Notizie » Politica EX FCU: SITUAZIONE PARADOSSALE PER I CITTADINI UTENTI. L'ON. GIULIETTI INTERROGA IL MINISTRO DEL RIO

Riceviamo e pubblichiamo L'on. Giampiero Giulietti, deputato del partito Democratico, ha presentato un'interrogazione in commissione al Ministro delle Infrastrutture e trasporti, Graziano Del Rio, in relazione alla vicenda della situazione della Rete ferroviaria regionale dell'Umbria (ex FCU) che ha assunto una veste paradossale. "Prima è stato chiuso il tratto Umbertide-Città di Castello, ora si viene a chiudere il tratto Ponte San Giovanni - Perugia, e siamo in attesa di ulteriori spiacevoli sorprese, - afferma l'on. Giulietti - tali chiusure avvengono sempre per motivazioni legate alla sicurezza della tratta ed appare evidente che la normale manutenzione della rete non è stata di certo effettuata e magari sono state privilegiate altre scelte che nulla hanno a che fare con la ferrovia, con i pendolari, con gli studenti ed i lavoratori che sono costretti ad odissee assurde (due ore per percorrere la tratta Città Di Castello - Perugia tra autobus e treno)". Secondo il deputato del Partito Democratico, la vicenda rende plastica l'inadeguatezza della gestione del trasposto su ferro, mentre ancora si è in attesa di comprendere la tempistica del passaggio ad RFI della rete ferroviaria regionale e di come garantire un servizio temporaneo più agevole per gli utenti e una tempistica certa nell'effettiare i lavori necessari alla linea (onde evitare disservizi e soprattutto depauperare il servizio ferroviario) L'on Giulietti torna ad interrogare quindi il Ministro per conoscere la volontà e di seguito la tempistica e le modalità del passaggio della Rete ferroviaria regionale (ex Fcu) a RFI e per sapere quali iniziative il Ministro (congiuntamente alla Regione) intenda mettere in campo per garantire il servizio ferroviario in Umbria a tutela di un patrimonio pubblico fondamentale per la regione e a tutela degli utenti del servizio oggi costretti ad una quotidiana via crucis.  

23/02/2017 14:37:10 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile UMBERTIDE: CONCORSO PER LE SCUOLE ''SAVE ENERGY'', C’E’ TEMPO FINO AL 15 MARZO PER ISCRIVERSI

Riceviamo e pubblichiamo Gli studenti dovranno realizzare una campagna di comunicazione sui temi del risparmio energetico e dello sviluppo sostenibile Umbertide (Pg), 23 febbraio 2017 – C’è tempo fino al prossimo 15 marzo per partecipare all’edizione 2017 del concorso per le scuole “Save Energy” che AIMET Srl - azienda che si occupa della fornitura di gas naturale ed energia elettrica a privati, enti ed imprese - anche quest’anno ha voluto promuovere con lo scopo di sensibilizzare le giovani generazioni sui temi del risparmio energetico e dello sviluppo sostenibile. Il Concorso, giunto alla quarta edizione, è rivolto agli istituti scolastici di ogni ordine e grado dei territori di Umbria e Marche in cui AIMET è presente con un proprio sportello e prevede la progettazione di una campagna di comunicazione sui temi dell'utilizzo consapevole e sostenibile dell'energia, da realizzare con i mezzi che ogni scuola riterrà più opportuni (disegni, video, testi, ipertesti, audio...). Prezzi chiari e trasparenti, assistenza e vicinanza al cliente attraverso sportelli territoriali in cui opera personale qualificato, convenienza e territorialità, sono i valori fondanti di AIMET, azienda che, oltre a soddisfare a 360 gradi il fabbisogno energetico di famiglie, imprese ed enti, intende sostenere anche il territorio in cui opera.  “La nostra mission è quella di offrire al cliente la tranquillità di un servizio senza sorprese, chiaro e trasparente, ma Aimet intende anche investire sulle comunità locali – ha spiegato l'ad di Aimet ing. Patrizio Nonnato – Per questo, per il quarto anno consecutivo, abbiamo promosso il concorso Save Energy che, oltre a sensibilizzare gli studenti e le loro famiglie su temi a noi cari come lo sviluppo sostenibile e il risparmio energetico, ci consente di sostenere le scuole, mettendo a disposizione contributi per un totale di 4.000 euro per l'acquisto di materiale didattico”. “In tre anni il concorso è cresciuto molto, arrivando a coinvolgere ben 19 scuole, provenienti dai comuni umbri di Umbertide, Città di Castello, San Giustino, Corciano e dai comuni marchigiani di San Benedetto del Tronto e Grottammare, per un totale di 46 classi e circa mille studenti – ha aggiunto il presidente di Aimet dott. Matteo Baldelli- Questo ci dimostra che la nostra iniziativa ha fatto centro e i brillanti risultati ottenuti ci spingono ad andare avanti e a promuovere di nuovo il concorso per le scuole che speriamo parteciperanno numerose con l'entusiasmo, la creatività e l'originalità che hanno contraddistinto le edizioni precedenti”.  Il regolamento e la scheda di iscrizione al concorso sono reperibili sul sito www.aimetonline.it. Le iscrizioni dovranno pervenire per mezzo di posta elettronica all’indirizzo comunicazione@aimetonline.it entro e non oltre il 15 marzo 2017. Per informazioni: 075 9413140.  

23/02/2017 12:01:59

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: UN GRAZIE A MARCELLO BREGOLISSE, COMPETENZA E PROFESSIONALITA’ AL SERVIZIO DEI CITTADINI

Riceviamo e pubblichiamo ASSOCIAZIONE UMBERTIDE CAMBIA, GRUPPO CONSILIARE UMBERTIDE CAMBIA: UN GRAZIE A MARCELLO BREGOLISSE, COMPETENZA E PROFESSIONALITA’ AL SERVIZIO DEI CITTADINI Il nostro intervento vuol essere esclusivamente il riconoscimento ad un uomo delle istituzioni nei giorni in cui ha lasciato la sua funzione in esse, ricordando alla città un vero modello di comportamento. Marcello Bregolisse ha raggiunto infatti la meritata pensione, ma il contributo che ha dato all’Amministrazione comunale va oltre il suo lavoro. Entrato molto giovane, per soli meriti concorsuali, nel cuore pulsante della frontiera economico-finanziaria, si è subito distinto per solida competenza ma anche capacità di relazione. Sempre sensibile alle ragioni degli utenti-cittadini, in Marcello la pronta risposta tecnica è sempre stata accompagnata da disponibilità ed umanità, caratteri del resto della sua personalità. Se la macchina amministrativa comunale, dal punto di vista tecnico-amministrativo, ha mostrato efficienza, lo si deve anche al lavoro di chi, come Marcello, con rigore, razionalità e generosità, ha svolto diversi incarichi, badando alla crescita dell’istituzione, con grande professionalità ma sempre in punta di piedi, non rincorrendo mai carrierismi. Questo ci sentivamo di dire, spontaneamente, perché il modello di Marcello diventi un esempio. A Marcello rivolgiamo un abbraccio, augurandogli di ascoltare la sua amata musica finalmente libero da numeri e tributi.  Associazione Umbertide cambia (Gianni Codovini) Gruppo consiliare Umbertide cambia (Claudio Faloci, Luigino Orazi, Stefano Conti)

22/02/2017 20:07:19 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Movimento 5 Stelle Umbertide su situazione ex Ferrovia Centrale Umbra

Riceviamo e pubblichiamo   Esattamente un anno fa si tenne ad Umbertide il Consiglio comunale aperto sulla ferrovia. In quella sede il M5S aveva evidenziato le numerose carenze dei servizi su ferro che tuttora permangono: sebbene la tratta sia stata ri-elettrificata, viaggiano ancora vetture a diesel che hanno un'età media di 25 anni e necessitano di una manutenzione straordinaria, diversi milioni sono stati spesi per il raddoppio Ponte San Giovanni-S. Anna, e altrettanti sono stati stanziati per la realizzazione di un raccordo ferroviario della FCU verso la zona industriale di Pierantonio, la famosa bretella di Pierantonio che sarebbe dovuta servire per il trasporto merci, circa 20 milioni di euro per i treni Minuetto, non utilizzabili nei tratti di ferrovia non ancora elettrificata e in parte fermi per la mancanza di pezzi di ricambio. Da Umbertide a Città di Castello si ha dal mese di settembre 2015 la sospensione della tratta, dopo un periodo che vedeva l'obbligo per i convogli di non superare i 50 km orari proprio perché si viaggiava su un tratto dell’infrastruttura ferroviaria non sicuro. Ora veniamo a conoscenza da una nota della società Umbria TPL e Mobilità spa. che verrà chiusa un'ulteriore tratta, quella tra Ponte San Giovanni e Perugia Sant'Anna a seguito dei lavori di raddoppio selettivo e di elettrificazione con un investimento complessivo di circa 19 milioni di euro. Si parla di una chiusura di circa 800 giorni, tre anni circa, sempre che non ci siano ulteriori ritardi come accade abitualmente per le opere pubbliche, e in questa fase “transitoria” cosa ne sarà dei numerosi frequentatori della linea che si trovano ad avere un servizio menomato ed un aumento del tempo di percorrenza? C'è la volontà di ripristinare il servizio o si punta ad incentivare il servizio su gomma? Questa situazione di incertezza potrebbe condurre gli abituali fruitori del servizio a privilegiare il mezzo privato a danno del servizio su ferro, che già negli ultimi anni ha registrato un forte calo. Si è creata forte preoccupazione tra i pendolari, d'altronde come non averla, dopo anni di proclami e sprechi la situazione non è migliorata, ora quest'altra “novità” sarà l'ennesimo annuncio? 

20/02/2017 10:52:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy