Notizie » Politica M5S Umbertide:''Politica di basso rango sulla sicurezza dei bambini''

Riceviamo e pubblichiamo POLITICA DI BASSO RANGO SULLA SICUREZZA DEI BAMBINI. E’ ufficiale. Oramai L’ex Sindaco Locchi e il PD umbertidese si parlano solo attraverso i rispettivi comunicati stampa al vetriolo. Un po’ come quando, nel peggiore dei divorzi, gli (ex) sposi si parlano solo attraverso i rispettivi avvocati. La prolificità di comunicati di questi giorni ha raggiunto livelli tali da invadere le pagine di giornale (e le bacheche di facebook) di arroganti scaricabarile sulle rispettive responsabilità e incapacità. Come se fino a ieri Locchi e il PD umbertidese fossero state due entità distinte e non la stessa, identica cosa.  L’ultimo scontro infuocato ha come oggetto l’edilizia scolastica, o meglio, la totale assenza di fondi che negli ultimi anni ha fatto degenerare la situazione degli edifici scolastici cittadini.  Vorremmo ricordare che già nel 2014 il Movimento 5 Stelle presentò una mozione sensibilizzando l’amministrazione sulla possibilità di accedere ai fondi dell'8 per mille destinati all'edilizia scolastica. Si trattava di fondi rivolti alla “ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica”. Sempre nel 2014 presentammo un ordine del giorno che prevedeva un piano organico e articolato, dettando tempi e modi, per iniziare ad intraprendere la strada della bonifica di tutti gli edifici del territorio comunale ponendo particolare attenzione sulla necessità di bonificare il tetto in eternit della scuola Monini.  Questa nostra proposta è stata bocciata dalla maggioranza PD.  La scusante addotta è stata la mancanza di fondi, giustificazione che non regge quando di mezzo c'è la salute pubblica, soprattutto perché abbiamo visto che per cose ben meno importanti i soldi si trovano sempre e spesso si sprecano pure. Un esempio lampante è l’ampliamento della ex scuola Monini costato agli umbertidesi quasi 130.000 €, soldi che sarebbe stato meglio utilizzare per sistemare le scuole già esistenti (ad oggi nessuna di esse, tranne il liceo, risulta essere antisismica, cfr. fonte ministeriale). E’ invece di settembre 2016 l’ordine del giorno in cui chiedevamo all’allora sindaco Locchi un ragguaglio sulle condizioni statiche e sugli gli adeguamenti sismici a norma di legge degli edifici pubblici e delle scuole. Oggi restiamo basiti di fronte al il fatto che gli ex sposini cadono dalle nuvole scoprendo problematiche già sotto gli occhi di tutti e riportate alla loro attenzione varie volte nel corso della passata legislatura. Il fatto che vengano sbandierati imminenti finanziamenti che vengono promessi ai cittadini da almeno 2 anni, fa alquanto sorridere e qualche sospetto che si tratti solo di campagna elettorale in effetti ci sorge.  Ma la cosa che più di tutte supera ogni comune senso del pudore è che il PD, intento a contendersi con l’ex sposo Locchi, l’amore e la benevolenza dei “figli” umbertidesi, emetta comunicati in cui si possono leggere frasi come “finalmente è il momento di guardare avanti” oppure “nella nostra città è mancata negli ultimi tempi progettualità e capacità nel reperire risorse” e persino “è necessario passare dalle chiacchiere degli ultimi anni ai fatti concreti”. Si saranno forse dimenticati che è stata loro la direzione del comune negli ultimi 70 anni e pertanto, con essa, ogni responsabilità, inefficienza e inconcludenza?  

19/01/2018 10:02:19

Notizie » Politica Monni (Centrodestra):’’Il PD pare aver proprio ritrovato una sensibilità critica’’

Riceviamo e pubblichiamo Monni (Centrodestra):’’Il PD pare aver proprio ritrovato una sensibilità critica’’ È un piacere vero sapere qual è la posizione della Segretaria del PD riguardo al bilancio comunale poiché sul punto non si ha memoria di un suo intervento in consiglio comunale. Senza temere smentita posso affermare, infatti, che il tema è stato appannaggio delle opposizioni, del Sindaco e dell’Assessore Tosti. Il gruppo consiliare del PD non si è speso affatto sull’argomento, eccezion fatta per il Capo Gruppo Palazzoli che ha ratificato l’operato della Giunta a ogni dichiarazione di voto utile. Sta di fatto che per la Segretaria Ranuncoli dover restituire le somme chieste in prestito, maggiorate d’interessi,non significa aver debiti. Dovremmo sentirci tutti sollevati apprendendo di queste tesi rivoluzionarie ma, in realtà, sappiamo che questo è l’estremo tentativo di mascherare la realtà e recuperare il consenso di cittadini che, a buona ragione, si sentono traditi di fronte a trionfali inaugurazioni di opere pubbliche che ci stanno costando molto care. Nel frattempo, il PD pare aver proprio ritrovato una sensibilità critica. Si sono resi conto di non aver fatto abbastanza in termini di edilizia scolastica e sembra abbiano capito, finalmente, che lo sportello Umbra Acque non soddisfa le richieste degli utenti. Anche quest’ultima questione, introdotta in consiglio comunale dalle opposizioni, è stata liquidata con un “va tutto bene”. C’è proprio da star sereni.  

18/01/2018 18:44:44

Notizie » Politica Ex Merloni, Giulietti e Lodolini:''A rischio 700 posti di lavoro per problemi di credito. Ci siamo rivolti al Governo ed al Vice Ministro Bellanova''

Riceviamo e pubblichiamo Ex Merloni, Giulietti e Lodolini:''A rischio 700 posti di lavoro per problemi di credito. Ci siamo rivolti al Governo ed al Vice Ministro Bellanova'' FABRIANO – “Siamo in contatto con il Vice Ministro allo Sviluppo Economico Teresa Bellanova perché è necessario che il Governo intervenga in questa vicenda che mette a rischio 700 lavoratori del territorio di Fabriano”.  Il deputato Giampiero Giulietti insieme al collega marchigiano Emanuele Lodolini si è già attivato a sostegno dei 700 lavoratori della JP Industries, ex Antonio Merloni che, per mancanza di apertura di credito da parte delle banche, sta facendo vivere giornate di tensione ai lavoratori del settore dell’elettrodomestico.  Nello stabilimento marchigiano così come in quello umbro, si producono lavatrici e frigoriferi e, dopo la vertenza che ha portato all’acquisizione della ex Antonio Merloni da parte di JP Industries che Giulietti e Lodolini hanno seguito molto da vicino, si sta portando avanti il piano industriale per il rilancio del settore.  “Il contendere riguarda straschi finanziari della vecchia gestione – insistono Lodolini e Giulietti – che tuttavia non devono minare l’operatività presente e futura dell’azienda in un territorio fortemente provato dalla crisi del settore industriale”. “Conti di avere risposte soddisfacenti – hanno concluso – o valuteremo iniziative anche eclatanti“

18/01/2018 16:55:37

Notizie » Politica Orazi (Umbertide Cambia):''Grazie al commissario prefettizio stiamo riavvicinando la gente alle istituzioni''

L'ex consigliere comunale di Umbertide Cambia Luigino Orazi, ha scritto in un post su Facebook:“Cari umbertidesi scusate per questo mio piccolo pensiero che riconosco è sempre più lungo però ho tante cose da dirvi e essere sintetico non riesco , buona lettura e spero di non annoiarvi. Oggi il livello della nostra politica locale sta veramente toccando il fondo, tanto che spiegarlo ai cittadini è un’impresa. Il partito che fino ad oggi ha governato sta diventando giorno dopo giorno sempre più ridicolo e inaffidabile. Da una parte c’è l’ex sindaco Locchi (PD), attivo nel fare un tour che va da Molino Vitelli a Pierantonio, per accasarsi poi in paese nelle abitazioni famigliari; stessa cosa fa il (PD) di Giulietti, che anticipa il tour di Locchi di uno o due giorni. Cosa curiosa è che essendo tutti e due dello stesso partito dicono cose l'una opposta dell’altra. Locchi dice che ha ereditato un debito di 15 milioni di euro, ma lui, a suo dire, lo ha riportato a 10 milioni; l’altro tappezza la città con manifesti nei quali scrive che i milioni sono 16 milioni, ma non sono debiti, piuttosto investimenti. Anzi aggiunge che il Comune non ha un euro di debito ed accusa l’altro PD - che peraltro lui stesso ha voluto - di dire bugie e di non avere capito come si compone un bilancio”.   “Ma quali sono - prosegue Orazi - questi famosi investimenti che hanno migliorato la città? Tra di essi spicca la ex fattoria tabacchi, che sta diventando come il pozzo di San Patrizio, e pensare che il sig. Locchi voleva ancora spenderci altri 400.000 euro per una struttura, senza sapere ancora oggi come verrà utilizzata. Cosa curiosa è che nei tour dei due esponenti del PD essi fanno a gara per insultarsi a vicenda, ma soprattutto gareggiano a chi la spara più grossa. Indubbiamente il cittadino è sempre più confuso anche perché i guru della politica umbertidese da dietro le quinte manovrano, parlano, studiano strategie, possibili accordi, appoggiando un PD contro un altro PD, non considerando che questo modo di fare politica è completamente morto. Oltretutto di questa sinistra la gente non ne può più. Oggi questo modo personalistico di fare politica ci ha nauseato. Come lista civica ci attaccano per non avere appoggiato Locchi o non si sa chi, ma soprattutto non dicono per fare che cosa. Invece oggi, dopo tre anni di assoluto immobilismo e lotta per bande, grazie al commissario prefettizio stiamo riavvicinando la gente alle istituzioni; il commissario, un competente servitore dello Stato, riceve tutti quelli che chiedono un confronto, l’ordinario viene svolto con celerità e la macchina amministrativa corre a pieno ritmo e in modo efficiente. Più di prima”.   “Il problema è - conclude l'esponente civico - semmai che questo PD non è assolutamente in grado di affrontare i grandi nodi della politica umbertidese: contrastare la moschea, garantire la sicurezza, ristrutturare zone degradate come la fornace, arrivare ad una soluzione per l’ambiente a Calzolaro, gestire la grave situazione dei rifiuti, la viabilità, la piattaforma, il centro storico, la riconversione industriale e tutti gli altri disastri da loro creati. C’è una soluzione: mandare cittadini competenti e liberi ad amministrare la città, come Umbertide cambia ha cercato e cerca di fare”.

18/01/2018 14:15:30

Cultura » Mostre Domenica 21 gennaio a Umbertide torna la III edizione di Eco&Wedding, l’expo dedicato alle nozze eco-sostenibili

Riceviamo e pubblichiamo Domenica 21 gennaio a Umbertide torna la III edizione di Eco&Wedding, l’expo dedicato alle nozze eco-sostenibili Per il terzo anno consecutivo l’expo Eco&Wedding, l’evento dedicato alle nozze eco-sostenibili, si conferma una vetrina di prestigio per il settore matrimoniale dell’Alta Valle del Tevere, grazie alla sua unicità nel territorio umbro. L’edizione 2018, in programma domenica 21 gennaio dalle ore 10 alle 19, si arricchisce di grandi novità. Prima tra tutte, la location: Eco&Wedding “trasloca” nel cuore della città di Umbertide, presso lo splendido Museo di Santa Croce, luogo di grande suggestione artistica, impreziosito dalla presenza della pala del Signorelli e della tela del Pomarancio che contribuiranno a rendere ancora più incantevole e fiabesca l’atmosfera. Come nelle precedenti edizioni, Eco&Wedding ambisce a coniugare la passione per la natura e per la tutela dell’ambiente con la narrazione di un sentimento: l’amore. Per questo motivo l’expo, patrocinato dal Comune di Umbertide ed organizzato da Kres Eventi e Comunicazione in collaborazione con Tree Events Wedding Planner, si propone come un ricco contenitore di idee e suggerimenti in grado di valorizzare il giorno delle nozze, di affascinare ed emozionare attraverso un approccio moderno in chiave eco-friendly: un concetto legato a doppio filo alla bellezza e alla sostenibilità. I futuri sposi potranno così immergersi lungo il percorso della “cittadella delle nozze” in cui non mancheranno gli esclusivi abiti sartoriali, lo show cooking con prodotti stagionali a Km 0, in programma alle ore 16, le bomboniere gourmet, il make up a basso impatto ambientale, i viaggi di nozze all’insegna dell’ecoturismo, e molto altro ancora per una giornata scandita da intermezzi musicali che faranno da sottofondo alla kermesse. Alle 16.30, inoltre, l’imperdibile spettacolo con fuoco e trampolieri, a cura della “Compagnia Teatrale Accademia Creativa”, animerà l’antistante piazza San Francesco che, per l’occasione, si trasformerà in un caleidoscopico teatro a cielo aperto. Eco&Wedding è molto più di un semplice expo sulle nozze. È un variegato mix di proposte in chiave “ecologica” confezionato su misura da esperti professionisti, uniti tra loro da un unico comune denominatore: il rispetto della natura e la valorizzazione del territorio. Ingresso libero Info: www.ecoweddingumbria.it

17/01/2018 20:29:54

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy