Attualità » Primo piano Perugia: blitz della Polizia a Fontivegge e via del Macello, denunce ed espulsioni

E’ di quaranta persone identificate, quattordici veicoli e cinque appartamenti controllati e una cittadina cinese espulsa, il bilancio dei controlli straordinari del territorio disposti dal questore di Perugia Francesco Messina nelle zone di Fontivegge e via del Macello, nel capoluogo umbro. Nelle prime ore della mattina gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, unitamente alle pattuglie della Squadra mobile e della Divisione Anticrimine della Questura di Perugia, hanno controllato cinque appartamenti in via del Macello ed i relativi occupanti, tra i quali cinque cittadini nigeriani e una cittadina cinese. Quest’ultima, priva di documenti, è stata accompagnata in Questura ed è risultata irregolare sul territorio nazionale. Presa in carico dall’Ufficio Immigrazione, sono in corso le procedure per l’espulsione. Sono in corso gli accertamenti finalizzati a verificare la regolarità dei contratti di locazione. Nel mirino degli agenti anche un internet point, dove i poliziotti hanno identificato i nove avventori presenti: tra questi due cittadini tunisini, uno dei quali già gravato dall’ordine del questore di lasciare il territorio nazionale, sono risultati irregolari e sono in corso le procedure per l’espulsione. Un cittadino marocchino controllato mentre si aggirava con fare sospetto all’interno della stazione di Fontivegge a Perugia, è stato trovato in possesso di tre telefoni sulla cui provenienza non sapeva fornire indicazioni. Accompagnato in Questura, è stato denunciato per ricettazione ed emesso un provvedimento di espulsione. Un tunisino, gravato da pregiudizi e sottoposto alla misura dell’obbligo di firma, è stato denunciato per possesso di oggetti atti ad offendere: in tasca aveva una lametta lunga 10 centimetri. Nei suoi confronti sono in corso le procedure per l’espulsione. Un altro tunisino è stato fermato alla stazione e, risultato inottemperante all’ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale, è stato denunciato e nei suoi confronti è stato emesso un nuovo provvedimento di allontanamento dal territorio. Un cittadino algerino fermato in via Bellocchio, sempre nel capoluogo umbro, è risultato irregolare ed è stato condotto in Questura per essere identificato. Gravato da numerosi pregiudizi per detenzione di armi e lesioni personali, già destinatario di un ordine del questore, è stato denunciato per non avervi ottemperato e nei suoi confronti è stato emesso nuovo provvedimento di espulsione.  

01/11/2017 15:12:15 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Il rigonfiamento insospettisce una cassiera, arrestato un pregiudicato

E’ entrato in un esercizio commerciale di Ponte San Giovanni, alla periferia di Perugia e dopo essersi aggirato tra gli scaffali, si è recato verso l’uscita senza presentare alcun articolo in pagamento. Ma alla cassiera del supermercato non è sfuggito l’atteggiamento dell’uomo, un 24enne rumeno ed il fatto che la giacca che indossava appariva stranamente rigonfia all’altezza dell’addome. Insospettita, si è subito alzata dalla propria postazione dirigendosi verso il rumeno per tentare di fermarlo ma questi, vistosi scoperto, l’ha spintonata per guadagnare l’uscita. Ma la fuga ha avuto breve durata poiché l’uomo è stato visto dall’equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine in servizio di controllo del territorio mentre usciva di corsa dal supermercato.  Bloccato e perquisito, la Polizia gli ha trovato sotto la giacca generi alimentari alcuni appena asportati dal supermercato ed altri verosimilmente asportati da altri esercizi e la cui provenienza è in corso di verifica. Oltre alla refurtiva, in tasca teneva un coltello a serramanico con lama di 7 cm. Accompagnato in Questura, dagli accertamenti l’uomo è risultato gravato da pregiudizi per reati contro il patrimonio. Arrestato per rapina impropria e denunciato a piede libero per il possesso dell’arma, su disposizione dell’autorità Giudiziaria è stato collocato ai domiciliari presso la sua residenza in attesa del rito direttissimo.

30/10/2017 12:34:52 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Rinvenuta un'auto utilizzata per furto di rame

Proseguono i controlli straordinari del territorio disposti dal Questore Francesco Messina anche nell’area di Assisi. Nella serata del 28 ottobre, la Squadra Volante del Commissariato assisano, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche e della Polizia Municipale del Comune di Bastia Umbra, hanno fermato ed identificato 150 persone, delle quali 20 sono risultate gravate da pregiudizi di polizia. Sono stati passati al setaccio i centri di aggregazione maggiormente in voga, i vicoli del centro storico, le aree verdi più frequentate specie nelle ore serali e notturne dai giovanissimi della zona. Sono stati effettuati controlli anche agli avventori dei locali etnici e dei circoli ricreativi della periferia. Durante il pattugliamento del territorio, la Squadra Volante ha controllato un’autovettura parcheggiata in modo sospetto nei pressi del cimitero di Santa Maria, nei pressi della linea ferroviaria. Dalle verifiche l’auto è risultata compendio di furto perpetrato poche ore prima nel territorio di Spello. All’interno dell’auto, trovata in buone condizioni ma ormai senza benzina, sono stati rinvenuti dei cavi elettrici parzialmente composti di rame. Verosimilmente i ladri avevano sottratto l’auto e l’avevano utilizzata per commettere furti del prezioso materiale finché la vettura non era rimasta senza carburante. La macchina è stata riconsegnata al suo legittimo proprietario e sono in corso gli accertamenti per l’identificazione dei responsabili.

30/10/2017 12:22:22 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy