Notizie » SLIDER Domani inaugurazione della sede della Protezione Civile

Domani, sabato 21 marzo, alle ore 16,30 alla presenza del Capo Dipartimento Nazionale della Protezione Civile Franco Gabrielli e della presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, verrà inaugurata la struttura di via Pian Di Botine, sede della sala operativa comunale e del gruppo della locale Protezione Civile, oggetto di un importante intervento di miglioramento sismico. I lavori sono stati finanziati dalla Regione Umbria per un importo pari a 187.610 euro a valere su fondi del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e hanno consentito di ristrutturare la sede della Protezione Civile e di renderla più sicura e funzionale. La cerimonia di inaugurazione prevede alle ore 16,30 l'inaugurazione della struttura di via Pian Di Botine e la visita ai locali e alle ore 17,30 la tavola rotonda dal titolo “Proposta di legge delega per il riordino delle norme in materia di sistema nazionale e coordinamento della Protezione civile” che si terrà presso il Museo Santa Croce, a cui seguirà un buffet presso il chiostro del Centro socio-culturale San Francesco. Alla tavola rotonda, che sarà introdotta dall'assessore alla Protezione Civile Maria Chiara Ferrazzano, interverranno il Capo Del Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri prefetto Franco Gabrielli, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, l'on. Giampiero Giulietti, il sindaco del Comune di Umbertide Marco Locchi, il sindaco del Comune di San Prospero Sauro Borghi e il Presidente di Anci Umbria Francesco De Rebotti. Saranno inoltre presenti il prefetto dell'Ufficio territoriale del Governo di Perugia Antonella De Miro, il presidente della Provincia di Perugia Nando Mismetti e i sindaci dei Comuni dell'Altotevere.

20/03/2015 17:45:30

Notizie » SLIDER Droga: arrestato sessantenne ad Umbertide

Quello operato la scorsa settimana dai Carabinieri è certamente uno dei maggiori sequestri di stupefacente effettuato in Alto Tevere negli ultimi anni. 650 grammi di cocaina purissima che stavano con tutta probabilità per essere immessi sul mercato locale e quello perugino. Il fiume di droga è stato bloccato dai Carabinieri della Stazione di Umbertide lo scorso venerdì sera. Erano circa le 19.30 quando una delle numerose pattuglie dell’Arma impegnate sul territorio nell’incessante attività di prevenzione dei reati contro il patrimonio e lo spaccio di stupefacenti disposta dal Comando Provinciale di Perugia, ha notato nel centro abitato una Seat Ibiza con un uomo alla guida. Questi, vedendo i militari, ha dato l’impressione di essere sorpreso ed intimorito. I Carabinieri hanno quindi notato che sul veicolo vi era un adesivo di un’attività commerciale della provincia di Milano. Hanno iniziato a seguire il veicolo e nel frattempo hanno accertato che l’intestatario, G.S., un 60enne residente nel capoluogo lombardo, aveva piccoli precedenti di Polizia. L’intuito e la prontezza dei Carabinieri li ha quindi indotti a bloccare il mezzo per un controllo più approfondito. Una volta fermato, il conducente è risultato essere lo stesso proprietario. Le incalzanti domande dei militari circa i motivi della sua presenza ad Umbertide hanno ricevuto risposte vaghe e poco convincenti. Per tale motivo l’uomo è stato condotto in caserma ove è stato sottoposto ad una perquisizione. Nelle tasche del 60enne i Carabinieri hanno trovato circa 1.500 euro in contanti, il cui possesso l’uomo non è stato in grado di giustificare. La vera sorpresa però è giunta dalla perquisizione dell’autovettura. Nel portabagagli infatti, abilmente nascosto in un piccolo vano, i Carabinieri hanno rinvenuto un panetto di cocaina, ancora allo stato solido, del peso di circa 650 grammi. Per il 60enne, di origini calabresi ma da molti anni residente in provincia di Milano, è immediatamente scattato l’arresto con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti. Le successive analisi effettuate sulla cocaina, hanno evidenziato come da essa sarebbe stato possibile ricavare circa 2.400 dosi. Lo stupefacente sequestrato, una volta venduto al dettaglio, avrebbe fruttato poco meno di 100.000 euro. Al termine delle formalità di rito G.S. è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Perugia Capanne a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il G.I.P. del Tribunale di Perugia ha successivamente convalidato l’arresto disponendo la custodia cautelare in carcere in attesa dell’avvio del processo.

13/03/2015 14:15:19

Notizie » SLIDER M5S Umbertide: eternit all'asilo di via Morandi

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Umbertide risulta essere uno dei Comuni più inquinati della regione per la presenza di amianto, da dati Arpa risultiamo essere al primo posto per quanto riguarda gli edifici pubblici. Quello che ci lascia veramente perplessi è che, tra gli edifici pubblici che presentano questo pericoloso materiale, ci sono delle scuole. Una di queste è l'asilo e scuola materna del capoluogo, sita in via Morandi, la cui copertura è totalmente eternit. Il Movimento 5 Stelle Umbertide ha presentato pochi mesi fa un ordine del giorno in consiglio comunale che prevedeva un piano organico ed articolato che dettava tempi e modi, come l’assegnazione di un indice di priorità di intervento ai siti, per iniziare ad intraprendere la strada della bonifica su tutti gli edifici del territorio comunale. Questa nostra proposta è stata bocciata dalla maggioranza . Tutto ciò è passato inosservato agli occhi dei cittadini umbertidesi, e per informazione il M5S con l'aiuto di cittadini volontari, e a proprie spese, ha effettuato un volantinaggio di fronte alla scuola. Nel giro di poco tempo è arrivata la Polizia Municipale che, svolgendo il proprio ruolo di monitoraggio sul territorio su chi fa volantinaggio, ha chiesto l'esibizione del pagamento dell'imposta dovuta e le generalità ai ragazzi che stavano svolgendo questo compito. Tutto in ordine, e siamo anche lieti che sul territorio vengano effettuati controlli così importanti e in modo così scrupoloso! Il M5S e i tanti cittadini, che ci hanno ringraziato per averli informati, ritengono necessario un intervento immediato sulla scuola in questione, ma soprattutto chiedono un sopralluogo di tecnici per verificare lo stato in cui versa la copertura. La giustificazione circa la mancanza di fondi non regge quando di mezzo c'è la salute pubblica . Sono stati spesi inutilmente soldi, come per lo scatolone vuoto dell'ex tabacchi, e non si trovano fondi per bonificare una scuola dall'eternit? Assurdo! Il risultato della verifica dei tecnici dovrà essere reso noto ai cittadini, che potranno così essere tranquilli sull'incolumità della salute dei propri figli, e nel frattempo ci si adoperi per prevedere un intervento immediato.

02/03/2015 14:17:44

Notizie » SLIDER Sicurezza: finanziato progetto per videosorveglianza

La Regione Umbria, con determinazione dirigenziale n. 480 del 6 febbraio 2015, ha ammesso a finanziamento il “Progetto sicurezza” presentato dal Comune di Umbertide che prevede l'installazione di telecamere di videosorveglianza nelle principali vie di accesso ad Umbertide e agli altri comuni del Servizio associato di polizia locale. Ad annunciarlo il sindaco Marco Locchi e l'assessore alla Sicurezza Paolo Leonardi. “L'Amministrazione Comunale ha sempre riservato un'attenzione particolare al tema della sicurezza come dimostra anche il progetto finanziato proprio in questi giorni dalla Regione Umbria – hanno affermato – Grazie a questo finanziamento potremo procedere all'installazione di telecamere di videosorveglianza per monitorare costantemente il nostro territorio ed in particolare i principali punti di accesso alla città. Tali apparecchi, oltre a costituire un deterrente per i malintenzionati, saranno inoltre di aiuto nell'individuare i responsabili di eventuali illeciti”. Le telecamere permetteranno infatti di visionare sia in diretta che in remoto, di giorno e di notte, ciò che avviene sulle strade e i veicoli in transito, dando quindi la possibilità agli agenti di identificare i responsabili di eventuali fatti illeciti e di individuare veicoli sospetti. Il “Progetto sicurezza”, elaborato unitamente dal sindaco, dall'assessore Paolo Leonardi e dalla Polizia Municipale, ha ottenuto il massimo cofinanziamento pari a 15.000 euro; tali somme verranno liquidate in due soluzioni, il 70% dopo l'accettazione del contributo da parte del Comune che avverrà immediatamente con la presa d'atto nella prossima Giunta, e il restante 30% a conclusione del progetto. 

26/02/2015 14:13:11

Notizie » SLIDER Maldestra rapina nei pressi della stazione

Brutta avventura per un giovane italiano di 30 anni che alcune sere fa è stato vittima di una maldestra rapina nei pressi della stazione ferroviaria di Umbertide. Verso le 21.30 il ragazzo, residente fuori regione, è giunto in treno ad Umbertide poiché il giorno successivo aveva un colloquio di lavoro. Appena ha messo piede fuori dalla stazione è stato avvicinato da due extracomunitari di origini nordafricane che hanno iniziato ad infastidirlo. A nulla sono valsi i suoi tentativi di allontanarli. Improvvisamente uno dei due gli ha strappato di mano lo smartphone dandosi alla fuga sui binari, coperto dall’oscurità. Il suo complice, approfittando del comprensibile smarrimento della vittima, ha tentato di impossessarsi di una banconota da 20 euro che il ragazzo aveva nell’altra mano. Ne è nata una brevissima colluttazione al termine della quale il rapinatore è comunque riuscito a sottrarre la banconota raggiungendo di corsa il suo complice. Il 30enne non si è perso d’animo; ha fermato un passante facendosi prestare il cellulare, ed ha chiamato il 112. Subito dopo ha notato in lontananza i due malviventi che avevano lasciato i binari ed erano tornati sulla strada. Li ha raggiunti di corsa ed ha chiesto loro la restituzione quantomeno del cellulare. Uno dei due rapinatori, probabilmente anche ubriaco, ha però iniziato a spintonarlo. Fortunatamente per la vittima l’intervento di una pattuglia dell’aliquota radiomobile della Compagnia Città di Castello, che già si trovava ad Umbertide, è stato praticamente immediato. Prima che la situazione degenerasse i Carabinieri hanno bloccato ed ammanettato i due extracomunitari che, con l’ausilio di altri militari successivamente intervenuti, sono stati trasportati in caserma. Nel corso della perquisizione personale, uno dei malviventi è stato trovato in possesso del telefono cellulare appena rapinato, dal quale era già stata tolta la sim card, che è stato restituito alla vittima. Al termine degli accertamenti i due magrebini, A.F. di 29 anni e A.B. di 33, entrambi senza fissa dimora e con numerosi precedenti di Polizia alle spalle, sono stati arrestati con l’accusa di rapina aggravata e tradotti presso la Casa Circondariale di Perugia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

23/02/2015 14:42:57

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy