Notizie » Politica M5S Umbertide: pubblicare i video del Consiglio Comunale

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle ha presentato una interpellanza al Sindaco in merito alla mancata presenza nel sito del Comune delle riprese audio e video dei Consigli Comunali.  Il 29 aprile 2013 è stato approvato all'unanimità il nuovo regolamento del Consiglio Comunale nel quale si stabiliva la pubblicità delle sedute tramite riprese audio e video rese consultabili sul sito internet dell'Ente e che tale provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore entro il 31 luglio 2013 al fine di garantire una maggiore trasparenza dell'attività del Consiglio oltre ad una più puntuale informazione ai cittadini; quasi un anno dopo da questa disposizione, ad inizio della seduta del 2 luglio 2014 il presidente Giovanni Natale comunicava che la seduta stessa, così come le sedute successive, sarebbero state riprese e trasmesse in diretta streaming sul sito ufficiale del Comune di Umbertidewww.comune.umbertide.pg.it , dove sarebbero state anche riviste alla sezione "Rimanere informati diretta streaming". Ad oggi, benchè le dirette streaming siano state regolarmente trasmesse, seppur con riprese non ottimali, nella sezione prediposta del sito del Comune non sono ancora presenti le riprese dei Consigli Comunali del 16 luglio 2014 e del 7 agosto 2014 nonché la relativa registrazione audio dell'ultimo Consiglio. Abbiamo chiesto più volte spiegazioni per questi ritardi nella speranza che quanto prima avvenisse la pubblicazione. Riteniamo che gli impegni assunti nei confronti della cittadinanza vadano rispettati al fine di garantire una maggiore trasparenza e una precisa e regolare informazione ai cittadini circa l'attività del Consiglio Comunale e al fine di favorire e promuovere la partecipazione dei cittadini alle questioni di pubblico interesse attraverso l'uso delle nuove tecnologie e dei nuovi mezzi trasmissivi. Ci auguriamo che l'Amministrazione intenda far fronte il prima possibile a questo ritardo e tener fede in maniera puntuale a quanto stabilito nel predetto regolamento, nel frattempo a causa della mancata disponibilità sul sito del comune delle riprese e della tardiva pubblicazione sull'albo pretorio, perlomeno delle registrazioni audio che vengono rese disponibili dopo settimane (la sola ripresa audio del Consiglio del 16 luglio è stata pubblicata nell'albo pretorio il 6 agosto), ci riteniamo autorizzati ad effettuare per proprio conto le riprese per permette a coloro che non possono seguire la diretta streaming (visti gli orari lavorativi in cui vengono svolti i Consigli) di rivedere la seduta anche il giorno stesso.

29/08/2014 21:26:52

Notizie » Politica Interrogazione di Umbertide Cambia sulla manutenzione della Pineta Ranieri

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Con una interrogazione presentata al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale il gruppo Umbertide cambia ha sollecitato un intervento di manutenzione ordinaria ed un progetto di valorizzazione della Pineta Ranieri. Premesso che la Pineta Ranieri rappresenta un bene storico di Umbertide, caratterizzando la città sia dal punto di vista urbano che ambientale - si legge nell’interrogazione - , che l’area ha tutte le caratteristiche per essere concepita come parco naturale e che negli anni passati l’Amministrazione comunale ha investito anche per l’allestimento di percorsi attrezzati interni all’area. Considerato che la condizione attuale del parco evidenzia uno stato di manutenzione precaria, ma anche la necessità di un intervento di sistemazione straordinaria, interventi che potrebbero essere effettuati attraverso il ricorso a lavori socialmente utili, con un basso impatto economico per le casse comunali. Ritenendo quindi assolutamente necessario prevedere un piano di manutenzione ordinaria del parco e un progetto d’intervento straordinario utile a ripristinare e migliorare la condizione di godibilità dell’area, usufruita da molti cittadini, Umbertide cambia chiede se l’Amministrazione non ritenga opportuno agire in tal senso, ed eventualmente con quali modalità, al fine di garantire costantemente la manutenzione ordinaria della Pineta Ranieri e per porre in essere un intervento straordinario di recupero e valorizzazione dell’area.  

23/08/2014 13:04:36

Notizie » Politica Bilancio 2014: interviene l'assessore Tosti

Riceviamo e pubblichiamo Anche nel 2014 è stato confermato il trend del taglio dei trasferimenti dallo Stato centrale agli Enti locali, trend con il quale l’Amministrazione Comunale ha dovuto fare i conti negli ultimi anni. A questo si è aggiunta l’introduzione da parte del Governo centrale della Iuc, che prevede oneri maggiori rispetto allo scorso anno e nello specifico l’introduzione della Tasi, non presente nel 2013. In questo difficile quadro l’Amministrazione ha operato mantenendo invariati gli standard e le tariffe dei servizi a domanda individuale e cercando, per quanto possibile, di non gravare eccessivamente sui cittadini. Sono stati inoltre introdotti incentivi per il diritto allo studio e confermati investimenti per le piccole e medie imprese. Da settembre calendarizzeremo una serie di incontri sul territorio con associazioni e cittadini per condividere le scelte fatte, spiegare l’impostazione della Iuc ed avviare la fase di partecipazione per il bilancio preventivo 2015. Siamo convinti che al di là delle tante cose lette in questi giorni sui giornali, i cittadini sapranno comprendere bene le modalità con cui l’Amministrazione ha rispettato l’impegno di riconoscere il pagamento della mini-Imu 2013. Il bilancio comunale non è solo partecipazione e trasparenza, che sono da sempre punti cardine per l’Amministrazione, ma anche uno sforzo di conoscenza, chiarezza e responsabilità. Siamo di fronte ad un bilancio solido, frutto delle scelte di Amministrazioni che nel tempo hanno saputo erogare servizi ed investire in opere fatte nell’interesse della città. Continueremo ad agire in questa direzione, ben sapendo tuttavia che gli Enti non sono immuni dalla crisi economica che da anni investe il nostro Paese e che saranno costretti ad operare ogni anno con maggiori difficoltà. Faremo questo confrontandoci con i cittadini, con chiarezza e con la responsabilità che spetta a chi governa.   L’assessore al Bilancio Pier Giacomo Tosti

20/08/2014 20:05:56

Notizie » Politica Umbertide Cambia interviene sul Piano triennale Opere Pubbliche

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Dare priorità all’intervento di adeguamento sismico della scuola materna di via Morandi, dotare di un ascensore la scuola media Mavarelli – Pascoli per consentire una normale agibilità a studenti con disabilità, realizzare una efficace viabilità presso il pericoloso quadrivio di Via Colombo, via dei Patrioti, strada provinciale per San Benedetto, mettere a norma i marciapiedi e gli attraversamenti pedonali eliminando ogni barriera architettonica, prevedere una soluzione idonea per la caserma dei Carabinieri, individuata da Umbertide cambia all’interno di un piano di recupero dell’area “ex Fornace”. Questi sono gli interventi che secondo il movimento civico dovrebbero essere previsti nella prima annualità del Piano triennale delle opere pubbliche 2014 – 2016, sospendendo al contempo i lavori di completamento del raccordo ferroviario nella zona industriale di Pierantonio, inutile finchè la ferrovia non prevederà il trasporto merci. Soluzione peraltro al momento nemmeno presa in considerazione, visto che tutte le scelte compiute dalla Regione Umbria negli ultimi lustri rendono evidente come la rinuncia al trasporto merci su ferro sia ormai definitiva. Preso atto che l’amministrazione comunale non ha accolto queste richieste il gruppo di Umbertide cambia ha votato contro il documento presentato. “Riteniamo necessario dare priorità agli interventi necessari per la messa in sicurezza e l’efficienza degli istituti scolastici di competenza del Comune - ha detto Alessia Bartolini, consigliera comunale di Umbertide cambia – sollecitando la Provincia anche a realizzare l’ampliamento dell’istituto superiore. Occorre inoltre predisporre un piano di costante manutenzione della Pineta Ranieri, se necessario ricorrendo al sistema dei lavori socialmente utili. Pensiamo, infine, che sia necessario affrontare concretamente il problema della bonifica delle parti in eternit che ancora si vedono in molti edifici pubblici e privati e progettare un’ efficace rete di percorsi ciclabili sicuri che colleghino diverse parti della città a punti strategici come le scuole, gli impianti sportivi, la stazione.”. “Il piano – ha aggiunto Bartolini - apre anche una riflessione su due argomenti particolarmente sensibili: il necessario recupero di Piazza Mazzini, che a sua volta riapre il tema della valorizzazione del centro storico e della improbabile viabilità definita in zona; il completamento dell’ex edificio tabacchi, che deve essere dotato di adeguate soluzioni per il risparmio energetico, individuando al contempo una precisa destinazione d’uso. Temi sui quali presenteremo a breve proposte operative”.

20/08/2014 10:16:29

Notizie » Politica M5S Umbertide: su restituzione Mini IMU mancata riflessione

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide  Noi pensiamo che sull’argomento vi sia una mancata riflessione. Se si prova a decodificare l’agire politico dell’amministrazione comunale, circa la restituzione della mini-IMU, non si può fare a meno di rilevare un pressappochismo, a dir poco, imbarazzante. Un modo di amministrare personalistico e privo di trasparenza. Che la mini IMU non verrà restituita è un dato di fatto certo ed accertato! Tutta l’opposizione lo ha spiegato molto bene. Inutile girarci in torno, solo i gonzi ci sperano ancora. Noi non vogliamo neanche indagare nelle pieghe del bilancio e sulle tariffe applicate, né intendiamo dimostrare tecnicamente perché la “finta restituzione” è artificiosa ed ingannevole, anzi falsa, iniqua e illusoria. Tuttavia, quello che ci preme mettere in evidenza è il modo arrabattato, personalistico e furbesco di amministrare da parte del Sindaco e dalla sua Giunta, e lo vogliamo fare attraverso poche domande e alcune considerazioni: ma perché mai un Sindaco dovrebbe restituire la mini-IMU ai migliaia di cittadini? Un impulso di generosità? No! Fino a prova contraria si restituisce solo il “maltolto”, oppure somme non dovute. Ebbene, come tutti ricorderanno, il 27/11/2013, con atto n° 63, la Giunta deliberava, in fretta e furia, l’aumento dello 0.2% dell’IMU, sull’abitazione principale, portandola dallo 0.4% allo 0.6%. Questa scellerata operazione voleva essere una vera e propria furberia nei riguardi dello stato centrale, una furberia che ha costretto, però, migliaia di umbertidesi a pagare un balzello su una imposta che non esisteva! Altro che trasparenza! La scelta di aumentare l’IMU era stata fatta perché, e qui sta la furbizia indecente, si sperava che lo stato centrale coprisse per intero il mancato gettito derivante dall’abolizione dell’IMU sulla prima casa. Ed è proprio questo il nocciolo della questione, perché v’è stato un passaggio circa l’incapacità di un qualsiasi pensiero politico verso il bene comune, ad una forma di difesa del proprio agire privo di responsabilità e di buon senso. Morale della favola: gli unici a pagare veramente sono stati i contribuenti, questo grazie alle grandi manovre e alla “allegra economia” della nostra amministrazione. Poi, dopo il danno arriva anche la beffa, il Sindaco promette la restituzione della mini-IMU. Altro madornale errore, perché fa questa promessa in modo personale ma senza nessun atto politico (li mette di tasca propria?), nulla è scritto in modo specifico e ufficiale circa la restituzione. Tutto viene celato tra le pieghe del bilancio, in modo da rendere tutto “illusoriamente vero”. Se proprio si vuole rimborsare il “maltolto”, lo si faccia tenendo conto del grande disagio causato a migliaia di cittadini, e del fatto che la stragrande maggioranza ha dovuto pagare un CAF o un professionista per il calcolo e il versamento dell’IMU. Si apra uno sportello dove, in modo trasparente, il cittadino viene rimborsato dimostrando e certificando il danno subito, ovvero le spese reali che ha dovuto sostenere grazie agli illuminati provvedimenti dell’amministrazione. Una ultima osservazione: ammettiamo per assurdo che l’IMU venga rimborsata ... se ciò avviene ... il rimborso diviene, di per se stesso, l’esplicita ammissione delle proprie incapacità ad amministrare in modo trasparente, dimostrando che si è più propensi a l’esercizio del potere senza “governo” ignorando volutamente i cittadini, i quali meriterebbero un diverso rispetto.

17/08/2014 16:26:27

Notizie » Politica Umbertide Cambia: risposta al Sindaco Locchi sul bilancio

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia L’opposizione vive su un altro pianeta, afferma il sindaco Locchi parlando di bilancio. “E’ vero – risponde il capogruppo di Umbertide cambia Claudio Faloci –  viviamo nel pianeta della verità, della trasparenza, della proposta costruttiva”.   “La valutazione dei documenti di bilancio – aggiunge Faloci - deve partire da una operazione di chiarezza, quindi una valutazione politica onesta sulla condizione economico finanziaria dell’Ente, in equilibrio per così dire “precario”, appesantito da un indebitamento e da una consistente mole di residui attivi, frutto di scelte costose ed inopportune fatte dalla precedente Amministrazione, che pesano sulla possibilità di indirizzare risorse verso nuovi e necessari progetti per lo sviluppo della città, condizionando di fatto le stesse scelte di questa Amministrazione”.   “Umbertide cambia ha votato contro i documenti di bilancio –ha dichiarato il capogruppo Claudio Faloci - perché non rappresentano una necessaria innovazione. Sono ancora in continuità con le precedenti amministrazioni e soffrono per scelte costose e poco lungimiranti testardamente perseguite negli ultimi cinque anni. E’ un bilancio privo di risorse utili a finanziare progetti nuovi e veramente necessari alla collettività, che non recepisce nemmeno gli obiettivi indicati dal Sindaco nelle sue linee programmatiche. Un bilancio che non ha ancora segnato il passaggio verso la necessaria revisione strutturale della spesa, che, pur mantenendo alta la qualità dei servizi, consentirebbe un contenimento della pressione fiscale. Un bilancio che non investe come dovrebbe in politiche per il lavoro ed in conoscenza. Che, quindi, non risponde alle esigenze primarie delle persone e delle famiglie, né contiene strumenti finalizzati a supportare la competitività del sistema produttivo e commerciale”.   In coerenza con l’analisi sviluppata il gruppo di Umbertide cambia ha avanzato precise proposte. Finanziare con almeno 20.000 euro nel 2014 ed almeno 30.000 nel 2015 e nel 2016 il “Fondo per il diritto allo studio universitario per studenti meritevoli in difficoltà economiche”. Attivare il progetto “Responsabilità sociale delle imprese”, almeno nella “Fase 1”, riguardante l’occupazione. Si tratta in pratica di prevedere nel bilancio 2014 una somma pari ad almeno 20.000 euro, prevedendone 50.000 nel 2015 e nel 2016, per incentivare concretamente le assunzioni di persone disoccupate, residenti nel comune, che abbiano più di 50 anni.   “Le proposte avanzate individuano solo i primi, più urgenti obiettivi sui quali occorre puntare: lavoro e conoscenza. Questo - ha aggiunto Faloci - significa cambiare rotta, passando dalla fase delle opere pubbliche appunto alla fase dell’investimento sulle risorse umane, sul capitale sociale di cui la comunità umbertidese dispone.   “Bisognerebbe ricordare – ha concluso il capogruppo di Umbertide cambia - che criteri di  valutazione di una buona amministrazione sono l’efficienza della spesa, cioè fare le cose programmate, l’economicità della spesa, cioè conseguire gli obiettivi stabiliti spendendo il meno possibile, già qui potremmo discutere per ciò che riguarda Umbertide, e soprattutto l’efficacia della spesa, che richiama l’attitudine ad utilizzare le risorse cercando di soddisfare le reali e prioritarie esigenze della collettività. Principio, quest’ultimo, che valuta l’opportunità delle scelte politiche e amministrative, elemento a nostro avviso particolarmente critico nella strategia che ha caratterizzato l’Amministrazione cittadina negli anni passati, e che invece dovremo tenere ben presente per il futuro”.  

14/08/2014 17:36:21

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy