Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''SULLA FCU CHIEDIAMO ANCORA CHIAREZZA''

La FCU è stata per molti anni oggetto di promesse per i partiti che governano la Regione. Uno di quei pescosi bacini elettorali da mandare avanti costi quel che costi, ma senza una reale strategia. Questa verità appare palese oggi che, mancando sia i soldi, sia un progetto, si “naviga” nel nulla. Eppure quella stessa classe politica che ha portato la ferrovia centrale umbra a una condizione disperata continua a fare promesse, chiedendo soldi al governo centrale e consegnando ad RFI, chiavi in mano, ma senza garanzie, almeno per quello che ne sappiamo, personale e struttura. Anzi, ciò che ne rimane dopo la prima fase di privatizzazione in favore del sistema su gomma (BusItalia). Contraddizione, lungimiranza strategica o ipocrisia? Si “concede”, senza però chiare su quale prospettiva concreta il sistema di trasporto ferroviario locale possa recuperare una sua dimensione. Umbertide cambia ritiene ancora e nonostante tutto fondamentale un investimento vero sulla ferrovia, ma vorremmo chiarezza e certezze, nel pieno rispetto degli utenti, del personale che vi opera e delle casse pubbliche. Dopo il Consiglio Comunale aperto convocato nel mese di febbraio 2016 in cui l'Assessore Regionale ai trasporti aveva assunto precisi impegni la situazione è cambiata, non in meglio. Per questo abbiamo chiesto al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale la convocazione urgente della commissione consiliare competente per avere aggiornamenti su alcuni aspetti fondamentali. Ad esempio in merito ai contenuti dell'accordo siglato dalla Regione per l'affidamento in concessione della rete ex FCU a RFI, agli interventi previsti a breve termine per dare un minimo di efficacia al trasporto ferroviario e le necessarie condizioni di sicurezza, al progetto strategico di lungo periodo definito per dare sostenibilità al trasporto ferroviario locale in un contesto di efficace intermodalità. Ed anche per avere un resoconto aggiornato dei lavori relativi alla bretella ferroviaria di Pierantonio ed ai costi sostenuti, nonchè una risposta credibile rispetto alla gestione del trasporto merci nel tratto ferroviario locale, unica soluzione che potrebbe giustificare un'opera al momento inutile ed inutilizzabile. Chiediamo inoltre, come già fatto per altri argomenti, la partecipazione in commissione dei soggetti portatori d'interessi, ad esempio sindacati ed associazione dei pendolari, in modo da offrire la possibilità di un confronto ampio e costruttivo, atto anche a dare contenuto e spessore all'istituto stessa della commissione consiliare. Umbertide cambia   Di seguito la richiesta inoltrata al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale Al Sindaco Del Comune di Umbertide Al Presidente del Consiglio Comunale   Umbertide li 11.10.2016 Oggetto: richiesta convocazione urgente commissione consiliare competente su FCU Dopo il Consiglio Comunale aperto convocato sulla situazione della ex FCU nel mese di febbraio 2016, in cui l'Assessore Regionale ai trasporti aveva assunto precisi impegni, la situazione è cambiata, non in meglio. Per questo chiediamo la convocazione urgente della commissione consiliare competente per avere aggiornamenti su alcuni aspetti fondamentali che riguardano la ferrovia locale. Ad esempio in merito ai contenuti dell'accordo siglato dalla Regione per l'affidamento in concessione della rete ex FCU a RFI, agli interventi previsti a breve termine per dare un minimo di efficacia al trasporto ferroviario e le necessarie condizioni di sicurezza, al progetto strategico di lungo periodo definito per dare sostenibilità al trasporto ferroviario locale in un contesto di efficace intermodalità. Ed anche per avere un resoconto aggiornato dei lavori relativi alla bretella ferroviaria di Pierantonio ed ai costi sostenuti, nonchè una risposta credibile rispetto alla gestione del trasporto merci nel tratto ferroviario locale, unica soluzione che potrebbe giustificare un'opera al momento inutile ed inutilizzabile. Chiediamo inoltre, come già fatto per altri argomenti, la partecipazione in commissione dei soggetti portatori d'interessi, ad esempio sindacati ed associazione dei pendolari, in modo da offrire la possibilità di un confronto ampio e costruttivo, atto anche a dare contenuto e spessore all'istituto stessa della commissione consiliare.   Il Gruppo Consiliare Umbertide cambia Claudio Faloci Luigino Orazi Stefano Conti

12/10/2016 14:19:44

Notizie » Gusto Da venerdì 14 ottobre a Preggio al via la 49ma edizione della ''Sagra della castagna''

A Preggio, nel fine settimana, di nuovo protagoniste le castagne “brige” per la 49esima edizione della storica e popolare “Sagra della castagna” organizzata dalla locale Pro-loco. Da venerdì 14 ottobre a domenica 16 ottobre 2016 l’antico borgo medioevale torna ad animarsi con l’apertura di stand, botteghe e taverne per gustare le castagne e gli altri prodotti prelibati della tradizione culinaria locale, accompagnati dalla consueta ospitalità della popolazione preggese. L’apertura delle botteghe è prevista alle ore 19.00 venerdì 14, alle ore 16.00 sabato 15 e alle ore 11.00 domenica 16 ottobre.   Per tutta la durata della sagra funzionerà un Servizio Buxi gratuito dal parcheggio sotto il borgo.   Le botteghe, le locande e le taverne a disposizione dei visitatori: 1. Ricci e Pinicci (Piazza San Giovanni XXIII) Caldarroste “Brige”, Castagne crude in sacchi, Cernaccia, Vino ed altro.   2. La Taverna del Pozzo Tagliatelle ai porcini, Fagioli con castagne, Padellata preggese di maiale con torta al testo e verdura, Castagne al rum   3. La Taverna dei Priori Crostini vari, Polenta con porcini, Polenta con salsiccia, Arrosticini di pecora con fagioli in insalata, Baccalà in umido con castagne   4. Il Panaro Torta al testo con salsicce e verdura cotta, Torta al testo con prosciutto   5. La Locanda del sor Panzino Crostini vari, Pappardelle al cinghiale, Tagliatelle al tartufo, Spezzatino di cinghiale con verdura, Coratella di agnello con torta al testo e verdura.   6. I Dolci del sor Panzino Dolci di pasta di castagne, Nidi con castagne, Tronco di castagne, Tartufo, Dolci vari   7. Museo “Mimuso”   Prodotti artigianali vari

11/10/2016 21:44:49

Notizie » Politica Vittorio Galmacci è il nuovo commissario comunale Lega Nord Umbertide Montone

Vittorio Galmacci è il nuovo commissario comunale Lega Nord Umbertide Montone   Sarà Vittorio Galmacci il nuovo commissario comunale della Lega Nord Umbertide – Montone. Ad annunciarlo il segretario dell’Alto Tevere Nico Mazzoni che precisa: “Vittorio Galmacci ha un’esperienza politica e territoriale di rilievo. E’ molto preparato ed ha ottime conoscenze, il suo arrivo come commissario comunale non può che far bene alla Lega Nord. Nell’ultima tornata elettorale a Città di Castello, abbiamo quasi triplicato i voti, segno del lavoro certosino portato avanti dall’intera sezione: ad Umbertide e Montone vogliamo fare lo stesso, vogliamo crescere con umiltà a fianco dei nostri concittadini e prepararci per liberare Umbertide dalla morsa del Pd che con la costruzione della moschea, ad insaputa della popolazione, ha davvero toccato il fondo”. "Le troppe tasse, i cittadini sempre più poveri, quest'Europa che con la sua moneta unica ci soffoca lentamente ma inesorabilmente, la legge Fornero, il dilagare dell'immigrazione clandestina e il processo di islamizzazione che qualcuno vorrebbe imporci sono solo alcuni dei problemi che quotidianamente incontrano i cittadini e per i quali la Lega si batte – ha spiegato Galmacci – Arrivo al Carroccio dopo anni di esperienza politica sul campo e sono sicuro che lavorando a testa bassa e concretamente riusciremo a mettere in piedi una squadra preparata pronta a operare a fianco dei cittadini, tutelandoli da quelle che sono le enormi lacune della sinistra sia a livello comunale che nazionale”.          

07/10/2016 15:07:50

Notizie » Politica Comunicato del consigliere comunale di Umbertide Cambia Luigino Orazi

Riceviamo e pubblichiamo COMUNICATO STAMPA- LUIGINO ORAZI. CONSIGLIERE DI UMBERTIDE CAMBIA   «Per la certificazione della fine ingloriosa di questa Amministrazione c’è voluto, da ultimo, l’intervento strampalato e con l’acqua alla gola del Sindaco Locchi sulla risoluzione del problema tecnico che impedisce di ricevere correttamente il segnale RAI nella Valle del Niccone. Ha rivendicato un suo merito e del “pro-sindaco Giulietti”, bacchettando Umbertide cambia - che ha sempre ribadito di aver dato sulla vicenda un contributo, nei propri limiti istituzionali, insieme ad altri – per il modo di fare opposizione. Il problema vero è che non c’è sindaco, maggioranza e governo e non ci si può nascondere dietro gli attacchi scomposti alle opposizioni che fanno il loro mestiere. Quando Locchi, Giulietti e il Pd non governeranno più ad Umbertide - questione di mesi - si accorgeranno cosa significa democrazia e fare opposizione. Intanto, il sindaco e la Giunta a scadenza Locchi ci dicano perché a non è ancora arrivato, (o se arrivera' in ritardo ) il comunicato ufficiale dell’Amministrazione sull’ultimo Consiglio comunale, guarda caso basato su un ordine del giorno di Umbertide cambia. Ricordo che l’odg riguardava le nostre proposte (purtroppo non governiamo, caro Sindaco, non possiamo fare atti amministrativi) sui percorsi molto avanzati da mettere in campo per l'integrazione nella città delle varie comunità straniere. La risposta? Assessori e consiglieri del Pd hanno incominciato ad abbassare la testa, guardare il cellulare e il soffitto. Non un intervento. Gelo e afasia assoluta. L’unico che si è distinto è stato il presidente del consiglio Natale, che ha esposto in maniera libera e coraggiosa tutte le sue perplessità, riconoscendo al proprio partito e alla sua amministrazione di avere gestito il centro culturale-moschea in maniera arrogante, autoritaria e per niente trasparente. Anche la (ipotetica) convezione con il centro islamico-moschea è un segreto di Stato: nessuno ne sa niente, nemmeno i consiglieri del Pd e l’ineffabile Giunta, che sanno solo di dire no a Umbertide cambia e sempre sì alle proposte della comunità araba islamica. Purtroppo la mancanza di idee e una vera cultura repubblicana appiattiscono il Pd e l’Amministrazione su posizioni di subalternità politica e culturale. Intanto il concreto sindaco e la sua Giunta, oltre a rivendicare il caso RaiWay (rispetto al quale non hanno mosso una paglia !), incomincino anche a rivendicare la propria responsabilità sulla mancata costruzione della ex serra per disabili (stiamo a proposito depositando la petizione popolare: anche questo è un colpo di stato dell’opposizione?), la nullità assoluta sulla ex Fornace, le scelte sull'ex magazzino tabacchi, il fallimento sul trasporto ferroviario e la situazione di un bilancio che non ha neppure un centesimo per coprire le buche delle strade. Ci darà, caro Sindaco, che la colpa è di Umbertide cambia. Proprio Lei che ha governato nelle precedenti Giunte, con l’onorevole Giulietti, come assessore, capo gruppo Pd e segretario di partito e oggi purtroppo sindaco.”  

06/10/2016 21:11:02

Notizie » Politica Fronte Nazionale Umbria: ''Basta essere stranieri a casa nostra''

Riceviamo e pubblichiamo La segreteria Regionale del Fronte Nazionale Umbria condivide pienamente la scelta del nostro primo cittadino riferisce Giuseppe Castelli segretario per l'Umbria del partito. Basta essere stranieri a casa nostra. Adesso anche la SUNIA Cgil è contro gli Italiani, si infuria anche per la decisione del Sindaco Romizi per la clausola nel bando per l’assegnazione degli alloggi popolari che favorirà italiani e residenti nel capoluogo umbro da almeno 15 anni. Chi si deve infuriare dovrebbero essere gli Italiani soprattutto con la cgil dopo questa sparata che mette in luce la sua politica ormai evidente contro gli italiani. Noi come Fronte Nazionale dice Giuseppe Castelli segretario regionale del Fronte Nazionale, riteniamo che quanto deciso dal primo cittadino sia una scelta politica legittima, giusta fatta da un Sindaco che ama la sua città ed i suoi concittadini che mostra ancora una volta la sua capacità di governare una città portata al degrado dalle precedenti amministrazioni e che con impegno e sudore, il Sindaco Romizi sta ricostruendo. Conclude Castelli, sono nove mesi che come Fronte Nazionale siamo presenti in Umbria, e non abbiamo mai avuto motivo di contestare l'operato di Romizi in quanto riteniamo che sta facendo un ottimo lavoro in questo capoluogo. Caro Sindaco continua così ed avrai sempre il nostro appoggio. Perché noi siamo con i cittadini. 

05/10/2016 20:58:12

Notizie » Politica FRONTE NAZIONALE UMBRIA DICE ''NO'' ALLA SVOLTA AUTORITARIA DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE A PERUGIA

Riceviamo e pubblichiamo Si intensifica l’attività del Fronte Nazionale Umbria. La Sezione di Perugia infatti, Sabato 1 ottobre, era presente al mercato settimanale di Pian di Massiano con il gazebo informativo per il NO alla Riforma Costituzionale. Presenti tra gli altri, il leader Umbro Giuseppe CASTELLI ed il seg. della sez. di Assisi Roberto PIEROTTI oltre a militanti della Sezione Perugina del Fronte. “Abbiamo distribuito centinaia di volantini, ha detto Castelli, molti dei quali voluti dai Cittadini stessi, con riassunti i sei punti principali del NO alla Riforma, numerose le richieste di delucidazioni sui temi proposti, da molti ritenute convincenti al punto da spingere tante persone ad aderire al Fronte Nazionale”. “In particolare, prosegue il Segretario Umbro, tanta Gente ha voluto chiarimenti e pareri sulla svolta autoritaria che questa presunta riforma porta con se, anche in considerazione dell’approvazione da parte del parlamento della nuova legge elettorale (italicum)”. “Svolta autoritaria paventata anche nel recente confronto televisivo tra il Premier Matteo Renzi e il Giurista ed ex Presidente della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky, nel quale il Giurista contestava a Renzi il pericolo di dittatura Oligarchica poiché, tra le altre cose, con questa Riforma le regole dell’opposizione verranno di fatto scritte dal partito al governo”. “Anche noi del Fronte Nazionale siamo preoccupati, dice ancora il Segretario Regionale, per questa eventualità più che concreta e cerchiamo per quanto ci è possibile di “aprire gli occhi” delle Persone, di spiegare con coerenza e dovizia di particolari i motivi delle nostre motivazioni a supporto del NO e nel contempo vogliamo far conoscere alla Cittadinanza anche il nostro Partito fuori dagli schemi della Politica tradizionale, il cui unico interesse sono i Cittadini e NON gli “intrighi di palazzo”, siamo infatti fermamente convinti che sia possibile fare politica in modo ONESTO tra la Gente per la Gente”. L’attività del Fronte Nazionale Umbria proseguirà anche nelle prossime settimane, in particolare a Umbertide e Città di Castello, ed in altre località dell’Umbria fino alla tornata elettorale del 4 dicembre.    

05/10/2016 13:43:39

Notizie » Politica Nasce il comitato ''Possibile Montone''

Riceviamo e pubblichiamo   Anche il nostro territorio Comunale, vede la nascita del Comitato Locale di Possibile, Partito Politico di Sinistra. Il Portavoce di Possibile Montone unitamente a tutto il Comitato Locale, affermano: “Viviamo un periodo molto difficile, fra crisi economica- crisi del mondo del lavorocrisi sociali e tanto altro; insieme di situazioni, di cui anche il nostro territorio non e affatto immune, per questo con i nostri fermi ideali di un partito di Sinistra, Laica, e Sensibile alle tematiche del nostro territorio, abbiamo deciso di Costruire il Comitato locale; Possibile Montone. Dichiariamo fin da subito che una politica urlata, una politica non obbiettiva, non ci appartiene e non ci apparterrà mai, crediamo in una politica Seria, Costruttiva, una politica che Propone, Discute, porteremo avanti una opposizione basata su una politica incentrata sulla salvaguardia del Lavoro, di politiche sociali che guardino energicamente alle famiglie piu’ in difficoltà del nostro territorio comunale e alle loro esigenze, crediamo in una politica rispettosa dell’Ambiente, che sappia coniugare sviluppo industriale con rispetto per esso, crediamo ad una reale attenzione delle problematiche del nostro territorio comunale, attenzione che con piena responsabilità, Possibile non farà mancare mai perché prima di tutto vengono i nostri cittadini, perché se oggi Montone e quello che è, un vero e proprio diamante storico – culturale lo dobbiamo in primis a loro che con grande lavoro rendevano e rendono grande ogni giorno il nostro territorio Comunale, a loro, tutti i nostri cittadini, va il nostro più vivo ringraziamento. Noi , “per concludere” come Partito fiero dei nostri ideali di Sinistra non faremo mai mancare la nostra Voce e il nostro Contributo, a volte pungente, e ci batteremo a testa alta senza paura, continueremo il nostro lavoro con maggiore incisività, guardiamo con molto interesse alla nascita di Montone A Sinistra come contenitore di tutte le anime della Sinistra nel nostro territorio Comunale, noi come Possibile faremo la nostra parte, fieramente andremo a testa alta insieme a tutti i nostri cittadini, per il nostro territorio! Per la nostra gente! Per la Sinistra!   Comitato Possibile - Montone

04/10/2016 19:56:29

Notizie » Politica Segnale RAI nella Valle del Niccone: la risposta del Sindaco Locchi ad Umbertide Cambia

Dal profilo Facebook del Sindaco Marco Locchi Ho visto l' articolo della Nazione sul segnale RAI nella Valle del Niccone e ho trovato veramente "patetico" il modo con cui Umbertide Cambia mette "la tacca alla pistola" dicendo "si conclude una lotta iniziata oltre due anni fa....". Ma una lotta di cosa. Umbertide cambia pensa che basta fare una interrogazione su un progetto che l' Amministrazione sta seguendo da tempo per poter poi sostenere alla conclusione positiva dello stesso che il merito e suo!| E' vero che oramai questo metodo e cioè del cavalcare progetti, proposte della maggioranza con interrogazioni odg è diventata una tecnica che in mancanza di idee vere viene sempre più utilizzata. Allora tanto per essere concreti: questa storia nasce fin dal 2013 e quando sembrava cosa fatta si è bloccata per problemi "burocratici" tra Raiway, ministero, rai, ecc. Per sbloccare il tutto sono intervenuti diversi soggetti fra cui i sindaci di Umbertide, Lisciano Niccone e Cortona, l' Amministrazione regionale, i parlamentari con Giulietti in prima fila, nonchè alcuni abitanti della vallata. L' Amministrazione Comunale ha contattato ripetutamente vari soggetti della Rai, del Ministero delle Telecomunicazioni, di Raiway, del parlamento e della Regione. Tutto questo lavoro fatto a 6/8 mani ha portato a questo risultato: ecco chi ha fatto "la lotta", fra le 6/8 mani che si sono date da fare per la causa non ho mai visto quelle di Umbertide Cambia (piuttosto due di un militante di Forza Italia del Nord!!)

02/10/2016 13:00:09

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy