Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: SUL CENTRO ISLAMICO OCCORRE TENERE INSIEME DIRITTI E SICUREZZA

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: SUL CENTRO ISLAMICO OCCORRE TENERE INSIEME DIRITTI  E SICUREZZA Umbertide cambia, per bocca del presidente dell’Associazione Gianni Codovini, fa luce sulle recenti polemiche riguardanti il Centro islamico ad Umbertide, precisando che «La vicenda in Consiglio regionale sulla moratoria “alla costruzione o all’apertura di nuovi centri islamici e di nuove Moschee”, che impegna la Giunta regionale ad attivarsi presso il Governo, non solo è il solito escamotage che copre il ritardo colpevole del Legislatore regionale, ma non c’entra niente con la vicenda umbertidese. Qui una Moschea-Centro islamico già c’è, come l’enorme costruzione che è sotto lo sguardo impotente dei cittadini. Dunque, non facciamo demagogia -  peraltro postuma - che porta solo acqua alla retorica del populismo, piuttosto concentriamoci sui fatti e la realtà concreta, da buoni riformisti. Cosa possiamo fare ora per evitare ulteriori danni e come dobbiamo relazionarci con la Moschea-Centro islamico?». Codovini, insieme ai consiglieri di Umbertide cambia Conti, Faloci e Orazi, ricordano che sono «non solo il primo gruppo che ha sollevato formalmente la questione sulla trasparenza e sulla controversa procedura amministrativa  della costruzione del Centro islamico, iniziata peraltro con la Giunta dell’onorevole Giulietti nel marzo 2011, ma sono anche il solo gruppo che ha presentato una proposta organica, ancora bloccata in Consiglio, sui rapporti tra Centro islamico e città.». Gli esponenti di Umbertide cambia vanno al cuore del problema: «Pur continuando a evidenziare le criticità di una procedura amministrativa che non ci convince del tutto e che dimostra come l’Amministrazione comunale abbia preso accordi con l’Associazione culturale Islamica, ma si sia ben guardata dal partecipare le scelte con il Consiglio Comunale e con i cittadini, bisogna però pensare all’oggi e al futuro. In particolare, l’Amministrazione e il Centro islamico debbono ancora dare risposta concreta alle seguenti questioni: una convenzione di garanzia con il Centro culturale islamico utile a definire controlli e finalità dello stesso; una seria procedura per capire la tracciabilità dei pagamenti da parte dell’Associazione islamica; un protocollo che stabilisca le condizioni di una collaborazione preventiva con le forze dell’ordine; reali e serie azioni di conformità dell’Associazione islamica ai valori costituzionali. Infine: un controllo delle presenze dei cittadini stranieri, evitando che si moltiplichino e che ci siano situazioni di irregolarità. Le dichiarazioni generiche non bastano più. Occorre tenere insieme diritti, doveri, opportunità responsabilità, sicurezza. Guardando al bene comune». Umbertide cambia, Codovini, Conti, Faloci, Orazi.      

08/08/2016 18:34:04

Notizie » Politica Umbertide: presentata la festa de l'Unità 2016

Dal 19 al 28 agosto 2016 torna nella splendida cornice del Parco Ranieri di Umbertide la Festa de l’Unità organizzata dal Partito Democratico di Umbertide. Il programma è stato illustrato in questi giorni dal segretario del Pd di Umbertide Giovanni Valdambrini insieme all’on. Giampiero Giulietti, alla presenza dei tanti iscritti e simpatizzanti che ogni anno rendono possibile l’organizzazione dell’evento. Una festa storica per Umbertide, che coinvolge oltre cento volontari e che quest’anno proporrà dieci serate all’insegna della musica, della gastronomia, del divertimento per grandi e piccini e soprattutto del dibattito politico. Perché la Festa dell’Unità è sì la festa di Umbertide ma è soprattutto una festa politica, occasione per la cittadinanza umbertidese per incontrare e confrontarsi con amministratori locali e regionali ed esponenti e dirigenti nazionali del Partito Democratico, appartenenti alle varie aree del Pd, che daranno vita a dibattiti ampi ed esaustivi sulle più importanti tematiche del momento. Nelle nove serate organizzate presso lo spazio dibattiti, si parlerà infatti di lavoro e di sviluppo economico, ma anche di scuola con l’esempio del neonato Fablab school al Campus Da Vinci, di welfare con la recente approvazione della legge sul dopo di noi e di riforme istituzionali, anche in vista del referendum del prossimo autunno. Tra le presenze non mancherà la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, oramai ospite fissa della festa umbertidese, ma porteranno il loro contributo anche numerosi esponenti del Pd nazionale. Durante tutte le iniziative poi scarpette rosse campeggeranno sul tavolo dei relatori per “gridare” no al femminicidio. Anche quest’anno infine la festa sarà ecologicamente sostenibile visto che ancora una volta l’iniziativa è riuscita ad ottenere il prestigioso riconoscimento regionale di festa ecologica per l’attenzione dimostrata in tema di rispetto dell’ambiente e riduzione della produzione di rifiuti.

07/08/2016 12:36:12

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: QUANDO IL TAVOLO PER LO SPORT E L’EDUCAZIONE?

Riceviamo e pubblichiamo Approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale, il Tavolo per lo Sport e l’Educazione, proposto da Umbertide cambia, non è stato ancora attivato. “Eppure – afferma Stefano Conti, Consigliere Comunale del movimento civico - dovrebbe già esistere visto che non è stato mai formalmente chiuso quello istituito, e regolarmente boicottato, già dal 2007.  Questo la dice lunga sulla politica per lo sport dell’Amministrazione Comunale, fondata sull’elargizione di contributi, ma sostanzialmente priva di contenuti progettuali”. “Lo sport – aggiunge Conti – è uno dei capitoli di bilancio più onerosi, prevedendo una uscita che supera i 700.000 euro, di cui circa 400.000 di spesa corrente. Bisogna trasformare questa spesa in un reale investimento e solo l’investimento sui giovani e sulla loro educazione giustifica un impegno economico pubblico così importante. In materia di sport – sostiene il consigliere di Umbertide cambia - il Comune di Umbertide può vantare due condizioni particolarmente positive: una vasta impiantistica, di assoluta qualità, che consente una diffusa pratica sportiva, ed un sostegno alle società sportive, perseguito in particolare attraverso lo strumento della convenzione diretta per la gestione degli impianti. Ma al tempo stesso – sottolinea Conti - due sono i limiti palesati: appunto la mancanza di una vera politica per lo sport, che persegua obiettivi chiari, e la necessaria attenzione verso le attività giovanili e gli sport cosiddetti “minori”. “Il Tavolo per lo sport e per l'educazione – spiega Conti - consente di costruire le condizioni attraverso le quali la pratica sportiva giovanile possa essere al tempo stesso educativa, formativa e competitiva ed abbia in sé un approccio sociale ed agonistico. Si pone dunque quale luogo di confronto e di programmazione tra i diversi agenti educativi: associazioni sportive e culturali, scuole, parrocchie, potenzialmente anche famiglie, attraverso le associazioni dei genitori ed i loro rappresentanti negli organismi scolastici. Il Tavolo permetterà di promuovere la formazione dei giovani in un contesto sinergico, realizzando una rete tra i soggetti operanti e mettendo a disposizione una serie di competenze locali che possono fungere da supporto nello sviluppo di questa azione educativa condivisa. Il tutto teso anche a rinforzare il senso della comunità, civile ed educante. Questo per noi - conclude il Consigliere Conti - significa investire sui giovani, sulla loro educazione e sulla loro formazione e costruire il futuro sulla valorizzazione del capitale sociale ed umano che la nostra comunità esprime”.   Umbertide cambia

25/07/2016 18:45:35

Notizie » Politica Mini rimpasto nella Giunta Locchi, l'Assessore Leonardi non condivide la scelta del Sindaco

"Innanzitutto ringrazio tutti i commercianti per la loro disponibilità. In questi giorni  ho ricevuto molte telefonate da molte persone e amici, che non hanno capito il perché e quali sono i motivi della revoca. Il sindaco ha i pieni poteri di dare e togliere le deleghe, anche se non condivido la sua scelta. Mi sembra chiaro che tutto questo è riconducibile a liti politiche all'interno del PD che non fanno bene né al Pd né ai cittadini umbertidesi. Le diversità di vedute non dovrebbero influenzare le scelte dell’amministrazione. Comunque io credo che in questi due anni il nostro gruppo dei renziani abbia lavorato con serietà, disponibilità, impegno e trasparenza. Siamo consapevoli di poter camminare a testa alta e continueremo a farlo. E chiaro che è molto strano ricevere incarichi fuori Umbertide e vedersi limitare il proprio operato amministrativo nel proprio comune”. Questo è quanto dichiarato da Paolo Leonardi, Assessore del Comune di Umbertide. Inoltre, Leonardi ha ricevuto anche un incarico dalla segreteria provinciale del PD affermando: “Ringrazio il segretario provinciale Dante Andrea Rossi per l’incarico che mi ha dato in segreteria provinciale con il compito di occuparmi di argomenti così importanti come la sanità e il sociale. Per quello che riguarda la situazione di Pietralunga, già abbiamo fatto diversi incontri e cercherò di portare avanti questo importante e difficile impegno con massima serietà”.

23/07/2016 16:49:40

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy