Attualità » Primo piano Resoconto della seduta del Consiglio comunale di Umbertide del 7 novembre

Riceviamo e pubblichiamo E' tornato a riunirsi il Consiglio comunale di Umbertide. La seduta si è aperta con le comunicazioni del sindaco Locchi che ha annunciato la conclusione della conferenza dei servizi sulla vicenda Splendorini che ha visto la Regione dell'Umbria emanare una disposizione che introduce l'osservazione di alcune misure correttive e gestionali e nello specifico il divieto di conferire presso l'impianto di Calzolaro rifiuti urbani costituiti da frazione organica umida. La seduta è poi proseguita con la discussione di una serie di interrogazioni ed ordini del giorno: Umbertide Cambia ha presentato un'interrogazione in cui ha chiesto alla Giunta delucidazioni in merito al Piano comunale di Protezione Civile. L'assessore Maria Chiara Ferrazzano ha risposto che il piano è stato approvato nel 2009 ed attualmente è in fase di aggiornamento; tale aggiornamento sarebbe dovuto terminare entro l'anno in corso ma a causa dell'emergenza sisma ha subito un ritardo e verrà portato a compimento nel 2018. Inoltre ha ricordato che Umbertide fa parte dell'Associazione dei Comuni dell'Umbria per la Protezione civile, finalizzata a favorire lo sviluppo e l'aggiornamento dei piani comunali e la successiva divulgazione tra la popolazione; a questo proposito il Comune ha già avviato uno specifico iter che prevede percorsi formativi ed incontri informativi per la popolazione oltre ad una app per gli smartphone, già disponibile sul sito internet del Comune. Successivamente il Movimento 5 Stelle ha presentato un'interrogazione sul Regolamento per la prevenzione e il contrasto del rischio della dipendenza da gioco d'azzardo; l'assessore Montanucci ha annunciato la prossima convocazione della commissione al fine di discutere il regolamento, affermando che il ritardo nell'approvazione è causato dalle difficoltà di applicazione degli incentivi per le attività che rinunciano ad installare slot machine dal momento che, per legge, tali contributi vanno coperti con un'apposita somma messa a bilancio. Inoltre ha illustrato le misure messe in atto dall'Amministrazione, specie per quanto riguarda il mondo della scuola dove da tre anni, in collaborazione con le unità di strada, vengono promosse iniziative volte a prevenire il rischio della dipendenza da gioco d'azzardo e per l'anno scolastico 2017/18 sono previsti incontri e spettacoli sul tema che coinvolgeranno circa 350 studenti. Sempre il Movimento Cinque Stelle ha chiesto con un'interpellanza di prevedere, nella nuova gara per la gestione del servizio delle mense scolastiche, l'inizio del servizio in coincidenza con l'inizio dell'anno scolastico, proposta che è stata confermata dall'assessore Montanucci che ha anche affermato che l'attuale gestione, in scadenza il 27 novembre, verrà prorogata fintanto che non verranno espletate le procedure di gara. Umbertide Cambia ha poi presentato un odg sul patto di cittadinanza tra Umbertide e le comunità straniere, chiedendo da una parte un percorso partecipativo per la costituzione del patto (e ritenendo opportuna, fino a che non si giungerà ad un accordo, la sospensione dei lavori di realizzazione del Centro culturale islamico), e dall'altra l'apertura in tempi brevi del cantiere per la realizzazione della ex serra per disabili. Il sindaco ha ribadito che è stato recentemente firmato un protocollo d'intesa tra Comune di Umbertide, Associazione Centro culturale islamico e Prefettura di Perugia che richiama il protocollo nazionale, prevedendo successivi accordi di dettaglio, e che vede tra i punti salienti la traduzione in italiano e la successiva trasmissione alla Prefettura dei sermoni e la trasparenza nella provenienza e gestione dei finanziamenti; inoltre in una prima fase è previsto il completamento del piano terra mentre la realizzazione del secondo piano avverrà in un secondo momento previo specifico accordo tra le parti. Come affermato dal sindaco, si tratta di un primo tassello di un percorso condiviso e partecipato che prevede anche la convocazione a breve di una commissione consiliare specifica. Al termine dello spazio dedicato agli ordini del giorno e alle interrogazioni, è stato presentato un odg urgente del Movimento 5 Stelle riguardante il Regolamento di igiene e salute pubblica, in cui si chiedeva che le industrie insalubri di prima classe non potessero essere insediate a meno di mille metri dalle abitazioni e quelle già esistenti non potessero essere ampliate né in volume né in potenzialità. La discussione in consiglio si è incentrata sulle categorie di aziende insalubri previste dalla normativa. L' elenco è molto ampio e comprende anche macelli, autocarrozzerie, etc. Il Sindaco ha ribadito l'importanza di salvaguardare l' ambiente e la salute pubblica senza però creare problemi al mondo del lavoro e quindi evitare di ostacolare lo sviluppo di piccole imprese del territorio. Il sindaco ha quindi proposto di fare un censimento delle aziende insalubri per individuare quelle che effettivamente possono determinare ricadute negative in termini di igiene e salute pubblica e alle quali è quindi necessario applicare limitazioni. Di tale argomento se ne discuterà in una specifica commissione. Inoltre non sono stati accolti gli emendamenti presentati da M5S e Umbertide Viva a causa dell'assenza di istruttoria da parte degli uffici.  La seduta è proseguita con l'approvazione con 9 voti favorevoli (Pd e Umbertide Cambia) e 3 voti contrari (M5S e Umbertide Viva) della rinegoziazione dei prestiti concessi dalla Cassa Depositi e prestiti che, come affermato dall'assessore Pier Giacomo Tosti, non ha determinato alcun allungamento dei mutui. Via libera del Consiglio comunale (9 voti favorevoli e 3 voti contrari) anche al Piano generale degli impianti pubblicitari, con l’obbiettivo, come ha affermato l'assessore Paolo Leonardi, di mettere ordine e regolamentare tutte le strutture pubblicitarie pubbliche e private. Sono state quindi censite tutte le strutture esistenti, predisponendone anche delle nuove; il piano generale è stato poi diviso in tre zone, centro storico, centro abitato e aree esterne, e sono state individuate varie tipologie di messaggio pubblicitario, commerciale, istituzionale e sociale. Infine è stato rinviato al prossimo consiglio il punto riguardante la classificazione degli immobili prevista dal Testo unico di Governo del territorio mentre è stato approvato l'anticipo dal 2018 al 2017 delle somme previste nel Programma triennale delle opere pubbliche per i lavori di finitura del Palazzo comunale visto che l'intervento sta procedendo in tempi rapidi.  

18/11/2017 17:34:27 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Città di Castello: aggredisce la sorella ed i Carabinieri, arrestato un 40enne

Un italiano di 40 anni, residente a Città di Castello, è stato arrestato dai Carabinieri di San Giustino, coadiuvati da una volante della Polizia di Stato tifernate. L’uomo di professione operaio, si è recato presso l’abitazione dove vive la sorella a Città di Castello, sfondandone la porta d’ingresso per aggredirla e minacciarla. Tuttavia la donna è riuscita a fuggire calandosi dal balcone dell’appartamento, cadendo rovinosamente a terra e riportando alcune lesioni. Nei pressi dell’appartamento sono arrivate anche altre persone con le quali l’uomo ha iniziato a litigare e pertanto, oltre al 118, sul posto sono prontamente intervenuti per placare gli animi una pattuglia dei Carabinieri di San Giustino e in ausilio, una pattuglia della squadra volante del commissariato di Città di Castello. L’uomo preso ancora dal grave stato d’ira in cui era sprofondato nella concitazione del momento, non ha esitato a minacciare il personale intervenuto e a gettare un vaso ornamentale contro i Carabinieri, colpendo al fianco uno dei due militari, fortunatamente senza gravi conseguenze. Subito dopo l’uomo è stato definitivamente bloccato e condotto in caserma, procedendo al suo arresto in flagranza con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Al termine delle formalità di rito, successivamente il 40enne è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. Successivamente l’arrestato è stato condotto davanti al Giudice del Tribunale di Perugia che ha convalidato l’arresto effettuato e ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla sorella, oltre che presso l’abitazione di quest’ultima, anche in tutti i luoghi in cui ella possa trovarsi.

18/11/2017 13:14:33 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano A breve lavori di riqualificazione e ammodernamento strutturale e tecnologico dell’ospedale di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Entrata nella fase conclusiva la ristrutturazione della Radiologia, con interventi strutturali, impiantistici e sostituzione di apparecchiature per un investimento di oltre 500mila euro, il direttore generale della USL Umbria 1 Andrea Casciari annuncia i prossimi lavori di riqualificazione e ammodernamento strutturale e tecnologico dell’ospedale di Umbertide: lavori di adeguamento impiantistico alla normativa antincendio (750mila euro nell’ambito degli interventi straordinari ex Art.20), implementazione della cartella informatizzata ed è inoltre previsto l’adeguamento strutturale dell’area Triage al Pronto Soccorso, anche alla luce del costante incremento di accessi registrato dalla struttura. I principali lavori effettuati nel 2017 hanno interessato il laboratorio analisi, che è stato completamente ristrutturato e aggiornato dal punto di vista tecnologico, ha centralizzato tutta l’attività del Centro di salute, ha fornito al Pronto Soccorso e all’ambulanza il sistema per la diagnostica in urgenza e al domicilio del paziente (Point Of Care Testing) ed ha inoltre attivato un esclusivo sistema per la consegna automatica delle provette agli assistiti, unico in Italia, con contestuale accettazione degli esami. In questi giorni si è tornati a lavorare anche alla scala di emergenza sulla passerella che congiunge la parte più vecchia a quella più nuova dell’ospedale (100mila euro) e dal punto di vista dell’organizzazione dell’assistenza ospedaliera sono stati attivati due posti letto di lungodegenza. Secondo la proiezione al 31/12/2017 dei dati di attività riferiti a metà ottobre, l’ospedale registrerà una diminuzione di costi di circa 355mila euro, per un totale di 7,53 milioni, a fronte di un fatturato sostanzialmente stabile sui 5,7 milioni di euro. In crescita l’attività del Pronto Soccorso con 13.829 accessi (+561 rispetto al 2016 +1.037 rispetto al 2015) e gli interventi di chirurgia ambulatoriale (+124), mentre il modello ospedaliero della R.S.A. conferma il suo ruolo strategico nell’ambito della continuità delle cure nel percorso assistenziale con 9 posti letto, 80 ricoveri con degenza media a 33 giorni e un tasso di utilizzo che arriva al 98%. A livello territoriale anche nell’Umbertidese, come in generale in tutto il distretto Alto Tevere, i maggior sforzi si sono concentrati sull’assistenza domiciliare integrata (ADI) con presa in carico degli anziani fragili, per un numero complessivo di 268 pazienti di cui 249 ultra65enni, agli anziani con demenze gravi con 1.671 giornate di assistenza su 16 assistiti, sui disabili adulti molto gravi con 2.679 giornate di assistenza su 22 assistiti, e i minori con autismo con 326 giornate di assistenza su 9 assistiti. Il 2017 ha visto anche un rafforzamento dell’integrazione ospedale-territorio con l’implementazione graduale nei Punti di Erogazione del Centro di Salute e nel Punto Prelievi del Presidio Ospedalierio del progetto TAO con prelievo capillare e l’attivazione di un ambulatorio per la terapia infusionale con ferro o emoderivati (immunoglobuline) che coinvolge la Medicina di Umbertide insieme al Servizio Immunotrasfusionale di Città di Castello. 

17/11/2017 22:24:29

Attualità » Primo piano Commemorato a Perugia il Carabiniere Angelo Foccià

Si è svolta ieri mattina a Perugia, la commemorazione del Carabiniere Angelo Foccià, deceduto il 3 giugno 1999 in Bosnia Erzegovina. L’evento si colloca nell’ambito della nona giornata del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali per la pace. Per la circostanza, i familiari e l’Arma dei Carabinieri hanno ricordato il giovane Carabiniere tragicamente scomparso, all’età di soli 30 anni, nell’adempimento del dovere. La celebrazione si è svolta presso il cimitero di Castel Del Piano-Bagnaia, alle porte di Perugia, dove sono stati deposti dei fiori sulla tomba del militare, cui è seguito un breve momento di preghiera, alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il Comandante della Legione Carabinieri Umbria, Generale di Brigata Massimiliano Della Gala, il Colonnello Giovanni Fabi, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Perugia e una rappresentanza dei Carabinieri della Compagnia di Perugia. La funzione è stata officiata dal Cappellano Militare Don Aldo Nigro. Il Generale Della Gala, al termine del momento di preghiera, ha espresso parole di affetto e vicinanza ai familiari del Carabiniere Foccià, al papà Giuseppe, alla mamma Antonietta e alla sorella Elisabetta. Una vicinanza forte, quella dell’Arma, a dimostrazione che, nonostante l’inesorabile trascorrere del tempo, il legame si rafforza sempre più, nel vivo ricordo di Angelo. 

17/11/2017 09:22:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy