Notizie » Società Civile Oltre 600 studenti al Museo Santa Croce per il Maggio dei libri

Riceviamo e pubblichiamo Sono oltre 600 i bambini delle scuole primarie del territorio comunale di Umbertide che in questi giorni stanno partecipando al "Maggio dei libri", campagna nazionale di promozione della lettura giunta quest'anno alla settima edizione ed organizzata dal Centro per il libro e la lettura del Mibac in collaborazione con il Miur alla quale ha aderito anche il Comune di Umbertide. Il paesaggio è il tema che è stato scelto dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Umbertide con lo scopo di far scoprire e riscoprire anche ai più piccoli la bellezza della natura, dell'architettura e di tutto ciò che ci circonda. Per tutto il mese di maggio quindi gli studenti organizzati in gruppi partecipano a letture sul tema del paesaggio, a cura della Biblioteca comunale e dell'associazione genitori Insieme per, e a laboratori, promossi da Sistema Museo.  Tutti gli incontri si svolgono presso il Museo Santa Croce e si aprono con alcune riflessioni sul paesaggio, sulle sue forme e colori e sulle immagini che possiamo percepire quando ci si guarda un po' intorno; poi gli studenti ascoltano una serie di letture sempre incentrate sul tema del paesaggio ed appositamente selezionate. Terminata la lettura, i bambini, guidati dagli operatori di Sistema Museo Elisa, Eleonora e Camillo, vengono condotti a passeggiare per il centro di Umbertide, da piazza San Francesco alla Rocca passando per il fiume Tevere e, con i mano un palloncino bianco ciascuno, vengono stimolati a riconoscere le forme e i colori che caratterizzano la città. Poi, dopo la merenda, i bambini tornano al museo per partecipare al laboratorio conclusivo della giornata e disegnare su lunghe strisce la loro città ideale, facendosi guidare da forme, colori e fantasia. L'iniziativa ha riscosso molto successo tra le scuole della città, che hanno aderito tutte con convinzione riconoscendo il valore educativo e formativo dell'esperienza proposta e i bambini hanno partecipato con entusiasmo alle letture e ai laboratori che si sono svolti al Museo Santa Croce.

11/05/2017 09:56:04 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Gli studenti di Niccone protagonisti al Mercato della Terra, sabato 13 maggio in vendita i prodotti coltivati a scuola

Riceviamo e pubblichiamo Come ogni anno la scuola a tempo pieno di Niccone riconferma la propria presenza al “Mercato della Terra” di sabato 13 maggio con i prodotti del progetto "Serra Orto-biologico", laboratorio di interclasse trasversale che vede coinvolti a rotazione gli alunni di tutte le classi e che, nel 2015, ha ripreso piena attività. Nonostante le difficoltà iniziali incontrate, infatti, la volontà di alunni e insegnanti ha avuto il sopravvento e la ripresa è riuscita splendidamente con la produzione di ortaggi in vasi: aglio, cipolle, fave, insalate, pomodori, piante aromatiche, addirittura peperoncino del Guatemala e, novità di questo 2017, zucchine "magiche". "Ora più che mai, con i tempi che corrono, c’è bisogno di tornare ad esperienze concrete e la creazione di un orto permette ai bambini di fare esperienze di manipolazione, in sostanza imparano a fare - hanno dichiarato le maestre -. L’apprendimento, soprattutto per i bambini con difficoltà e non solo, deve necessariamente avere inizio con una fase concreta, di sperimentazione reale, per poi accedere a una dimensione di astrazione e rielaborazione". Così anche il concetto di tempo, spesso di difficile comprensione per alcuni bambini, viene affrontato da diversi punti di vista. La natura offre un modello in cui non è possibile vedere subito gli effetti delle azioni che si compiono, infatti, per osservare cambiamenti occorrono tempo e pazienza. Inoltre la realizzazione di un orto aiuta a comprendere i cicli stagionali. Inoltre i temi legati all’educazione alimentare e ambientale sono implicati in maniera profonda nel progetto "Serra Orto-biologico" e l'iniziativa potrà fornire stimoli per ulteriori approfondimenti. L'acquisto con un piccolo contributo dei prodotti dell'orto biologico permetterà alla scuola di finanziare il progetto ed altre iniziative simili. L'appuntamento dunque è per sabato 13 maggio dalle ore 9 in poi presso piazza Matteotti.         

09/05/2017 21:31:21 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: UNA FIACCOLATA PER LA SICUREZZA URBANA, VENERDì 12 MAGGIO ALLE 21 AL PARCO RANIERI

Riceviamo e pubblichiamo «La fiaccolata pubblica di venerdì 12 maggio non è una manifestazione “contro”, bensì “per”. In particolare per riprendere la città da parte degli umbertidesi e per rendere la sicurezza urbana più efficiente. Ma è anche una sollecitazione alle istituzioni per dotare le Forze dell’ordine dei mezzi necessari alla tutela della cittadinanza e un appello all’Amministrazione per evitare e prevenire il degrado di alcune zone della città», puntualizzano il presidente di Umbertide cambia Gianni Codovini e il capogruppo della lista civica Claudio Faloci, invitando i cittadini a partecipare. Il senso della manifestazione, che si svolgerà alle ore 21.00, a partire dal Parco Ranieri, passando per la vicina Via Alfonsine per terminare presso il parcheggio di Martiri della Libertà n.1, è ribadito dai Consiglieri Comunali Stefano Conti e Luigino Orazi e dall’avvocato Raffaello Agea: «La scelta del luogo simbolo del Parco e Via Alfonsine, dove recentemente sono accaduti alcuni fatti di natura delinquenziale, vuole esprimere la nostra volontà di reazione al problema sicurezza urbana, che è un diritto sacrosanto del cittadino; anzi la sua dimensione più profonda da tutelare. Far finta di niente non aiuta di certo la tranquillità e la garanzia dei cittadini, che debbono sentire lo Stato sempre vicino. In questo senso è importantissimo che il cittadino viva in un contesto territoriale e sociale che non solo sia il più possibile sicuro, ma che favorisca anche una sua maggiore percezione di sicurezza. Per questo abbiamo deciso di scuotere le coscienze e le istituzioni ricordando quanto si può ancora fare per una maggiore sicurezza, che prima di tutto nasce dall’evitare il degrado urbano. Infatti siamo consapevoli che un conto sono le politiche della prevenzione, del decoro e del contrasto sociale, che spettano all’Amministrazione comunale, un conto è l’attività di repressione che spetta alle Forze di Pubblica sicurezza.». Per quanto riguarda le politiche di contrasto al degrado urbano e la prevenzione sociale, Umbertide cambia è netta: «Questa Giunta e la precedente hanno creato occasioni e sacche che favoriscono il degrado. La zona spettrale ex Fornace, diventata nel tempo rifugio di clandestinità, l’anfiteatro del Parco Ranieri, luogo di traffico illegale, sono zone che vanno riconvertite. Le politiche di quartiere sono state svuotate, facendo venir meno il controllo spontaneo del territorio da parte dei cittadini. Il controllo di vicinato è infatti un mezzo molto efficace per cooperare con le stese Forze dell’ordine. Come è facile intuire, non chiediamo al Sindaco di fare il duro sceriffo, ma il buon amministratore e mettere in campo politiche attive. Per esempio, ancora aspettiamo il patto di cittadinanza con chi dovrà gestire la Moschea».   Umbertide cambia

09/05/2017 11:20:47 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica M5S Umbertide: ''la promozione delle attività culturali è un’attività che alla nostra amministrazione proprio non riesce''

Riceviamo e pubblichiamo Teatro-teatrino “Finalmente le porte del Teatro dei Riuniti vengono riaperte alla cittadinanza.”  Questo sarebbe stato il titolo che avremmo voluto leggere sulle pagine della cronaca cittadina ma, purtroppo, la promozione delle attività culturali è un’attività che alla nostra amministrazione proprio non riesce.  Dopo aver pubblicato in ritardo il bando per la nuova assegnazione del teatro, facendo saltare l’intera stagione 2016/2017 ora, a bando concluso, con in mano da quasi 7 mesi (dal 31/10/2016) le manifestazioni di interesse dei candidati, da più di due la documentazione dei candidati ammessi e con la nomina della commissione di gara già ultimata, si sta aspettando ancora (inspiegabilmente) la conclusione dell’affidamento. Questa lentezza ingiustificata, oltre a tenere nel limbo i candidati, sta mettendo a serio rischio anche la prossima stagione teatrale le cui attività vanno pianificate con largo anticipo. Va definito il calendario, definiti gli spettacoli e ingaggiate le compagnie. Non è possibile arrivare a Maggio e non aver ancora una programmazione. Fa sorridere pensare come dopo tanti mesi non siano stati in grado di partorire una data per far riunire la commissione di gara quando già da inizio aprile si pubblicizzava pubblicamente la calendarizzazione della Festa de l’Unità. Ognuno ha le sue priorità.  

06/05/2017 12:44:02 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Commissione Controllo e Garanzia, il Presidente Marchetti (Lega Nord) ''L’urgenza da parte della maggioranza, di redigere un regolamento interno alla Commissione, non deve essere solo un pretesto per non affrontare temi più delicati''

Riceviamo e pubblichiamo “Pretestuosa” l’ha definita così Riccardo Augusto Marchetti la lettera consegnatagli da alcuni consiglieri di maggioranza membri della commissione Controllo e Garanzia, i quali invocano la stesura di un regolamento interno alla Commissione stessa, nonostante quest’ultima abbia pieni poteri di esecuzioni con tanto di delibera di Consiglio n. 56. “L’atteggiamento ambiguo di Pd e socialisti ritorna prepotente anche in commissione – precisa Marchetti – perché se c’è da trattare temi delicati la maggioranza rivendica la necessità di un regolamento interno alla Commissione, ma al momento della seduta calendarizzata per redigere il tanto auspicato ordinamento, in pochi si presentano. La domanda è chiara, se questo regolamento è di fondamentale importanza per la maggioranza, tanto da non poter affrontare temi molto più delicati come Polisport o Sogepu, mi chiedo perché presentarsi ad intermittenza alla convocazione dello scorso Marzo. Il campo di azione di questa commissione, presieduta con imparzialità dalla Lega Nord, è legalmente sottoscritto nella delibera del Consiglio n. 56, quindi l’urgenza di redigere un regolamento, pur riscontrandone la necessità, non deve essere solo un pretesto. Coincidenza vuole che ogni volta vengano affrontate questioni come ad esempio le partecipate, per Pd e Socialisti, il regolamento interno diventa indispensabile, poi però si tergiversa quando viene convocata una seduta di commissione completamente dedicata al regolamento stesso. E non lo dico io, ma ci sono i verbali che attestano le presenze: non è forse vero che nella seduta in cui abbiamo audito i vertici Sogepu la maggioranza era al completo? Ed è forse un caso che nella seduta del 28 dicembre scorso in cui è emersa per la prima volta la questione Polisport, PD e socialisti erano tutti presenti? Ed è ancora un altro caso che il giorno in cui viene convocata la commissione Controllo e Garanzia per redigere il tanto desiderato regolamento la sinistra si presenta ad intermittenza? Le mie sono solo domande che trovano conferma nei verbali, non voglio di certo insinuare niente di diverso da quello che è accaduto. Certo è – conclude Marchetti - che una volta approvato il regolamento interno alla Commissione Controllo e Garanzia pretenderò che venga adottato, con le stesse dinamiche, anche nelle altre commissioni consiliari tutte presiedute dalla maggioranza e dove, tra l’altro, non si è mai verificato un simile ostruzionismo politico”

05/05/2017 10:52:53 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy