Attualità » Primo piano Umbertide, dimessi nove consiglieri: termina la legislatura guidata da Marco Locchi

Alle 15:55 di oggi, giovedì 14 dicembre, sette consiglieri comunali del PD (Elisabetta Agea, Milena Fiorucci, Mirco Massai, Nicola Orsini, Gianluca Palazzoli, Lucia Ranuncoli, Giovanni Valdambrini) e due di Umbertide Cambia (Claudio Faloci e Stefano Conti), hanno rassegnato le proprie dimissioni dal Consiglio comunale di Umbertide. Le dimissioni sono state depositate presso l’ufficio protocollo del Comune di Umbertide. Con le dimissioni presentate dai nove consiglieri comunali, su sedici totali, si scioglie il Consiglio comunale di Umbertide e decade il primo cittadino umbertidese Marco Locchi.   In mattinata il Sindaco Locchi aveva affermato:''Preso atto delle ripercussioni che che le annunciate dimissioni dei consiglieri del PD comporterebbero non solo a livello politico, ma anche per la nostra città con pesanti ripercussioni sul piano istituzionale e dei progetti programmati su tutto il territorio comunale, ritengo si debba riaprire il tavolo di confronto in una logica costruttiva per il bene di Umbertide''.   Dopo quasi quattro anni dalle ultime elezioni amministrative, Umbertide non ha più un governo cittadino. Su piazza Matteotti ora aleggia lo spettro del commissariamento, una novità assoluta e dolorosa per la politica del Comune. Iniziato anche il toto elezioni, che con molta probabilità saranno celebrate nella tarda primavera del 2018.     NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

14/12/2017 16:58:21

Attualità » Primo piano Cocaina e Marijuana in casa, 39enne arrestato dai Carabinieri

Importante operazione dei Carabinieri di Nocera Umbra nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti. I militari della locale stazione hanno infatti arrestato un uomo italiano, 39enne, gravato da numerosi precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione al fine di spaccio. Era da diversi giorni che i militari avevano notato che presso l’abitazione dell’uomo, che tra l’altro stava scontando una condanna ai domiciliari per reati dello stesso tipo, c’era uno strano viavai di persone. Per verificare se l’uomo, nonostante la restrizione della libertà personale continuasse a spacciare, i Carabinieri hanno organizzato uno specifico servizio di osservazione. Come ipotizzato, durante l’osservazione, è stato notato un noto assuntore uscire dall’abitazione dell’uomo. Successivamente fermato, l’acquirente è stato trovato in possesso di droga appena comprata. Di seguito i Carabinieri hanno effettuato una minuziosa perquisizione all’interno dell’abitazione, a seguito della quale hanno rinvenuto altro stupefacente e materiale atto al confezionamento. All’esito della perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati dai militari circa 10 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi per essere ceduta agli acquirenti e 12 grammi di marijuana, nonché un bilancino di precisione. Durante le operazioni è stata trovata anche un’arma da caccia non regolarmente denunciata, anch’essa posto sotto sequestro. Per l’uomo è scattato l’arresto e dopo la celebrazione del rito direttissimo, avvenuta presso il Tribunale di Spoleto, il Giudice ha stabilito nei confronti dello stesso la misura cautelare della detenzione in carcere.  

11/12/2017 13:42:06

Attualità » Primo piano Crisi nella Giunta di Umbertide, il Sindaco Locchi risponde:''Ho messo sempre al primo posto il bene dell’amministrazione della comunità Umbertidese rispetto a giochini di partito''

Riceviamo e pubblichiamo Ho letto con stupore il comunicato del mio partito. Non capisco come si possa dire che da parte mia sia mancata la volontà di confronto visto che fin dal 2014 e fino a poco tempo fa ho cercato in ogni modo di lavorare per l’unità e la pluralità del PD! Ma non è che per caso come qualcuno ha commentato su facebook “il bue da del cornuto all’asino”?? In questi anni ci sono stati esempi continui di arroganza del partito nei confronti di tutta l’ Amministrazione (non solo del Sindaco!). Tanto per citare gli ultimi avvenimenti, in occasione del congresso, momento in cui un partito si confronta e sceglie i propri organismi sulla base di progetti futuri , ho rivolto importanti appelli per includere tutte le buone energie di centro sinistra e sensibilità dell’amministrazione che guidiamo da tre anni. Chiusura totale e non certo per mia responsabilità o ambizione personale. Mi si accusa di irresponsabilità nei confronti della città quando invece ho messo sempre al primo posto il bene dell’amministrazione della comunità Umbertidese rispetto a giochini di partito che hanno stancato, utili solo a qualcuno e slegati completamente dalla realtà. L’irresponsabilitá l’ho vista e continuo a vederla nei comportamenti di chi, manovrato o manovratore che sia, ha preferito ritirarsi in un fortino con pochi intimi piuttosto che aprirsi ad un confronto vero e plurale. In forza di tutto questo rinvio al mittente qualsiasi accusa di anteporre I miei interessi personale a quelli della comunitá , e chi mi conosce lo sa bene. Nessuno può dire che io abbia piegato ai miei interessi scelte del pd o della amministrazione. Non so se tutti possono guardarsi allo specchio e dire altrettanto, ognuno risponde alla propria coscienza. So però che da sindaco ho dovuto gestire situazioni complicate provenienti da scelte passate e l’ho fatto mettendoci la faccia, vincendo le elezioni, cercando di tenere in ordine i conti del comune, sempre a disposizione per la costruzione della migliore proposta amministrativa per la città, sapendo che questo deve prescindere da nomi e destini personali. E così continuerò fino alla fine della legislatura con la consapevolezza di fare il bene degli umbertidesi. Vedremo se altri avranno la stessa responsabilità di fronte all’opinione pubblica Umbertidese dovendo scegliere fra il mantenimento di posizioni di privilegio a qualunque costo o aprirsi finalmente ad un confronto unitario sui contenuti e sui bisogni degli umbertidesi. In quanto ad incapacità beh…qui “chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Personalmente non vedo scienziati all’orizzonte. Evidentemente siccome noi del PD siamo entrati nella fase di autodistruzione a causa di un livello di litigiosità esasperato e stiamo commettendo errori su errori credo che ognuno se ne debba, con umiltà e spirito di servizio, farsene carico in base al proprio ruolo e responsabilità. Chiudo con una massima di Seneca: “Io non riuscirei più a sopportare me stesso il giorno in cui qualche cosa mi divenisse insopportabile"                                      

10/12/2017 15:27:25

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy