Notizie » Politica Umbertide Cambia: salviamo la ex FCU

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Si darebbero morsi sui gomiti gli amministratori dei Comuni altotiberini che riuscirono a far passare nel 1886 il primo treno da Arezzo a Fossato di Vico, dopo soli quattro anni di lavoro a forza di picconi e carretti. Mai si sarebbero aspettati che eredi indegni avessero esposto la ferrovia al paradosso di questi giorni: da un lato, l’interruzione di un tratto prezioso a causa della colpevole elusione della manutenzione corrente; dall’altro, l’avvio del cantiere per una nuova derivazione palesemente inutilizzabile: la bretella di Pierantonio. Mentre non ci si è preoccupati di trovare le risorse per la sicurezza della Umbertide-Città di Castello, sono invece state reperite per il raccordo per il treno che non ci sarà.   Noi come movimento civico abbiamo sempre denunciato tale situazione e l’incapacità strategica e gestionale della classe dirigente che finora ha amministrato. Ci ha lasciato un binario morto, triste e solitario. La ex FCU, come servizio universale, deve rappresentare invece il perno centrale del trasporto locale nel quale il ferro sia privilegiato alla gomma. La qualità, efficienza e sostenibilità, in termini occupazionali e ambientali, passa infatti da questo principio, svuotato proprio dalla vergognosa vicenda della bretella di Pierantonio. Qui nessuno si è degnato di contestare le nostre critiche, preferendo la strada del silenzio anziché della trasparenza. All’ingresso del cantiere di Pierantonio non è stato esposto il cartello che la legge impone e che normalmente giganteggia a celebrare le opere pubbliche. Stavolta non è dato conoscere l’identità della stazione appaltante, la ditta esecutrice, i tecnici responsabili, l’entità e le fonti di finanziamento. Mentre a Pierantonio si cercano di investire oltre tre milioni nella bretella per un treno merci che non c’è (né ci sarà), a venti chilometri si realizza, ancora con soldi pubblici, una piastra logistica totalmente scollegata alla ferrovia, condannando il treno alla perpetua esclusione dal traffico merci. Salviamo un bene della comunità che pendolari, lavoratori, studenti, utenti vivono come un vero strumento sociale e di sostegno.                                                                                                                                                                

20/09/2015 12:07:11

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: PAROLE CHIARE SULLA FERROVIA – SABATO 19 SETTEMBRE, ORE 17.00, CONVOCATA UNA CONFERENZA STAMPA

Si darebbero morsi sui gomiti gli amministratori dei Comuni altotiberini che riuscirono a far passare nel 1886 il primo treno da Arezzo a Fossato di Vico, dopo soli quattro anni di lavoro a forza di picconi e carretti. Mai si sarebbero aspettati che eredi indegni avessero esposto la ferrovia al paradosso di questi giorni: da un lato, l’interruzione di un tratto prezioso a causa della colpevole elusione della manutenzione corrente; dall’altro, l’avvio del cantiere per una nuova derivazione palesemente inutilizzabile: la bretella di Pierantonio. Mentre non ci si è preoccupati di trovare le risorse per la sicurezza della Umbertide – Città di Castello, sono invece state reperite per il raccordo per il treno che non ci sarà.  All’incapacità strategica e gestionale si è aggiunta la beffa dei tanti salvatori della patria che, sfidando l’intelligenza dei cittadini (e la propria), hanno avuto la faccia tosta di cadere dalle nuvole dopo aver fatto orecchi da mercante alle nostre innumerevoli allarmate denunce. Occorre però riconoscere al potere dominante la scaltrezza di aver occultato i problemi prima delle elezioni regionali, evitando il travaso di voti che avrebbe determinato il ribaltamento della maggioranza in Regione. È anche apprezzabile la riservatezza con cui è stato dato il via ai lavori a Pierantonio: all’ingresso del cantiere non è stato esposto il cartello che la legge impone e che normalmente giganteggia a celebrare le opere pubbliche. Stavolta non è dato conoscere l’identità della stazione appaltante, la ditta esecutrice, i tecnici responsabili, l’entità e le fonti di finanziamento. Davvero un commovente atto di pudore: vergogna! E’ tempo di dire parole chiare sulla vicenda della ex FCU. Umbertide cambia intende farlo. A questo proposito è stata convocata una conferenza stampa simbolicamente presso la stazione di Umbertide per sabato 19 settembre, alle ore 17.00.

17/09/2015 09:50:45

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy