energetico, di due tribune in cemento per il campo sportivo in erba sintetica e di un'area sgambamento per i cani e la sistemazione del verde. L'intervento ha permesso inoltre di pavimentare anche l'area compresa tra il magazzino ex tabacchi e gli spogliatoi del campo sportivo. L'importo complessivo dei lavori è stato di circa 250.000 euro, finanziati in toto con risorse del Por-Fesr 2007 2013. Recentemente l'area è stata anche oggetto di un altro intervento che ha riguardato l'edificio ex tabacchi con la realizzazione sulla copertura della struttura di un impianto fotovoltaico di ultima generazione che servirà le utenze pubbliche della sala polivalente e del campo sportivo, con notevoli risparmi di gestione. L’importo dei lavori è stato di 200mila euro, finanziati con economie derivanti dai primi due stralci del progetto Puc 2. La cerimonia di inaugurazione si terrà sabato 24 ottobre a partire alle ore 10.30 alla presenza del sindaco Marco Locchi, dell'assessore alla Cultura Raffaela Violini, dell'assessore regionale alla Riqualificazione urbana Giuseppe Chianella e dell'on. Giampiero Giulietti e vedrà una serie di iniziative aperte a tutti per vivere appieno il nuovo parco e l'edificio ex tabacchi. Il programma prevede alle ore 10,30 e alle ore 15 giochi per bambini e merenda, mentre alle ore 18 presso l'edificio tabacchi si terrà una mostra d'arte collettiva con aperitivo, accompagnata da musica blues dal vivo. Alla giornata, a cui è invitata a partecipare tutta la popolazione, interverranno anche i membri del Consiglio di Quartiere n. 3.

15/10/2015 12:35:33

Notizie » Società Civile AIMET PIÙ FORTE DELLA CRISI. NEL PRIMO SEMESTRE 2015 FATTURATO A + 19%

Umbertide (Pg), 14 ottobre 2015 – Aimet – Azienda Intercomunale Metano Energie del Territorio - continua a crescere e a tagliare nuovi traguardi. L'azienda che da oltre dieci anni offre servizi energetici a 360 gradi a privati, imprese e pubbliche amministrazioni, ha recentemente ampliato il proprio territorio di espansione, superando i confini umbri ed acquisendo nuovi clienti nelle regioni Marche ed Abruzzo, e contestualmente ha incrementato il fatturato, in netta controtendenza con l'andamento economico generale. La recente approvazione da parte del cda di Aimet del bilancio infra-annuale della società ha infatti evidenziato una crescita in termini di utili e fatturato pari a + 19% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, risultato ancora più apprezzabile se si pensa alle tante difficoltà che molte imprese ancora oggi incontrano nell'uscire dalla crisi. L’azienda è soddisfatta dei risultati intermedi del 2015 in quanto non solo è riuscita a mantenere il proprio mercato ma continua anche a svilupparsi e a crescere in un periodo di perdurante difficoltà economica. Aimet, società del gruppo Libera energia S.p.a., fa parte di un progetto imprenditoriale ad ampio raggio che si sta implementando in varie regioni d’Italia con ottimi risultati. “Restiamo fermamente convinti – ha affermato l’Ad Patrizio Nonnato - che la nostra politica aziendale di stretta vicinanza alla clientela con offerte concorrenziali e servizi professionali e puntuali permetta alla società di continuare nell’opera di consolidamento e di affermazione sul territorio”.

14/10/2015 15:17:09

Notizie » SLIDER DIANA WEB: l'amica della ricerca

Il vento dell’autunno ci ha già stretto le camicie addosso, ma la voglia di gironzolare in auto con la testa fuori dal finestrino fra un paese della nostra verde regione non mi ha ancora abbandonato;  è in questo modo che, dal viaggio di ritorno da San Giustino, qualcosa di insolito mi è balzato agli occhi; l’aspetto di Villa Magherini Graziani non era più equilibrato come quello di una classica dimora nobiliare tardo-rinascimentale, bensì rinnovato, quasi surreale:  l’intera struttura era completamente accesa da un fuoco rosa. Che fosse la trovata di un qualche artista contemporaneo? Spinta dalla curiosità, mi affretto a saperne di più cercando la risposta sul web, scoprendo che si tratta sì di un opera, ma dal valore incommensurabile. Come da tradizione, dal 1992, ben settanta nazioni si impegnano nella campagna di prevenzione contro il tumore al seno, tingendo così il mese di Ottobre di rosa per ricordare alle donne, tutte, che questo male, il carcinoma mammario(CM) , rimane purtroppo la prima causa di morte per tumore nella popolazione femminile e il tasso stimato di recidive nei cinque anni si aggira ancora all’11%, ma ricorda alle stesse che fra i fattori di rischio modificabili coinvolti sia nello sviluppo del carcinoma che delle sue recidive, un ruolo importante sembra svolgerlo le abitudini di tutti i giorni: oggi, infatti, sappiamo che le donne affette da questo tumore o in sovrappeso o con elevati livelli di insulina, IGF-I(insulin like growth factors) e testosterone hanno maggior rischio di recidive. Gli studi DIANA (DIet ANd Androgens), condotti presso l’Istituto Nazionali Tumori di Milano, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’ Università degli Studi di Perugia, di cui ricordiamo con affetto il lavoro dei nostri concittadini M. Villarini e M. Moretti, e la Scuola di Specializzazione di Igiene e Medicina Preventiva  di Perugia, indicano che una dieta povera in grassi, carboidrati raffinati e proteine animali assieme ad una costante attività fisica riducono i fattori di rischio elencati. Essere medici però non significa solamente dedicarsi alla malattia, bensì al paziente; e dall’ascolto attento di quelle donne che vogliono essere aggiornate sui progressi della ricerca, che desiderano uno spazio dove confrontarsi e ricevere consigli sul nuovo stile di vita che nasce il progetto DIANAWEB. Lo studio si configura come spin-off del progetto DIANA5, un trial randomizzato multicentrico finalizzato alla prevenzione delle ricadute del tumore al seno attraverso l’adozione di una dieta equilibrata. DIANAWEB si avvale di un sito (www.dianaweb.org) composto da due sezioni, l’una pubblica, l’altra riservata alle pazienti, reclutate su base volontaria, dove possono attingere informazioni scientifiche circa la problematica oncologica, pareri sulla nutrizione e sull’attività fisica, avvisi relativi ai vari eventi organizzati, come corsi di cucina e conferenze, che l’ente propone  . Le impressioni poi, diventano l’oggetto di qualche chiacchiera virtuale attraverso la chat controllata dagli esperti, gli stessi che analizzano i questionari compilati delle volontarie con cadenza regolare. L’obiettivo finale del progetto è quello di accompagnare le donne con diagnosi di carcinoma mammario nel cambiamento, di rendere la nuova routine condivisa con chi ha già intrapreso il percorso e con chi si trova ai primi passi, di pubblicare gli ultimi risultati delle indagini per evitare false informazioni e luoghi comuni non scientificamente provati, di fornire nuovi dati su cui lavorare e, per ultimo, ma non per importanza, ridurre i costi del Servizio Sanitario Nazionale. Per aiutare, per ricordare di ricordarci di noi stesse, per la ricerca, che è sterile senza la componente umana. Per Lucia, Ed una buona volta, #pinkisgood.  

14/10/2015 12:42:53

Notizie » Società Civile PIETRALUNGA: MOSTRA E MERCATO DEL TARTUFO E PATATA BIANCA

Anche quest’anno, come ogni anno, Pietralunga diviene protagonista del mese di Ottobre con la ventisettesima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo e della Patata Bianca. Tutta la manifestazione ruota attorno ai prodotti tipici della gastronomia e dell’economia dell’Alto Tevere: il tartufo bianco detto trifola, la patata bianca di Pietralunga, funghi, olio, vino, salumi, formaggi, crema di nocciole, castagne e le immancabili spighe arrosto. Oltre ai consueti tre giorni previsti il 9-10-11 Ottobre sarà possibile proseguire con la degustazione delle specialità locali nei ristoranti e taverne del centro storico anche il fine settimana successivo nonché il 17 e 18 Ottobre;  sabato 10 e domenica 18 si potrà godere, a partire dalle ore 16, di degustazione gratuite di pesce del Lago Trasimeno con patata di Pietralunga grazie alla collaborazione della cooperativa Pescatori del Lago. Un evento all’insegna del gusto e della buona cucina, ma anche del divertimento tanto che è prevista per domenica 11 Ottobre una gara di cani da tartufo, un laboratorio didattico “Impariamo a conoscere il tartufo e la patata”, un raduno di auto, moto,vespe di ieri e di oggi organizzato da Vespa Club Fratta di Umbertide,spettacoli folkloristici dell’associazione la Frullana ed infine il concerto della banda filarmonica pietralunghese. Sabato 17 si terrà il terzo raduno Camperisti seguito dall’esibizione di Massimo Donno con la presentazione dell’album dal titolo “Partenze” Canzoni d’autore- inedito : viaggio lavoro ed immigrazione. Infine per chiudere in bellezza domenica 18 Ottobre  si svolgerà “La Tartufissima” gara podistica competitiva e non competitiva organizzata dalla Pro-loco in collaborazione con Marathon Club Città di Castello.  

14/10/2015 10:38:59

Notizie » Società Civile Montecorona in festa

Domenica 27 settembre si è svolta la trentacinquesima “Festa Grande di Montecorona” in occasione della quale è stata restituita al pubblico l’edicola della Madonna di Palazzo Rosa. Questa celebrazione ebbe inizio il 27 settembre 1980 e nacque proprio per festeggiare il cinque centenario dalla costruzione dell’edicola, che riporta a sua volta una pietra in alto con inciso l’anno dell’edificazione (1480). Il restauro dell’opera è stato resto possibile grazie alla decisione da parte del comitato organizzativo di destinare il fondo cassa raccolto per la festa alla sistemazione della struttura che costituisce proprio il fulcro attorno al quale un tempo ruotava una piccola oggi divenuta  grande festa. La giornata è stata ricca di avvenimenti: in seguito alla Santa Messa celebrata da Don Renzo, Giuliano Sabbiniani ha voluto ringraziare a nome di tutti gli abitanti di Montecorona coloro che hanno contribuito alla realizzazione della festa sottolineando che l’importanza di questo giorno sta nel riscoprire radici, origini, tradizioni e nella voglia di ritrovarsi per passare del tempo insieme.  Ha poi ricordato il fine benefico della manifestazione attraverso il cui ricavato in passato è stato possibile fare importanti donazioni per l’acquisto di preziose ed indispensabili apparecchiature messe a disposizione dell’Ospedale di Umbertide, per la parrocchia destinate all’abbellimento della meravigliosa Abbazia ora passata a Basilica Minore, contributi devoluti all’AUCC comitato di Umbertide ed in ultimo il restauro dell’edicola. Tantissime le persone che hanno partecipato alla festa, fra cui anche il sindaco Marco Locchi che ha voluto ringraziare personalmente il comitato per il lavoro svolto durante tutti questi anni.

14/10/2015 10:28:06

Notizie » Editoriale Un compleanno tra attualità, prevenzione e novità

Sono passati ben 7 anni dal primo numero del nostro mensile, da quel numero zero, uscito, un pò in sordina, ad ottobre 2008. In pochi avrebbero scommesso su questo risultato ma non noi (redazione e gruppo editoriale) che in questo progetto crediamo da sempre. Avremmo voluto aprire la prima pagina con allegria perchè si tratta pur sempre di un numero speciale, ma gli eventi non ce l'hanno permesso. E' infatti, con un filo di tristezza, che ci siamo sentiti in dovere di affrontare il tema caldo di questo periodo: la chiusura del tratto ferroviario Città di Castello-Umbertide e la situazione ex-Fcu. Un argomento quanto mai caro ad Umbertide ed ai suoi cittadini, che abbiamo sottolineato non solo con l'intera inchiesta di apertura, ma anche con la pagina dedicata alla storia locale, a firma di Francesco Cucchiarini. Con il nostro anniversario inauguriamo una nuova rubrica ed una nuova collaborazione: Digital Babel che sarà seguita dall'Avv. Giuseppe Serafini. Un contributo prezioso che ci aiuterà, di volta in volta, a fare chiarezza e a sciogliere le paure che oggi circondano il mare magnum del mondo digitale. Informazione Locale ha voluto, inoltre, partecipare al mese della prevenzione del tumore al seno con un pezzo speciale dedicato al progetto DIANAWEB. Uno studio, condotto anche da due ricercatori umbertidesi, a cui abbiamo deciso di dare risalto per sensibilizzare il maggior numero di persone possibili. I dati restano particolarmente allarmanti: una donna ogni 10 viene colpita dal tumore al seno e anche se il tasso di mortalità è in diminuizione, i casi aumentano di anno in anno. La migliore arma rimane la prevenzione costante e accurata.

14/10/2015 10:06:19

Notizie » SLIDER Tratta EX-FCU: la parola ai pendolari

Umbertide ha sempre avuto un forte legame con la ferrovia. Molti nostri concittadini nel corso degli anni l’hanno servita con passione; molti umbertidesi ne hanno sempre fatto uso per recarsi nei luoghi di lavoro o di studio. Fino al termine del secondo conflitto mondiale, Umbertide era il crocevia di due importanti reti ferroviarie: la Ferrovia Appennino Centrale- che collegava Arezzo con Fossato di Vico, determinante per i collegamenti di persone e merci da ovest a est- e la MUA (poi diventata FCU), che univa l’Umbria da nord a sud, da Umbertide, appunto, fino a Terni. Oggi la nostra città rischia di diventare il binario morto di un servizio essenziale per l’Alta Valle del Tevere. La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno, quando, lo scorso 6 settembre, il neo assessore regionale ai trasporti Giuseppe Chianella, ha annunciato la chiusura della tratta della ex-FCU da Umbertide a Città di Castello per consentire lavori di manutenzione e di messa in sicurezza. I lavori (di cui ancora non si sa la data di inizio), avranno durata di circa un anno e un costo complessivo di 6 milioni di euro. Bus sostitutivi hanno preso il posto dei treni, provocando non pochi disagi alle utenze, visto il taglio drastico delle corse. Subito dopo l’annuncio della chiusura della tratta,  il mondo politico e amministrativo alto tiberino è prontamente intervenuto per scongiurare la cessazione definitiva del servizio. Amministrazioni comunali dei territori coinvolti, partiti politici e liste civiche presenti in Alto Tevere si sono uniti in un coro unanime: tempi celeri per reperimento delle risorse e per lo svolgimento dei lavori e no alla chiusura della ex-FCU. La notizia nefasta dal 6 settembre non è che l’ultimo atto riguardante un disservizio che negli ultimi dieci anni è costantemente in crescita, dovuto in gran parte a strategie fallimentari che hanno comportato sperpero di denaro pubblico. Circa un decennio fa iniziarono i lavori per la rielettrificazione dell’intero percorso della Ferrovia Centrale Umbra che, a distanza di decenni, avrebbe mandato in pensione i vecchi Aln diesel e consentito il ritorno dei treni elettrici. Era il 2008, quando, con una grande manifestazione alla stazione di Umbertide, venne dato il benvenuto ai quattro treni elettrici Minuetto, costati 5 milioni di euro l’uno. Che fine hanno fatto oggi questi convogli? Semplice. Basta andare all’interno della nostra stazione e vedere tre di essi “a riposo”, esposti alle intemperie e “violentati” dalle bombolette di qualche aspirante writer. Solo uno quindi ancora “presta servizio”, ma attenzione, non sulla Terni- Sansepolcro, ma sulla tratta delle Ferrovie dello Stato Foligno- Terentola. Molti considerano la causa di parecchi mali della ferrovia anche l’unione di tutte le compagnie di trasporto pubblico umbre. Era il 2010 quando venne creata Umbria Mobilità, la holding dei trasporti (con soci Regione Umbria, Province di Perugia e Terni, Comuni di Perugia, Foligno e Spoleto) che avrebbe unito i “giganti” dei trasporti dell’Umbria (Apm, Fcu e Minimetrò) e aziende di trasporto presenti nei grandi comuni umbri. Per alcuni l’unione venne vista come un bene, mentre per altri essa era considerata come una mossa per ripianare il “rosso” delle altre compagnie, visto che all’epoca la ferrovia godeva di buona salute. Ricordiamo inoltre che da luglio dell’anno scorso, Umbria Mobilità, dopo la cessione del 30% delle azioni societarie rimanenti, di proprietà Regione, è sotto il controllo totale di Busitalia, società partecipata delle Ferrovie dello Stato. Non dimentichiamoci anche il raddoppio della linea Sant’Anna- Ponte San Giovanni. Lavori iniziati, poi fermati. Forse non avranno mai fine. E’ notizia di pochi giorni fa, ad annuncio della chiusura per manutenzione della Umbertide- Città di Castello fatto, l’inizio dei lavori della bretella ferroviaria di Pierantonio. Una contraddizione bella e buona. Si inaugurano i lavori per il trasporto merci mentre il futuro di quello per persone è ancora avvolto nella nebbia. Conclusa la carrellata su alcuni dei passi falsi commessi da inizio decennio fino ai nostri giorni, una domanda viene spontanea: che fine hanno fatto o in quale maniera sono stati spesi i fondi stanziati per la manutenzione ordinaria della rete ferroviaria? Non sappiamo se ci sarà risposta, ma una cosa è certa: chi ci rimette sono i cittadini. Agli utenti della ferrovia, che già hanno dovuto sopportare anni di disservizio (treni sporchi, scarsa sicurezza all’interno dei convogli, tariffe aumentate in maniera astronomica nel giro di pochissimo tempo), ora viene tolto un servizio essenziale che potrebbe definitivamente isolare l’intera Umbria del nord e che, attualmente, come riportato ad inizio articolo, comporta un’odissea per coloro che si spostano da nord a sud, e viceversa, quotidianamente.  Proviamo a calarci nei panni di essi: partenza da Sansepolcro in treno, capolinea a Città di Castello, in pullman fino a Umbertide per poi risalire su un altro convoglio. Tutto questo pagando. Proprio per sapere l’opinione dei pendolari sull’attuale situazione, riportiamo la dichiarazione di Andrea Meniconi, coordinatore pendolari umbri e pendolari ex- FCU Alto Tevere: «Tutto è avvenuto in fretta, senza preavviso e in momento delicato come quello del rinnovo degli abbonamenti- dichiara Meniconi- La situazione è molto compromessa; con le due rotture di carico, che hanno comportato la sostituzione dei treni coi bus, in vista dell’inverno, si andrà incontro a numerosi disservizi». «Come comitato pendolari- prosegue il rappresentante dei pendolari-, da moltissimo tempo chiediamo la messa in sicurezza della tratta. Il rallentamento a 50 km/h era un preavviso, ma le nostre denunce sono sempre rimaste inascoltate. La ferrovia va potenziata e rimessa a posto. Per questo le istituzioni locali devo impegnarsi a rintracciare i fondi necessari per ciò. E’ vero, il governo centrale ha effettuato numerosi tagli, ma in passato potevano essere impiegate delle importanti risorse finanziarie che sono state buttate via, come ad esempio con l’acquisto dei quattro treni “Minuetto” (di cui ne viaggia solo uno e gli altri stanno a marcire alla stazione di Umbertide) o per il raddoppio da Perugia- Sant’Anna a Ponte San Giovanni, i lavori del quale sono iniziati dieci anni fa e non vedono una fine. Come affermato precedentemente, non viene garantito più un servizio adeguato. Gli orari non vengono stabiliti secondo esigenze del pendolare ma a piacimento dell’azienda. All’interno dei treni vi è una vera e propria anarchia; con viaggiatori che non pagano il biglietto e molta sporcizia. Come coordinamento c’impegneremo fin da subito in una dura lotta per garantire questo servizio essenziale per il nostro territorio. Proporremo a tutte le amministrazioni locali di convocare un Consiglio comunale aperto per discutere su questa situazione e per trovare una strategia comune per risolvere il problema il più veloce possibile, visto che ancora tutto è in alto mare».

14/10/2015 09:53:56

Notizie » SLIDER Pink is good: la battaglia di tutte le donne perchè insieme possiamo fermare il tumore al seno!

Ogni anno, in Italia, 48.000 donne si ammalano di tumore al seno. La ricerca scientifica ha compiuto passi da gigante: oggi, infatti, guarisce oltre il 90% delle donne a cui il tumore è stato diagnosticato in fase iniziale. Dall’impegno decennale di Fondazione Veronesi nasce il progetto Pink is GOOD, che si pone come obiettivo quello di battere definitivamente il tumore al seno. Pink is GOOD per la Fondazione significa promuovere la prevenzione, indispensabile per individuare la malattia nelle primissime fasi, e fare informazione sul tema in modo serio, accurato, aggiornato. Pink is GOOD per la Fondazione è anche sostegno concreto alla Ricerca, grazie al finanziamento di borse e progetti di ricerca per medici e scienziati che hanno deciso di dedicare la loro vita allo studio e alla cura del tumore al seno. La Ricerca ha cambiato la vita di migliaia di donne. Per questo è importante che la Ricerca continui a lavorare per individuare soluzioni innovative per anticipare il più possibile la diagnosi, trovare nuove terapie, nuovi farmaci, in grado di sconfiggere definitivamente il tumore al seno. Con Pink is GOOD la Fondazione Veronesi dal 2013 sostiene il lavoro di una serie di ricercatori ricercatori specializzati nella ricerca contro il tumore al seno. Per continuare a farlo e sconfiggere il tumore al seno abbiamo bisogno anche di te: scegli la prevenzione e sostieni la ricerca!

14/10/2015 09:39:38

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy