Attualità » Primo piano Via libera alla realizzazione di un centro di riuso a Madonna del Moro, dalla Regione 75.000 euro di finanziamento

Riceviamo e pubblichiamo E’ stato approvato dalla Giunta comunale il progetto definitivo per la realizzazione di un centro di riuso in località Madonna del Moro, cofinanziato attraverso il Bando regionale per la concessione di contributi ai Comuni a sostegno della realizzazione ed allestimento dei suddetti centri di riuso, secondo  le linee guida approvate con D.G.R. n. 798/2016. Al bando il Comune di Umbertide ha partecipato in forma associata con il Comune di Lisciano Niccone e recentemente, con Determina dirigenziale n. 6349 del 22/06/2017 della Regione Umbria, ha visto ottenere un contributo pari a 75.000 euro, a cui si aggiungono 26.000 euro circa di cofinanziamento comunale. Con tale iniziativa, la Regione Umbria intende promuovere la realizzazione sul territorio dei centri di riuso, ovvero di aree dove i cittadini potranno dare e ricevere beni usati che però possono essere ancora utilizzati. Il progetto è infatti finalizzato alla lotta allo spreco partendo dal principio che il migliore rifiuto è quello non prodotto ed educando i cittadini ad una corretta gestione del bene anche nel momento in cui si decide di disfarsene. In questo modo agli oggetti che non si utilizzano più si garantisce una seconda vita, diminuendo così la produzione di rifiuti prodotti e soprattutto permettendo di usufruirne a coloro che altrimenti, per ragioni economiche, non potrebbero acquistarli.   

10/08/2017 14:13:50 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Emanuele Filiberto di Savoia dona 50mila euro per il Centro Pastorale ''Madonna delle Grazie'' di Norcia

Una donazione di 50mila euro dagli Ordini dinastici di Casa Savoia per la ricostruzione del Centro Pastorale “Madonna delle Grazie” di Norcia. Questo il dono della famiglia Savoia e degli appartenenti agli antichi ordini cavallereschi della dinastia, che Emanuele Filiberto, consegnerà il giorno 12 agosto alle ore 12 all’arcivescovo di Spoleto-Norcia monsignor Renato Boccardo, mettendo a disposizione tale contributo per l’importante iniziativa. Emanuele Filiberto di Savoia ha uno stretto legame con l'Umbria. Dal 2006 infatti, Emanuele Filiberto ha scelto Umbertide, in particolare la località di Serra Partucci, come dimora umbra. “Sono molto, molto felice di poter tornare a Norcia – dichiara il principe Emanuele Filiberto – e soprattutto di poter visitare la città portando un segno concreto del nostro amore per questa bellissima città e per uno dei gioielli d’Italia. Quando lo scorso anno si è verificato il sisma che ha devastato l’Italia centrale, il nostro primo pensiero è stato quello di poter aiutare la rinascita di queste zone sostenendo un progetto promosso dall’Arcidiocesi: era un sogno, ma ce l’abbiamo fatta. Sono qui per consegnare all’arcivescovo Boccardo, che ha subito accolto con profonda sensibilità ed attenzione il nostro gesto, la somma per la quale ci siamo impegnati e che sarà erogata totalmente per la ricostruzione del Centro Pastorale ‘Madonna delle Grazie’. Un centro di preghiera, certo, ma anche luogo civico di aggregazione sociale, dove persone anziane e più giovani possono trovarsi attorno ai segni dell’Amore più grande. E questo è bellissimo: un’emozione profondissima e che si colloca in pieno nel segno della tradizione della mia Casa e di quell’attenzione nei confronti delle situazioni di disagio che è da sempre il tratto distintivo degli Ordini Dinastici di Casa Savoia ed in particolare dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. E non potevamo – prosegue – non pensare ad un interlocutore più adatto che l’Arcidiocesi di Spoleto-Norcia, dato lo stretto legame che unisce gli Ordini al Magistero della Chiesa Cattolica e dal primo giorno in prima linea per fronteggiare l’emergenza. Il nostro cuore è con Norcia e con tutti coloro che soffrono”. Successivamente, il principe e l’arcivescovo pranzeranno con i volontari della Caritas presenti a Norcia, incontrando le famiglie di coloro che hanno perso le loro dimore durante il sisma. Emanuele Filiberto sarà accompagnato dal Vice Capo del Cerimoniale, dal Delegato e dal Vice-Delegato degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia, e da alcuni rappresentanti degli Ordini Dinastici di Casa Savoia. La donazione degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, erogata attraverso l’Association Internationale des Chevaliers des Ordres Dynastiques de la Maison Royale de Savoie, sarà destinata alla ricostruzione del Centro Pastorale “Madonna delle Grazie”. Il progetto prevede la riedificazione dell’unico luogo di aggregazione sociale e di svolgimento delle attività pastorali, che avrà i requisiti strutturali di “ricostruzione sicura”. L’ipotesi progettuale per il recupero del Centro Parrocchiale Madonna delle Grazie di Norcia prevede il riutilizzo dell’intera superficie ripartita nei tre livelli originari per ridar vita all’unico edificio religioso, esterno alle mura castellane della città di Norcia, a disposizione dell’Arcidiocesi di Spoleto-Norcia.

08/08/2017 15:33:32 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Arrestato il sesto componente della banda di rumeni autori di furti di rame e rapine

Il ricercato, 29enne, è stato rintracciato dalla Polizia alla stazione ferroviaria di Bologna   Cinque suoi complici, tra i quali il vertice del sodalizio, erano già finiti in manette nei giorni scorsi nel corso del blitz della Polizia che ha smantellato un gruppo di predoni dediti a furti di rame, rapine ed altri reati contro il patrimonio. Si era arrivati alla loro cattura grazie alle indagini della Squadra Mobile della Questura svolte nell’ambito del progetto “Voleur” finalizzato al contrasto dei reati contro il patrimonio. L’operazione aveva trovato le prove della colpevolezza dei componenti del gruppo criminale che, dall’agosto scorso, aveva messo a segno ingenti furti di rame in danno di un’azienda di Colle Umberto e del cimitero di Colfiorito nonché rapine, sia a Perugia che a Firenze, in danno di anziani con epiloghi violenti e conseguenze gravi per le vittime. Ma tre dei componenti il sodalizio si erano sottratti alla cattura dileguandosi uno in Emilia Romagna e due all’estero. Nella stazione Ferroviaria di Bologna, è stato rintracciato quello in fuga in Italia, un romeno di 29 anni con pregiudizi per ricettazione. I poliziotti della Polfer lo hanno fermato in un sottopassaggio dello scalo ferroviario in compagnia di un connazionale, incensurato, da poco sbarcato all’aeroporto bolognese proveniente dalla Romania e diretto a Rimini. Identificato e tratto in arresto, lo straniero, senza fissa dimora e destinatario di misura cautelare degli arresti domiciliari, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Perugia è stato temporaneamente collocato presso una struttura pubblica del capoluogo emiliano. Proseguono le ricerche degli altri due complici.  

07/08/2017 16:57:55 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy